Sant’Agnello, “Vendemmia comunitaria… che emozione!” sui Colli

Un’encomiabile iniziativa, entusiasmante e coinvolgente

 

Sant’Agnello – Un’encomiabile iniziativa, entusiasmante e coinvolgente, quella ideata da Carmela Guarracino e realizzata dal parroco, don Antonino De Maio con il supporto degli operatori della Parrocchia dei Colli di Fontanelle. Trattasi della vendemmia comunitaria, eseguita come ai vecchi tempi e pensata per i bambini dei Colli. Si è poi trasformata, in itinere, in manifestazione allargata, aperta a tutti, dato che hanno chiesto di partecipare anche bambini e adulti di altre zone. I partecipanti, circa 200, si sono radunati nell’ ex-Cava, in via Sant’Agata, come da programma, per recarsi, attraversando il lungo e arduo sentiero boschivo delle Pantanelle, nel vigneto, alla Malacoccola, messo a disposizione di tutti dai proprietari, animatori della Parrocchia. Giunti qui, tutti i presenti si sono improvvisati provetti vignaioli e, impugnate le cesoie, si sono prodigati nella raccolta dell’uva. Che spasso vedere tutti, grandi e piccoli, intenti a lavoro sotto il cocente sole, madidi di sudore! Quelli che si sono divertiti di più sono stati i bambini e i ragazzini che hanno potuto raccogliere in piena libertà i numerosi grappoli d’uva che pendevano dalle viti, non disdegnando di tanto i tanto l’assaggio di qualche succoso acino. Per molti questa era la loro prima esperienza di vendemmia in un vero vigneto. Presto è arrivata l’attesa pausa della merenda, come da tradizione contadina: fetta di pane con olio di oliva o con aglio, pomodoro e olio. Anche i più piccoli, più abituati alle merendine in commercio, hanno gradito questo cibo, semplice e genuino, tanto che ne hanno chiesto altro. Da bere ovviamente solo acqua. ven2.jpg
Dopo la sosta, tutti hanno ripreso la raccolta riempiendo tutte le cassette a loro disposizione: c’era chi tagliava i grappoli, chi metteva l’uva nell’apposita cassetta e chi la trasportava fuori dal vigneto nel punto indicato da don Tonino che, intanto, fornito di megafono, dettagliava il programma, forniva chiarimenti e impartiva disposizioni. L’arrivo di un mulo tirato dal proprietario ha fatto sperare in un impensato, ma desiderato aiuto nel trasporto delle cassette più pesanti. Comunque, tra i filari delle vite, si respirava aria di festa e di allegria: straripava la gioia dei più piccoli. Terminata la raccolta, tutti i partecipanti, attraversando il panoramico sentiero del Pizzo, sono ritornati alla ex-Cava dove gli animatori avevano predisposto, anzitempo, tutto l’occorrente per continuare la vendemmia. Qui, tutti, seduti in circolo, hanno seguito la spiegazione dell’agronomo Giuseppe Coppola sulle diverse fasi del lavoro della vendemmia per arrivare dalla raccolta dell’uva alla produzione del vino: dalla preparazione dei recipienti e delle botti, attraverso la lavatura con acqua calda, aromatizzata con finocchietti selvaggi, alla tradizionale lavata dei piedi; dalla pigiatura dell’uva con i piedi alla torchiatura dei raspi e, infine, dalla produzione all’assaggio del mosto. Dalla teoria si è subito passato alla pratica e, a turni, partendo dai più piccoli, i bambini, lavatisi i piedi, sono entrati nei recipienti pieni d’uva per la pigiatura.​È inutile raccontare quanto si siano divertiti! Sguazzavano nel mosto sorridendo ed è stato difficile per gli animatori tirarli fuori da quei contenitore allorquando bisognava trasferire i raspi nel torchio. A fine pigiatura e diraspatura, è seguito il pranzo comunitario preparato, sempre nell’ottica della sana cucina, dagli organizzatori dell’evento: pasta al forno, frittata di spaghetti, lasagna con zucca e fagiolata. Non sono mancati i dolci casarecci come la torta di crema della nonna. Il tutto accompagnato da buoni vini locali. A conclusione tutti i presenti hanno potuto gustare il mosto prodotto, prima del suo definitivo versamento nelle botti dov’è destinato poi a fermentare per trasformarsi in vino. Chi, come me, ricordava con nostalgia la “vendemmia d’altri tempi”, per un giorno si è sentito trasportato nel passato e ha rivissuto gli stati d’animo della propria infanzia: la spensieratezza della giovane età, la gioia e lo svago; ha ritrovato la voglia di vivere a contatto della natura, di girovagare per i campi, di divertirsi con poco; ha percepito i profumi e i sapori del passato nell’odore delle foglie e dei grappoli delle viti, appena recisi, e nell’assaggio dei succulenti acini d’uva. Personalmente, ho anche gioito e condiviso l’entusiasmo dei bambini che con stupore si sono fermati ad osservare dettagli che sfuggivamo ai più, come un piccolo ragno intento a tessere la propria ragnatela, un fiore sbocciato nel prato, una mora tra i rovi, i raggi del sole che filtravano tra i rami degli alberi… Nel ruolo che mi compete di animatore della Comunicazione e della Cultura, ho cercato di “ricordare” questa stupenda esperienza comunitaria nel racconto dell’evento e nei numerosi scatti, spesso fatti su richiesta, pubblicati sul sito della nostra Parrocchia al seguente indirizzo web: http://www.nativitadimariavergine.it Di certo, esperienze così andrebbero favorite e ripetute nel tempo perché caratterizzano il vero spirito di solidarietà e di condivisione di una comunità cristiana in cammino.

Anna Guarracino

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Premio Letizia Isaia: tra i premiati la giornalista Nancy De…

La cerimonia di premiazione si terrà lunedì 28 ottobre a Montecitorio Si terrà lunedì 28 ottobre a Roma, ore 16.30 presso…

12 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Covata di tartarughine scoperta a Meta

Fonte Positano news Covata di tartarughine scoperta a Meta. Ci sarebbero non poche incognite legate al ritrovamento delle tartarughine a Meta. Stando…

17 Set 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Vico Equense, festeggiati i 100 anni di Elena Cioffi

Il sindaco Buonocore a nome del Comune ha portato una targa a nome di tutta la comunità …

14 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Capri, Federalberghi: «Candidiamo faraglioni a patrimonio Unesco»

A lanciare la proposta è il presidente Sergio Gargiulo Candidare i Faraglioni di Capri all'iscrizione nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco​.…

14 Ott 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

L'Oro di Capri, è tempo di raccolta delle olive

Ad Anacapri, lungo la zona costiera tra il Faro e la Grotta Azzurra, è iniziata da pochi giorni   di Mariano Della…

07 Ott 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Giardini del Fuenti: al via la prima vendemmia di Fiano

La prima raccolta ha preso il via in questo scorcio di inizio d'autunno assolato Prima vendemmia ai Giardini del Fuenti. I terrazzamenti…

12 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Genuinità, gusto e territorialità: ecco ”Sapori d’Autunno” per i ragazzi…

Nel menù, tante sane delizie per il palato, squisitezze tipiche, cucinate in maniera casalinga, accompagnate da generoso vino Nel menù, tante…

11 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook