Stupro turista inglese, parla la figlia al processo

La madre solo quando rientrarono in Gran Bretagna le raccontò l’accaduto

 

 Redazione – Al processo per lo stupro della turista inglese a Meta, parla la figlia al processo e narra che la madre solo quando rientrarono in Gran Bretagna le raccontò l’accaduto.

La vicenda accade quella notte di ottobre del 2016 quando sua madre, 50 anni, sarebbe stata narcotizzata con un mix di alcol e droga e poi stuprata da alcuni ed ormai ex dipendenti dell’hotel di Meta che le ospitava.

La 26enne inglese arrivata in Italia con un volo direttamente da Londra, maglietta nera, occhiali spessi, voce bassa ma decisa ed un’interprete al suo fianco, non si sottrae sia alle domande che le vengono poste che al narrare cosa accadde quella sera a lei ed alla madre.
Ella è la testimone-chiave del processo al quintetto degli ex dipendenti dell’albergo Alimuri: Fabio De Virgilio, Antonino Miniero, Gennaro Davide Gargiulo, Raffaele Regio e Francesco Ciro D’Antonio, che furono arrestati il 14 maggio dello scorso anno con l’accusa di violenza sessuale di gruppo e dal 25 ottobre ai domiciliari.

Nel suo racconto la giovane britannica ricostruisce quei momenti di quella sera prima che poi ritornassero in patria: avevano cenato lei e la madre con un’altra coppia di turisti, il personale si era dimostrato gentile, garbato ed ospitale. Poi quando elle erano sedute al tavolo si avvicinò uno dei barman ed offrì loro dei bicchierini di alcolici. E lei lo riconosce in Fabio De Virgilio, che insieme agli altri era in aula, per il neo sulla fronte, e dopo la cena le invitò al bar, dove racconta che c’erano tre dipendenti dell’hotel: De Virgilio, Gargiulo, individuato per il tatuaggio sul collo, ed un terzo che per ora non è stato riconosciuto. Al bancone ricorda che bevve un drink e che poi su di esso c’erano gli shot, dopo si sentì male e stette nel bagno per varie ore a vomitare, svenne ma poi si riprese e cercò la madre che non trovò. E proprio in quel momento, come afferma la Procura, la donna 50enne veniva violentata prima nei pressi della piscina dell’hotel e poi in un locale vicino.

I difensori tentano di demolire la versione dei fatti che ha ricostruito la madre della giovane, perché contestano tre aspetti. Uno, perché la 26enne quando era in bagno a vomitare ascoltò la voce della madre che la invitava a prendere le chiavi ed a tornare in camera, e questo avrebbe voluto dire che la donna si sarebbe voluta appartare con qualcuno. Ma poi rientrate in Inghilterra la madre si scusò per non esserle stata vicina.

Secondo, che dopo che è uscita dal bagno la cercò ma non la trovò, poi la vide uscire dall’ascensore e tornare nella stanza accompagnata da un uomo, e le chiese dove fosse stata ma ella non rispose, non aveva segni di violenza e suppose che si fosse appartata con qualcuno.

Infine il terzo, l’uso di tranquillanti da parte della vittima, che secondo la perizia eseguita da un esperto nominato dalla Procura, ha accertato la presenza di benzodiazepine nell’organismo della 50enne. Questo significa, secondo i difensori del quintetto, che la donna prendesse dei tranquillanti saltuariamente circostanza confermata da quest’ultima in sede di incidente probatorio, perciò non si può dire che sia stata drogata. Ma su questo la 26nne ha risposto con decisione, perché sua madre non ha mai assunto quei medicinali.

Mentre i vertici dell’hotel Alimuri si sono costituiti parte civile nei confronti del solo Raffaele Regio, poiché la sua posizione era stata stralciata nel corso della prima udienza per un vizio di notifica è stata riunita a quella degli altri quattro imputati. Ma comunque il costituirsi parte civile era solo stato ammesso nei suoi confronti, un fatto che l’Alimuri non si è fatto sfuggire, anche per farsi risarcire il danno di immagine.

 

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Picchiate per anni, padre le deve risarcire

Questo ha stabilito il processo a carico del 75enne che per molti anni avrebbe malmenato sia la moglie che le…

19 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta, tartaruga approda sulla spiaggia in cerca di un nido

Un evento insolito, più che raro META - Un evento insolito, più che raro. Ieri notte una tartaruga Carretta carretta è…

13 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense ricorda Pasquale Paola e Antonio Ammaturo

Il 15 luglio 1982 l’agente Paola fu trucidato assieme al vicequestore Ammaturo in un agguato in piazza Nicola Amore a…

15 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Cocaina nelle strade della movida caprese

Un arrestato per spaccio, un denunciato per detenzione e un assuntore segnalato Un uomo è stato arrestato per spaccio di droga,…

20 Lug 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Abusivismo edilizio: maxi sequestro ad Anacapri

La Polizia denuncia un 62enne Ieri l’Autorità giudiziaria partenopea ha convalidato il sequestro preventivo di un’area di 2000 mq. eseguito dal…

14 Lug 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

L'Orchestra sinfonica Mozart in Villa comunale a Vietri sul Mare

Lunedì 22 luglio alle ore 21,00 un eccezionale appuntamento a "Vietri in Scena" con la musica classica Lunedì 22 luglio alle ore…

21 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano: fumo dal bus interno, paura tra la gente [VIDEO]

Intorno a mezzogiorno dal vano motore del bus adibito al trasporto pubblico interno è fuoriuscita un'impressionante nuvola di fumo bianco…

18 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook