Sicurezza treni Eav, dal 1 luglio velocità ridotta

Se non ci sarà l’adeguamento delle nuove tecnologie imposto dall’ Ansf, ci vorrà un’ora e quaranta da Sorrento a Napoli

 Risultati immagini per Ansf (Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie)

Redazione –  A riguardo della sicurezza sui treni Eav, dal 1 luglio la velocità sarà ridotta, se non ci sarà l’adeguamento delle nuove tecnologie imposto dall’ Ansf (Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie) ci vorrà un’ora e quaranta da Sorrento a Napoli.

Già la situazione è alquanto critica e poi se accadrà questo figuriamoci, un terzo delle corse cancellate, tempi di percorrenza dilatati, decine di migliaia di pendolari che abbandonano il treno per usare i bus ma soprattutto le automobili, con tutto quello che ne consegue in termini di smog, traffico ed incidenti stradali. Uno scenario da apocalisse, con tutto quello che si patisce fino ad oggi quasi tutti i giorni con i treni che spesso vanno in tilt, lasciando a piedi i passeggeri.

Si dovrà applicare il sistema «Smct», acronimo che sta per “sistema di controllo della marcia treno”, che consente al treno di transito di sapere se un passaggio a livello funziona o no, se ci sono ostacoli lungo i binari, se bisogna rallentare lungo determinati tratti. Nuove tecnologie, insomma, che ora l’Eav non utilizza. Se continuerà a non farlo, l’Agenzia imporrà un limite di velocità ai convogli molto più basso dell’attuale: 50 chilometri orari (ora si viaggia a 70 e a volte anche 90).

Perciò che il presidente Umberto De Gregorio ha scritto al ministro Toninelli per farlo intervenire su questa questione, come lui stesso ha evidenziato in una nota sul sito dell’Eav e di cui sotto la riportiamo:

“Ho scritto al Ministro Toninelli, di cui è nota la sensibilità verso le problematiche dei pendolari, di intervenire immediatamente. La regione Campania corre il rischio di veder crescere dal prossimo primo Luglio il numero di pendolari che useranno la gomma (auto, moto o bus) al posto del ferro (cumana e circumvesuviana) se non si interviene immediatamente con un provvedimento legislativo che rinvii il passaggio di competenze da Ministero ad ANSF delle linee regionali EAV previsto a partire dal primo Luglio 2019 (vedi note allegate).
Temiamo infatti che tale passaggio imporrà sulle nostre linee un limite di velocità a 50 all’ora (dagli attuali 70/90), il che determinerebbe un taglio delle nostre corse di circa un terzo. Per andare da Napoli a Sorrento, ad esempio, si passerebbe da 1,08 minuti a 1,40 minuti circa. Le nostre linee trasportano oltre 100 mila pendolari al giorno. Purtroppo il taglio delle corse stimiamo porterebbe ad una riduzione di passeggeri di circa il 30 per cento, con la conseguenza di avere in auto private o su bus circa 30-40 mila pendolari in più ogni giorno. Tutto ciò aumenterebbe il rischio di incidenti in valore assoluto. Difatti è noto che il rischio nel trasporto su gomma è molto più elevato che su quello su ferro.
Gli incidenti ferroviari gravi (reti locali + rete RFI) occorsi in Italia nel periodo 2004-2014 sono stati 1.446, con 84 morti e 276 feriti; gli incidenti stradali mortali nello stesso periodo sono stati 52.845, con 57.313 morti e 3.700.968 feriti.
Sulle strade si registra ogni anno una carneficina: 5.000 morti all’anno (media anni 2004-2014) contro 7-8 morti all’anno sulle ferrovie. Il rischio di incidenti sulle strade, rapportato al numero degli utenti, è cento volte superiore a quello su ferro. Spostare 30 mila persone al giorno su strade ingolfate è una scelta che porterà a più morti e feriti in valore assoluto.
Le nostre ferrovie (quest’anno compiono 130 anni di storia) sono certamente da ammodernare in termini tecnologici. Ma la sicurezza delle linee è dimostrata dalle statistiche degli incidenti che hanno causato morti o feriti gravi: si contano sulle punte di un dito negli ultimi vent’anni, pur avendo trasportato oltre un miliardo di persone. Le statistiche ci confortano che il rischio è quello medio delle ferrovie italiane, tra le più sicure al mondo.
EAV appena tre anni fa era sull’orlo del fallimento. Oggi ha risanato il bilancio, produce utili, ha programmato assunzioni, investimenti in infrastrutture ed in materiale rotabile. Gli investimenti sulla sicurezza necessari per essere rispettosi della normativa ANSF sono già programmati e verranno realizzati nel corso dei prossimi tre anni. Abbiamo chiesto al Ministro Toninelli di valutare una proroga congrua del passaggio di competenza dal Ministero ad ANSF o adeguate norme transitorie che non penalizzino i nostri pendolari e non mettano a serio rischio anche il nostro progetto complessivo di sviluppo. Le norme ANSF rischiano infatti di causare un impatto traumatico per EAV che porterebbe, oltre alla riduzione dei passeggeri, ad un taglio dei ricavi da traffico, a problemi nella circolazione del materiale rotabile, ad inficiare l’equilibrio di bilancio e la possibilità di assumere le 350 persone già previste per fine 2019.
Le nostre linee sono sicure il 30 giugno e possono ancora esserlo il primo luglio.
Quanto rappresentato per EAV vale per la gran parte delle ferrovie isolate italiane, presenti soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia. L’obbligo di dotarsi dei sistemi di sicurezza previsti da ANSF è scattato a fine 2017. Se in Italia per realizzare un’opera pubblica sono necessari mediamente 17 anni (secondo statistiche sole 24 ore) per noi era impossibile realizzare gli investimenti richiesti in soli 17 mesi. Abbiamo la volontà di realizzarli, tutto è già programmato. Consentiteci di realizzarli senza mettere a rischio la nostra esistenza e senza penalizzare i nostri utenti. Siamo fiduciosi che prevalga il buon senso e che il Ministro accolga la nostra richiesta, che è quella di ASSTRA (associazione di categoria aziende TPL) già inoltrata e illustrata in incontri presso le commissioni parlamentari e da ultimo ieri a Roma in sede di conferenza Stato Regioni.”

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, tra eventi natalizi e cultura

Una sinergia tra Comune, Museo Geroge Vallet, Ascom e territorio per valorizzare la cittadina costiera Foto…

07 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Consiglio di Stato ha accolto le tesi di Comune ed…

Rassegna stampa.Fonte Positano news Consiglio di Stato ha accolto le tesi di Comune ed Italia Nostra negando permesso a costruire parcheggio…

05 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Vico Equense, convegno sulla famiglia e genitori

Si terra nella sede dell’associazione Help aps nelle giornate del 13 e 14 dicembre e 20 e 21 dicembre 2019  Vico…

07 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Anacapri, stop ai rapporti con Capri dopo il no alla…

L'annuncio del sindaco Scoppa: "Rottura istituzionale nell'Isola azzurra"   Lo stop al progetto per una funicolare sotterranea tra Capri ed Anacapri ha…

02 Dic 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

No alla violenza sulle donne: la Piazzetta di Capri illuminata…

Nell’ambito delle iniziative promosse dall’Assessorato alle Pari Opportunità La Piazzetta di Capri illuminata di rosso per una sera, nell’ambito delle iniziative…

26 Nov 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Vietri sul Mare, presentazione libro "Negritudine della ceramica vietrese. Da…

Si terrà Presso il Centro Culturale C.a.T. mercoledì 4 dicembre alle ore 18,00 Presso il Centro Culturale C.a.T., in Via Ospizio 3 a…

04 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Piovono pietre sulla Salerno-Vietri

Restringimento strada provoca rallentamenti e disagi   Il distacco di pietre dal costone roccioso sovrastante Via Benedetto Croce, al confine tra Salerno e Vietri sul…

26 Nov 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook