Punta Campanella, rimesse in libertà tre tartarughe (Video)

Furono salvate mesi scorsi dallo staff dell’Area marina protetta, dal Centro tartarughe marine della Stazione Zoologica Dohrn e dai pescatori si Salerno

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, corpo idrico e il seguente testo "Us Amp Punta Campanella"

Foto tratta dal diario di Facebook di Area Marina Protetta Punta Campanella

Massa Lubrense – Nel mare di Punta Campanella sono state rimesse in libertà tre tartarughe.

Furono salvate mesi scorsi dallo staff dell’Area marina protetta, dal Centro tartarughe marine della Stazione Zoologica Dohrn e dai pescatori si Salerno. Ora, nella giornata del 19 febbraio hanno ripreso la loro corsa in mare, grazie sempre allo staff dell’Area marina protetta, al Centro tartarughe marine della Stazione Zoologica Dohrn, ed ai volontari dell’Enpa Salerno, molto attivi nel recupero e salvataggio delle Caretta caretta. Presenti all’evento anche la Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia e di Massa Lubrense, il nucleo operativo navale della Guardia di Finanza di Salerno ed il presidente del Parco marino, Lucio Cacace.

Le tre tartarughe di Caretta caretta, hanno vissuto storie diverse, finite tutte a lieto fine, grazie alla sensibilità dei pescatori che le hanno ritrovate ed al coordinamento regionale che da anni salva e tutela la specie in Campania.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante corpo idrico e il seguente testo "Us Amp Punta Campanella"

Foto tratta dal diario di Facebook di Area Marina Protetta Punta Campanella

La femmina Eleonora, un sub adulto di 60 centimetri di carapace per 30 chili di peso, ha fatto un lungo viaggio prima di finire sfortunatamente in una rete da pesca al largo del Golfo di Salerno e recuperata dal pescatore Antonio De Mai. Era stata già salvata nell’estate del 2018 in Toscana, nel mare delle Secche della Meloria a Livorno. Curata all’Acquario di Grosseto, era stata rimessa in mare nel luglio del 2019 con un trasmettitore satellitare sul carapace. Le sue tracce si erano perse circa un mese dopo, nella zona del Golfo di Gaeta a centinaia di chilometri di distanza. Poi, la disavventura nei primi giorni del 2021, quando i pescatori salernitani l’avevano recuperata nella rete e segnalata allo staff dell’Amp Punta Campanella. Sul carapace è stato montato un nuovo trasmettitore satellitare per seguirla negli spostamenti in collaborazione con il professore Paolo Luschi dell’Università di Pisa.

Sempre i pescatori salernitani avevano recuperato, il 21 gennaio scorso, il maschio chiamato D10S, in onore di Maradona, così come viene chiamato il pescatore Luigi Guida che l’ha salvato. È un esemplare di 80 centimetri di carapace e oltre 50kg di peso. Entrambe le Caretta caretta, tranne qualche piccola ferita causata dagli attrezzi da pesca ed un inizio di embolia per la rapida risalita in superficie, sono subito apparse in buone condizioni di salute. E, dopo un mese circa, si sono dimostrate pronte per riprendere il loro viaggio in mare.

La terza tartaruga liberata oggi ha, invece, una storia un po’ più travagliata. È stata salvata in estate a Marina di Camerota in gravi condizioni a causa di un amo conficcato in gola. Vittima di una Fad (Fishing Agregating Device), il sistema di pesca illegale che inquina e uccide nel Mediterraneo. Si tratta di trappole create per attrarre molti pesci in una zona limitata di mare. Inquinano l’habitat marino con tonnellate di plastica e sono letali anche per animali come le tartarughe. Dopo una complessa operazione e molti mesi di riabilitazione, anche Micheleamma’, questo il nome della sfortunata tartaruga, ha finalmente riconquistato la libertà nel mare di Massa Lubrense.

Secondo gli esperti, di solito è preferibile rilasciare le tartarughe in mare verso primavera, quando la temperatura dell’acqua è più mite. Ma le buone condizioni degli animali ed il fatto che nel centro di cura di Portici ci siano diversi adulti in età fertile ha determinato la scelta di liberarle già ora. A breve saranno rimesse in mare un altro maschio ed una femmina adulta. Tra un po’ comincerà il periodo dell’accoppiamento.

La speranza è che le tartarughe possano contribuire già quest’estate alle nidificazioni lungo le coste campane. I numeri dei nidi nella Regione, soprattutto nella zona del Cilento, sono in costante crescita da tempo. L’anno scorso si è registrato il record assoluto con ben 32 nidificazioni. Una vera e propria nursery per la specie.

Volontari, enti, associazioni, si occupano da anni della tutela delle Caretta caretta in Campania. Un coordinamento che vede la partecipazione dell’Area marina protetta di Punta Campanella, dell’Enpa Salerno, del Museo del Mare di Pioppi-Legambiente, di Naturart, con la supervisione del Centro Ricerca Tartarughe Marine della Stazione zoologica A. Dohrn.

“Stiamo lavorando, in sinergia con la Regione, per cercare di riaprire un Centro di primo soccorso per tartarughe marine a Massa Lubrense – dichiara il Presidente dell’Amp Punta Campanella, Lucio Cacace -. Una struttura dove prestare le prime cure ma non solo. Anche un punto di riferimento per progetti di tutela, sensibilizzazione ed educazione ambientale sul territorio. Il Parco marino della costiera sorrentino-amalfitana ha salvato circa 170 tartarughe in oltre 10 anni di attività nel campo della tutela delle Caretta caretta – conclude Cacace -. Un risultato importante per la salvaguardia della specie e raggiunto grazie alla grande collaborazione dei pescatori, soprattutto quelli di Salerno, e del network regionale coordinato dalla Stazione zoologica Dohrn”.

Video tratto dal diario di Facebook di area Marina Protetta Punta Campanella, su:

https://www.facebook.com/puntacampanella.parcomarino/videos/471701477318004

GiSpa

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, al via la ristrutturazione dell’Istituto nautico per 900mila euro

È stato sottoscritto questa mattina, infatti, nella sede di piazza Matteotti a Napoli, il contratto con cui la Città Metropolitana…

21 Apr 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Eav, capolinea bus spostato alla marina di Meta

Da “Meta Spiaggia” a Stella Maris, per “Interventi di manutenzione versanti e pareti rocciose” Eav informa gli utenti del servizio automobilistico…

12 Apr 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense, il Covid-19 miete un’altra vittima

La triste notizia la diffonde il sindaco Andrea Buonocore dalla sua pagina di Facebook nella tarda serata del 19 aprile …

20 Apr 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Più di 750mila visualizzazioni ha raggiunto il video “Con calma”…

Importante traguardo (oltre 750mila visualizzazioni) ha raggiunto il video “Con calma”, la video Parodia di Luca Sepe della celebre canzone…

13 Apr 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Turismo, manifestazione nelle principali località turistiche della Campania

Il 10 aprile nelle piazze principali località turistiche Sorrento, Capri, Amalfi ed Ischia, ci sarà una mobilitazione il cui slogan…

06 Apr 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Amalfi, riapertura della SS 163 sabato 24 aprile

È stata annunciata per il prossimo fine settimana e manca solo il nuovo tappeto di asfalto e l'arteria tornerà percorribile…

21 Apr 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vietri sul Mare, associazione strutture extra-alberghiere guarda a nuova stagione…

Capace di coinvolgere i titolari di 24 strutture della cittadina porta della Costa d'Amalfi, l'organizzazione mira a favorire la cultura…

13 Apr 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano