Napoli, Covid19: stop alle morti nelle RSA

L’accorato appello del segretario Ciccone alla Regione

                        

«Il Paese sta piangendo già troppe morti silenziose. Evitiamo di doverne piangere altre e, per giunta, con la consapevolezza di non averle evitate per mere questioni burocratiche. Questa virulenta malattia va affrontata fuori dalla politica, fuori dall’economia e fuori da qualsiasi istinto ideologico. Sfatiamo pure la diceria che le nostre Istituzioni intervengono solo a tragedia consumata e solo per ricercare i colpevoli». Con queste parole si conclude la lettera aperta indirizzata al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e ai membri della quinta commissione Sanità e Sicurezza Sociale della regione, firmata dal segretario generale della UIL pensionati della Campania Biagio Ciccone.

Soltanto «adesso che l’Italia intera piange la morte silenziosa di tantissimi anziani […] le Istituzioni intervengono. Parte la magistratura […] Si muove pure qualche Regione per fare oggi quei controlli che avrebbe dovuto fare in passato» denuncia con vigore Ciccone, lanciando al contempo un allarme: «nessuno però si preoccupa dei sopravvissuti, ossia degli anziani che stanno ancora nelle case di cura e che sono circa 300 mila su tutto il territorio nazionale».

Un richiamo diretto soprattutto a chi amministra la regione Campania, «sino ad oggi attenta a prendere provvedimenti per contenere la crisi sanitaria e sociale», ma che su questo fronte «è rimasta inerte, nonostante le richieste di aiuto avanzate da più parti, oltre che dalle stesse associazioni delle strutture per la terza età».

Da qui l’accorato appello, diretto «ad ottenere (in favore delle RSA, ndr) essenzialmente due cose: in primo luogo, l’esecuzione, anche in assenza di specifiche sintomatologie, di tamponi a tutti i dipendenti impegnati nelle strutture e a tutti gli anziani ospiti; in secondo luogo, canali preferenziali per la fornitura o l’acquisto di materiale di prevenzione al contagio (mascherine, guanti, igienizzanti e camici)».

Questa la lettera:

Al Presidente della Regione Campania

Ai Componenti la Quinta Commissione Sanità e Sicurezza Sociale

La strage di anziani nelle case di riposo è ormai sotto gli occhi di tutti. E siamo tutti ben consapevoli che ciò è dipeso dalla mancata adozione delle più banali cautele che l’accertata e dichiarata pandemia richiedeva, per contenere la diffusione del virus.

Adesso l’Italia intera piange la morte silenziosa di tantissimi anziani, rendendosi conto che, in alcuni territori del nostro Paese, è venuto a crearsi un vuoto generazionale, i cui effetti peseranno su tante e tante famiglie e, soprattutto, sulle nuove generazioni. Territori come quello lombardo si scoprono oggi senza più la guida dei nonni.

E adesso le Istituzioni intervengono. Parte la magistratura per accertare le colpe delle morti silenziose. La Polizia Giudiziaria esegue, sequestrando cartelle e acquisendo le generalità dei responsabili delle strutture interessate dal maggior numero di decessi. Si muove pure qualche Regione per fare oggi quei controlli che avrebbe dovuto fare in passato, promettendo “mai più morti silenziose nelle case di riposo”.

Con il Governo impegnato a pensare alla ripresa del Paese, nessuno però si preoccupa dei sopravvissuti, ossia degli anziani che stanno ancora nelle case di cura e che sono circa 300 mila su tutto il territorio nazionale.

Evidentemente, si ritiene che spetti alle strutture in questione, prevalentemente private, adottare tutte le misure per prevenire altri decessi. E ciò sebbene la situazione sia molto pesante e costringa gli operatori a lavorare in condizioni estreme, dovute anche alle difficoltà che si riscontrano nel reperire mascherine e indumenti protettivi per il personale delle RSA. Invero, per evitare il contagio è fondamentale che gli operatori in servizio nelle case di riposo vengano dotati di tutti gli strumenti di protezione per tutelare sia la propria  salute, sia  quella  degli  anziani  che  devono  accudire, la  maggior parte  dei quali  sono non autosufficienti.

Anche la Regione Campania, sino ad oggi attenta a prendere provvedimenti per contenere la crisi sanitaria e sociale, è rimasta inerte, nonostante le richieste di aiuto avanzate da più parti, oltre che dalle stesse

Associazioni delle Strutture per la terza età. Appelli diretti ad ottenere essenzialmente due cose: in primo luogo, l’esecuzione, anche in assenza di specifiche sintomatologie, di tamponi a tutti i dipendenti impegnati nelle strutture e a tutti gli anziani ospiti; in secondo luogo, canali           preferenziali per la fornitura o l’acquisto dimateriale di prevenzione al contagio (mascherine, guanti, igienizzanti e camici).

La situazione di fragilità che ha interessato finora le RSA, oltre che gli istituti che accolgono anziani e disabili, non scomparirà nella fase due.

Francamente, ci preoccupa questa inerzia della Regione, che, pur se in ipotesi giustificata dalla natura giuridica delle case di riposo, certamente non si concilia con il primario interesse alla vita, al diritto alla salute per tutti e dunque anche di soggetti, per giunta deboli, “rimasti a casa” (nelle case di riposo, appunto).

D’altra parte, l’assistenza dentro e fuori le residenze specializzate è un servizio strategico nazionale di importanza crescente in uno scenario in cui il numero degli anziani aumenterà sia nelle città che nei piccoli centri urbani, a fronte di network familiari con sempre maggiori difficoltà ad assisterli dal punto di vista personale e di risorse disponibili.

Pertanto, auspichiamo e chiediamo che la Regione Campania dia concrete risposte alle richieste avanzate per le strutture in questione, adottando subito provvedimenti che consentano di evitare ulteriori contagi e rinviando a dopo la crisi la sistemazione di eventuali aspetti burocratici ed economici con le Strutture per anziani.

Il Paese sta piangendo già troppe morti silenziose. Evitiamo di doverne piangere altre e, per giunta, con la consapevolezza di non averle evitate per mere questioni burocratiche. Questa virulenta malattia va affrontata fuori dalla politica, fuori dall’economia e fuori da qualsiasi istinto ideologico.

Sfatiamo pure la diceria che le nostre Istituzioni intervengono solo a tragedia consumata e solo per ricercare i colpevoli.

Restiamo a casa.

Cordiali saluti.

Napoli, 14 aprile 2020

Il Segretario Generale

Biagio Ciccone

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Il pittore Carlo Amalfi di Carotto

Ne ‘Il racconto del lunedì’ Ciro Ferrigno parla di una delle Casate che nel passato ha dato maggior lustro [caption id=""…

18 Gen 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Città Metropolitana, Giuseppe Tito delegato a Sicurezza coste e costoni

Il sindaco metese gli è stata conferita questa delega dal sindaco metropolitano Luigi De Magistris Redazione – Il sindaco della…

08 Gen 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Monte Faito, rilancio aprendo negozi

Nicola Corrado, responsabile dell’associazione MKI_Faito1131mt, lancia una manifestazione di interesse per selezionare giovani imprenditori che vogliono scommettere Redazione – Rilanciare il…

19 Gen 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

“Non distruggete lo scivolo di alaggio di Marina Grande”, avviata…

Con questo slogan è partita da alcuni giorni su change.org 11 Gennaio 2021 (Fonte caprinews.it) “Non distruggete lo scivolo di alaggio di…

12 Gen 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Il Driade con mare tempestoso trasporta medici del ‘Capilupi’ a…

A Napoli dovevano sottoporsi nella giornata del 2 gennaio alla seduta programmata per la somministrazione del vaccino anti Covid-19 Sorrento…

02 Gen 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Covid Costa d'Amalfi, impennata dei contagi a Ravello. Il bollettino…

Pubblichiamo il bollettino serale, aggiornato alle 22.00, relativo ai dati dell'emergenza Covid in Costiera Amalfitana Scritto da (redazione), lunedì 11 gennaio 2021 (Fonte il…

12 Gen 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Focolaio Covid-19 a Praiano: ordinanza del sindaco

Dopo quello registrato a Maiori eccone un altro in costiera amalfitana Praiano – Nella cittadina della costiera amalfitana si registra un…

01 Gen 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano