Un film sui fratelli De Filippo con la regia di Sergio Rubini

L’articolo su il Corriere del Mezzogiorno di Ignazio Senatore

“Il mio film sui De Filippo lo girerò a Napoli all’inizio di settembre. La sceneggiatura è il frutto di un lavoro di tanti anni di studio e di sudore, mio, di Carla Cavallucci e Angelo Pasquini, co-sceneggiatori e dei produttori Agostino e Maria Grazia Saccà.” Chi parla è Sergio Rubini, omaggiato ieri con un premio alla carriera, nella serata d’apertura della diciottesima edizione dell’Ischia Film Festival, diretto da Michelangelo Messina

Come mai un pugliese come lei si è interessato alla vicenda dei De Filippo?
“Negli anni Sessanta, ero ancora un bambino e mio padre mi portò al teatro Piccinni a Bari a vedere Eduardo che interpretava “Sabato, domenica e lunedì”. Non ricordo bene lo spettacolo ma che mio padre, al termine dello spettacolo, mi teneva in braccio e mi sollevava, per applaudirlo. Eduardo poi l’ho visto tante volte a teatro, ho sempre amato il suo teatro. Ho debuttato, poi, a sedici anni, in una compagnia filodrammatica, recitando il personaggio di Nennillo di “Natale in casa Cupiello”. Eduardo non è solo Napoli ma è nel DNA degli italiani e della mia famiglia.

Cosa le affascinava della loro storia?
“Erano tre ragazzi che appartenevano ad una famiglia, apparentemente minore, che poi, invece, sono riusciti, con la forza del proprio talento, tenacia e abnegazione, a ribaltare il loro destino. Hanno affermato il loro cognome, che costituiva la loro ferita, perché era quello della madre, e soprattutto a imporre una grande rivoluzione nel teatro, ad affrancarlo dalla matrice ottocentesca, ereditata del teatro paterno, e a rivolgerlo ad uno sguardo più realistico, al punto che Eduardo lo si può considerare tra i padri del Neorealismo.”

Quale periodo della loro storia racconterà?
“Ho ristretto l’arco narrativo dal 1925, quando muore Scarpetta, il loro padre naturale, che in eredità non gli lascia nulla, se non il talento, fino al Natale del ’31, anno della loro prima rappresentazione al Kursaal di Napoli. Descriverò gli anni della formazione del trio e racconterò anche quelle ferite, che poi, nel corso degli anni cresceranno, fino al punto da farli dividere.”

Ha già scelto il cast?
“No, ma sono alla ricerca di tre giovani venticinquenni- trentenni. Il panorama teatrale dei giovani napoletani è vastissimo e confido che riuscirò a trovare tre talenti.”

Fellini dichiarava che veniva a Napoli a prendere le sue “facce” perché i volti dei napoletani sono il risultato “geologico” di una sovrapposizione di storie e di avvenimenti, soprattutto dolorosi, continui e abituati ad avere quel distacco da se stessi, tipico degli attori.”
“Sono assolutamente d’accordo anche se, questa della stratificazione geologica della sofferenza”, è tutta meridionale. Nel napoletano c’è però anche la capacità di ironizzare la sofferenza, fino ad arrivare addirittura oltre. Nel volto del napoletano c’è, infatti, la sofferenza, ma anche la leggerezza e quindi un insegnamento a come vivere la vita.”

E lei ha già lavorato con tanti attori napoletani da Salemme a Orlando, da Carpentieri al giovane Di Leva, alla Golino.
“Ho cominciato nell’’82 con Tato Russo, per cui il teatro napoletano e la napoletanità sono bene impresse nella mia storia professionale e umana.”

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

ANTONIO CAFIERO IL “QUASI PRESIDENTE” ARGENTINO-CAROTTESE

ANTONIO CAFIERO IL “QUASI PRESIDENTE” ARGENTINO-CAROTTESE di Eugenio Lorenzano Un politico longevo come pochi Antonio Cafiero, figlio di Giuseppe emigrato ad inizio…

30 Lug 2020 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Piano di Sorrento Redazione

Meta

Stupro di gruppo nell'hotel a Meta: «La turista inglese era…

Non era consenziente, ma è evidente che gli autori degli abusi abbiano somministrato sostanze stupefacenti con effetti incapacitanti Di Dario Sautto…

14 Lug 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico d'estate 2020 in sicurezza: varato il programma delle manifestazioni

L’assessore Donnarumma: “Siamo molto orgogliosi del calendario di eventi che abbiamo costruito: attività all’aperto ed escursioni alla scoperta dei borghi,…

02 Ago 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Passeggera ferita su una nave al largo di Capri, soccorsa…

E affidata alle cure mediche (Fonte caprinews.it)   Incidente su una nave, passeggera si frattura tibia e perone. Soccorsa al largo di Capri…

02 Ago 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri, hotel abusivo sequestrato dai carabinieri: sotto accusa il figlio…

Nell'ambito di una indagine della Procura di Napoli su presunti abusi edilizi   (Fonte ilmattino.it) L'albergo «La Certosella» di Capri è stato sequestrato dai carabinieri nell'ambito…

30 Lug 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Positano, dopo i crolli sulla costa scattano i sequestri: scoperte…

I Militari, in pattugliamento aereo, da mare e da terra, hanno anche scoperto che lavori erano ancora in corso, ben…

30 Lug 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Ultimo appuntamento di "Vietri in Scena": il duo Minimo Ensemble

Chiuderanno la manifestazione che è stata dedicata alla memoria di Ennio Morricone Vietri sul Mare - Ultimo appuntamento giovedì 30 luglio alle…

29 Lug 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook