META – INCHIESTA ALBERO PIAZZA SCARPATI/ LA “PALLA INCREDIBILE” DEL SINDACO TITO: IL PROGETTO NON LO HA REDATTO L’AGRONOMO TULLIO ESPOSITO (SECONDA PUNTATA)

Rassegna stampa locale

META – INCHIESTA ALBERO PIAZZA SCARPATI/ LA “PALLA INCREDIBILE” DEL SINDACO TITO: IL PROGETTO NON LO HA REDATTO L’AGRONOMO TULLIO ESPOSITO (SECONDA PUNTATA)

Meta – Inchiesta Albero Piazza Scarpati/ La “palla incredibile” del Sindaco Tito: il progetto non lo ha redatto l’agronomo Tullio Esposito (SECONDA PUNTATA)

PER LA PRIMA PUNTATAclicca qui

Raramente come Clan di Bertoldo abbiamo fatto le pulci al Comune di Meta. Non per mancanza di volontà, ma perché il numero di “affiliati” metesi è certamente più basso che altrove ed ultimamente si è dovuta registrare anche qualche defezione. Quando lo abbiamo fatto, però, come nel caso dell’inchiesta Pane, Amore e…Boutique Hotel. ci siamo presi un bel po’ di soddisfazioni (leggi qui).

Per cui certamente non può farci che piacere ritornare a bazzicare dalle parti di quella che viene definita Titograd.

Il compito che ci è stato assegnato è essenzialmente questo:

Capire se il Sindaco Giuseppe Tito è stato davvero un incosciente a non ordinare l’abbattimento dell’albero di Piazza Scarpati all’indomani del deposito della perizia da parte dell’Agronomo Tullio Esposito. Se il Sindaco Giuseppe Tito è stato davvero incosciente ad aver atteso otto mesi prima di far azionare le motoseghe.

Per farlo abbiamo deciso di partire da qui, da questa frase scritta nella relazione dell’agronomo Esposito:

Una frase che di fatto smentisce quanto invece dichiarato, proprio al nostro blog, dal Sindaco Giuseppe TitoInfatti Tito, nel replicare all’avvocato Francesco Saverio Esposito, aveva detto:

L’Amministrazione ha ricevuto un finanziamento di sessantamila euro dalla Città Metropolitana, per un progetto che prevedeva la sostituzione e la implementazione del patrimonio arboreo. Quel progetto è stato redatto da un agronomo, il dottor Tullio Esposito, che l’avvocato Esposito conosce bene, visto che è suo fratello. Ebbene in quel progetto, tra gli interventi da fare, si prevedeva la sostituzione dell’albero di Piazza Scarpati

Chi ha mentito tra i due: l’agronomo Tullio Esposito o il Sindaco Giuseppe Tito?

Insomma chi è nato prima: l’uovo o la gallina? Il progetto o il parere?

Per capirlo dobbiamo fare il consueto tuffo nel passato, spostando il  nostro datario virtuale al 27 novembre del 2018. E’ in quella data che il Consiglio Metropolitano di Napoli adotta la deliberazione numero 212. Un atto con cui si manifesta l’intenzione…

…di procedere al trasferimento di risorse in conto capitale ai Comuni per interventi di ripiantumazione ed incremento del verde.

Un intento davvero nobile, come riportato nell’atto, perché si colloca…

…nell’ambito di attuazione della direttrice di intervento b) “incremento della qualità della vita tramite la salvaguardia dell’ambiente”.

Fantastico!

A distanza di pochi giorni, 12 dicembre 2018,  sempre la Città Metropolitana adotta la Determinazione Dirigenziale numero 7905 del 12.12.2018. Un atto con cui si approva l’Avviso Pubblico avente ad oggetto:

“TRASFERIMENTI AI COMUNI DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI NAPOLI PER INTERVENTI DI RIPIANTUMAZIONE E INCREMENTO DEL VERDE”.

15 milioni di euro finalizzati esclusivamente a progetti relativi…

…alla realizzazione di interventi, in aree di proprietà comunale per un periodo non inferiore ad anni 20, di sostituzione di piante morte o pericolanti, nuova piantumazione di specie arboree e arbustive autoctone comprensive delle opere ad essi funzionali quali: pacciamatura, impianti di irrigazione, recinzioni e bordi per aiuole, shelter, protezioni e pali di sostegno in legno.

Trascorrono altri sei giorni, ripetiamo, solo sei giorni, e la Giunta Comunale di Meta adotta questa delibera:

Dall’oggetto si capisce che si tratta dell’atto con cui, oltre a decidere di partecipare al bando della Città Metropolitana, viene approvato anche il progetto.

Quindi esiste già un progetto, o forse lo hanno fatto in quei sei giorni.

Chi lo ha fatto però?

L’agronomo Tullio Esposito, come dichiarato dal Sindaco?

Leggiamo bene la delibera e cerchiamo di capire.

Capito un poco?

Il “progetto dettagliato dell’intervento” lo ha predisposto il Funzionario Responsabile del Dipartimento 2 – Settore 2 del Comune di Meta. Il Funzionario Responsabile del Dipartimento 2 – Settore 2 del Comune di Meta però non è l’agronomo Tullio Esposito, bensì l’architetto Diego Savarese. Quindi è l’architetto Diego Savarese che ha predisposto il progetto e deciso quali alberi abbattere e sostituire, compreso quello di Piazza Scarpati.

Che si tratti dello stesso progetto lo si capisce anche dal quadro economico approvato nella stessa delibera.

Eccolo:

I 60 mila euro a cui faceva riferimento Tito nella sua dichiarazione. A questo punto non ci resta che dedurre che il Sindaco Giuseppe Tito abbia sparato una palla incredibile quando ci ha riferito che…

…L’Amministrazione ha ricevuto un finanziamento di sessantamila euro dalla Città Metropolitana, per un progetto che prevedeva la sostituzione e la implementazione del patrimonio arboreo. Quel progetto è stato redatto da un agronomo, il dottor Tullio Esposito, che l’avvocato Esposito conosce bene, visto che è suo fratello. Ebbene in quel progetto, tra gli interventi da fare, si prevedeva la sostituzione dell’albero di Piazza Scarpati.

Se è così, però, come sbuca fuori il nome dell’agronomo Tullio Esposito?

Per capirlo dobbiamo andare avanti di qualche mese ed arrivare al 20 marzo 2019, quando ancora l’architetto Diego Savarese affida all’architetto Marianna Romano l’incarico di Progettazione Esecutiva, Direzione dei Lavori e coordinamento per la Sicurezza in Fase di Esecuzione dell’intervento che è stato finanziato dalla Città Metropolitana. Viene scelto un tecnico esterno, così si scrive nell’atto, per carenza di personale in organico.

Tullio Esposito?

Per Tullio Esposito bisogna aspettare ancora qualche giorno ed arrivare al 25 marzo del 2019. In quella data, sempre l’architetto Diego Savarese, approva una determina in cui scrive…

… che, in seguito all’incontro programmato, è stata digitalmente sottoscritta apposita convenzione tra la Città Metropolitana di Napoli, rappresentata dal Dirigente della Direzione Ambiente, Sviluppo del Territorio, Sanzioni, Ing. Maria Teresa Celano, ed il Comune di Meta, rappresentato dallo scrivente Funzionario, nella qualità di Responsabile del Procedimento; trasmessa al protocollo comunale in data 06.03.2019 con n°0003595.

C’è un problema quella convenzione ha un allegato, l’allegato “A”. E’ un allegato, ma è importante.

Leggete il perché:

In pratica dalla Città Metropolitana fanno sapere che, per potere avere i dindini, devono dimostrare che le piante da abbattere, previste nel progetto redatto dall’architetto Diego Savarese, devono essere…

…morte, in cattive condizioni fitosanitarie e/o instabili

e, non solo, ma che costituiscono…

…pericolo per l’incolumità pubblica.

Non è che le possono abbattere ad minchiam.

Per procedere hanno perciò bisogno di una…

“VERIFICA DELLE CONDIZIONI VEGETATIVE FITOSANITARIE DELLE ESSENZE ARBOREE AI FINI DELLA SOSTITUZIONE CON NUOVE PIANTUMAZIONI”.

Allora non potendo affidare l’incarico…

…a personale interno all’Amministrazione; e ciò, in ragione della circostanza che mancano nell’Organico dell’Ente figure specializzate per tali attività professionali…

…chiamano l’agronomo Tullio Esposito. All’agronomo Tullio Esposito quindi l’ingrato compito di dire se quelle piante che il Comune ha deciso di “fare fuori” e sostituire costituiscono un pericolo per la pubblica incolumità.

Ecco perché l’agronomo Tullio Esposito andrà a periziare solo quelle 14 piante, perché quelle erano state quelle condannate a morte dal Comune.

Ora, considerato che stesso l’architetto Diego Savarese ha dichiarato che…

…mancano nell’Organico dell’Ente figure specializzate per tali attività professionali…

…come accidenti avranno fatto nel Palazzo a sapere, addirittura prima di affidare la perizia, quali piante erano…

…morte, in cattive condizioni fitosanitarie e/o instabili…

e che inoltre costituivano…

…pericolo per l’incolumità pubblica?

Sfera di cristallo, botta di culo o altro?

In poche parole, prima si sono fatti fare il vestito e poi si sono ricordati di farsi prendere le misure.

Non sappiamo voi, ma noi ci stiamo gasando di brutto, pensiamo che sia il caso di andare avanti.(fine seconda puntata)

Riportiamo anche la prima puntata

META – INCHIESTA ALBERO PIAZZA SCARPATI/ SE QUELL’ALBERO ERA PERICOLOSO TITO È STATO UN INCOSCIENTE (PRIMA PUNTATA)

Meta – Inchiesta Albero Piazza Scarpati/ Se quell’albero era pericoloso Tito è stato un incosciente (PRIMA PUNTATA)

Ieri pomeriggio avevo da poco finito di pranzare e mi accingevo ad affrontare quello che chiamo “riposino giapponese” (in pratica una pennichella con dizione esotica), quando il mio telefonino ha iniziato a balbettare quell’odioso piripì che ti annuncia che qualcuno ti ha messaggiato.

L’ho guardato quasi schifato. Quando il rito del Sol Levante chiama, niente e nessuno può fermarmi. Ho rinviato tutto al rientro sulla terra. In realtà, non essendo notoriamente amante dei social, quel messaggino pomeridiano lo sono riuscito a leggere solo in serata. 

Si trattava di due immagini che ritraevano una scheda ed un documento. Il tutto è accompagnato da una frase quasi telegrafica: 

Leggi bene all’ultimo.

Ho aperto il documento ed ho raccolto l’invito di leggere in calce. C’era scritto…

Il documento portava in intestazione un nome, quello dell’agronomo Tullio Esposito.

Ho messo da parte il messaggio e mi sono lanciato nella consueta attività voyeuristica social serale. E’ stato proprio mentre peregrinavo nel caotico mare della rete che ho scoperto che quei due fogli scansionati non erano stati inviato solo a me, ma stavano gironzolando anche sui social. Sembrava essere la parola fine sulla vicenda dell’albero tagliato a Piazza Scarpati.

Aveva ragione Tito, sempre le solite polemiche.

Questo il sunto dei tanti commentatori. A momenti me ne convincevo anche io. Poi però è scattata la molla. Non poteva essere diversamente. Quando non sei un likeapprescindere ed a quell’unico neurone che ti è rimasto in attività gli fai ballare la tarantella h24 tutto cambia.

Ho ripreso il telefonino, sono tornato al messaggio ed ho ascoltato le istruzioni dell’agronomo Tullio Esposito. Ho dato uno sguardo alla scheda VTA allegata.

E’ questa:

L’agronomo nella scheda, ci fa sapere che…

…la pianta si presenta sofferente con una vistosa cavità che dall’attaccatura delle branche si estende verso il basso sino al colletto.

Nel giudizio conclusivo, che poi è quello che conta, Esposito la classifica come C/D nella propensione al cedimento. Stranamente non suggerisce né interventi manutentivi, né ricontrolli.

Cosa significa però C/D?

Significa questo:

Rischio elevato per cui il tecnico incaricato…

…deve assolutamente indicare dettagliatamente un insieme di interventi colturali. Tali interventi devono essere finalizzati alla riduzione del livello di pericolosità e devono essere compatibili con le buone pratiche arboricolturali.

All’esito di quegli interventi si procederà ad una nuova valutazione. Inoltre, solo nell’impossibilità di effettuare i suddetti interventi, l’albero…

…è da collocare tra i soggetti D, cosa che invece non è stata fatta.

Chi sono infatti i soggetti D?

Sono questi:

Sono le uniche essenze che devono essere abbattute! Però non è andata così, non è andata così perché l’agronomo nella relazione ha scritto diversamente. Cioè la relazione dice una cosa e la scheda un’altra.

La vicenda stava diventando intrigante, allora ecco che il neurone ha pensato bene di abbandonare la tarantella e si è lanciato nel Ballo di San Vito.

Ho riletto la relazione e sono stato colpito da due piccoli ed apparentemente insignificanti dettagli.

Il primo è questo:

L’agronomo cita un intervento programmato dal Comune. Un intervento che prevede ripiantumazioni e incrementi del verde. Insomma è stato il Comune a dire ad Esposito su quali piante andare a relazionare. 

Il secondo dettaglio è questo:

La data in alto.

Quella sottolineata in rosso, infatti, è la data di acquisizione a protocollo.

5 giugno 2019.

Praticamente all’indomani dell’elezione bulgaro che ha confermato Giuseppe Tito Sindaco di Meta. 

Si tratta di circa otto mesi fa.

Se quello che c’è scritto nella relazione, vale a dire che quell’albero costituiva un pericolo per la pubblica incolumità, allora significa che Tito, l’Imperatore Tito è stato un incosciente a non emettere un’ordinanza ad horas all’indomani del deposito della relazione di Esposito. Altro che prima la sicurezza, come aveva annunciato sul suo profilo facebook per smorzare le prime polemiche…

Ha lasciato il suo popolo per otto lunghi mesi nel rischio più totale. Basti pensare che in quegli otto mesi è accaduto di tutto. Ad esempio, solo poche settimane fa, si è abbattuta sulla Penisola un “venticatorio” così forte da provocare una mareggiata che ha sfondato il molo di sopraflutto e fatto tutte “chiancarelle” di uno stabilimento balneare lasciato lì anche in inverno.

Eppure Tito non ha eseguito la sentenza di condanna a morte dell’albero di Piazza Scarpati. Ha incredibilmente aspettato.

Incosciente, incosciente, incosciente.

Oppure no?

Per rispondere a quest’ultimo quesito, però, non bastava più neppure il Ballo di San Vito, serviva chiamare a raccolta l’intero Clan di Bertoldo. Anche se si era fatta notte. Bisognava farlo ed anche subito.

Infatti è stato fatto.

Una curiosità: sapete chi era il mittente di quel messaggio?

Il Sindaco Giuseppe Tito.

(FINE PRIMA PUNTATA)

 

IL TALEPIANO V. 2.0

ASSOCIAZIONE IL CLAN DI BERTOLDO

Sede: Corso Italia n. 46 – 80063 – Piano di Sorrento

Presidente l.r.p.t. Avv. Giovanni Pollio

CONTATTI

 

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, il 20 settembre collaudo ascensore spiaggia

Lo riferisce il sindaco Iaccarino che sarà effettuato dai tecnici del ministero dei Trasporti Piano di Sorrento – Il 20 settembre…

15 Set 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

RICCARDO PROPOLI: L’ESTRO ARTISTICO DI UN MAESTRO INTARSIATORE

I mancini hanno una marcia in più e soprattutto un estro artistico fuori dal comune Foto tratta…

18 Ago 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

“Dante matematico”, grande successo di pubblico per l’incontro sul Sommo…

Un momento di confronto tra matematica, geometria e letteratura premiato dalla partecipazione entusiasta del pubblico che ha seguito con estremo…

28 Set 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Sorrento 1945, amichevole con il Givova Capri Anacapri

I costieri saranno impegnati il 5 settembre nel primo “Memorial Ettore Gargiulo”, dedicato al giovane calciatore caprese deceduto lo scorso…

01 Set 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Sport Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri, rissa davanti noto albergo: denunciati partecipanti

Ha coinvolto varie persone nella zona di uno  degli alberghi più “in” di Capri, il Quisisana Redazione – Davanti ad un…

29 Ago 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Costiera amalfitana, 63enne salvata nella valle delle Ferriere

L’escursionista originaria di Gragnano stava percorrendo un sentiero escursionistico quando è inciampata e caduta con un volo di circa 3…

26 Set 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Minori, turista statunitense positivo al Covid-19

Sarà trasferito presso il Covid Center dell’ospedale del Mare Redazione – A Minori un turista statunitense che era già vaccinato è…

18 Set 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano