L’incredibile storia dell’isola delle rose

Fonte Il Corriere del Mezzogiorno
Autore Ignazio Senatore,critico cinematografico

Sydney Sibilia lo ha promesso: “Il prossimo film lo girerò a Napoli”, ma in questi giorni è a Malta sul set de “L’incredibile storia dell’isola delle rose”. Dopo aver raggiunto il successo di pubblico e di botteghino con “Smetto quando voglio” nel 2014, film con Edoardo Leo, Stefano Fresi, Valeria Solarino e i “napoletani” Libero De Rienzo e Sergio Solli, premiato con dodici candidature ai David di Donatello, un Nastro d’argento (come miglior commedia) e un Ciak d’oro, il talentuoso regista salernitano ha poi diretto il successivo “Smetto quando voglio ad honorem” (2017), vincitore di tre Nastri d’argento, e il sequel, girato nello stesso anno, “Smetto quando voglio Masterclass”, che ha raccolto altri tre Nastri d’Argento. Abbandonate le travolgenti malefatte degli scapestrati ricercatori universitari, protagonisti della sua trilogia, Sibilia, nel suo nuovo film narra l’utopistico progetto dell’ingegnere meccanico bolognese Giorgio Rosa, interpretato da Elio Germano, affiancato sul set da Matilda De Angelis, Fabrizio Bentivoglio, Luca Zingaretti, François Cluzet (l’irresistibile protagonista di “Quasi Amici”) e Thomas Wlaschiha di “Game of Thrones”. Giorgio Rosa, infatti, assieme ad altri tre ragazzi riminesi, amici per la pelle, nel ’68, decise di costruire uno stato indipendente, su una piattaforma marina di acciaio e calcestruzzo, di quattrocento metri quadrati, oltre il limite delle acque territoriali italiane, al largo di Rimini, allo scopo di creare un comunità di artisti “dediti a pace, pittura, poesia e musica”. Un professionista atipico, il signor Rosa che non mascherava le sue simpatia per la destra e che in passato si era arruolato anche nella Repubblica Sociale Italiana. Cullando il sogno di un “paradiso fiscale”, deciso ad andare fino in fondo al suo progetto, il 1 maggio del 1968, in una conferenza stampa annunciò la dichiarazione dì indipendenza. “L’isola delle rose” si era dotata, infatti, anche di un governo, composto da un residente del Consiglio e diversi ministri, una lingua ufficiale (l’esperanto), una moneta, un inno nazionale, uno stemma (tre rose rosse con gambo verde su un panno bianco), una stazione radiofonica e di un’emissione filatelica speciale. Come prevedibile, “L’isola” non fu mai riconosciuta da nessun Paese e il governo italiano poi intervenne e decise la demolizione della piattaforma. Una storia vera che andrà in onda su Netflix e che Sibilia rispolvera soprattutto per coloro che ignorano questa esperienza, caduta troppo precocemente nel dimenticatoio, figlia certamente di un’epoca popolata da inguaribili e romantici sognatori. Una figura controversa, quella di Rosa; per alcuni aveva sposato gli ideali di libertà, fratellanza e partecipazione e per altri aveva solo cercato di imbastire un business a fini turistici e commerciali. Prodotto da Groenlandia fondata dallo stesso regista con Matteo Rovere (regista di “Veloce come il vento” e “Il primo re”), le riprese dureranno dieci settimane e dopo Malta, riprenderanno a Roma e successivamente a Bologna e a Rimini.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Premio Letizia Isaia: tra i premiati la giornalista Nancy De…

La cerimonia di premiazione si terrà lunedì 28 ottobre a Montecitorio Si terrà lunedì 28 ottobre a Roma, ore 16.30 presso…

12 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Covata di tartarughine scoperta a Meta

Fonte Positano news Covata di tartarughine scoperta a Meta. Ci sarebbero non poche incognite legate al ritrovamento delle tartarughine a Meta. Stando…

17 Set 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Vico Equense, festeggiati i 100 anni di Elena Cioffi

Il sindaco Buonocore a nome del Comune ha portato una targa a nome di tutta la comunità …

14 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Capri, Federalberghi: «Candidiamo faraglioni a patrimonio Unesco»

A lanciare la proposta è il presidente Sergio Gargiulo Candidare i Faraglioni di Capri all'iscrizione nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco​.…

14 Ott 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

L'Oro di Capri, è tempo di raccolta delle olive

Ad Anacapri, lungo la zona costiera tra il Faro e la Grotta Azzurra, è iniziata da pochi giorni   di Mariano Della…

07 Ott 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Giardini del Fuenti: al via la prima vendemmia di Fiano

La prima raccolta ha preso il via in questo scorcio di inizio d'autunno assolato Prima vendemmia ai Giardini del Fuenti. I terrazzamenti…

12 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Genuinità, gusto e territorialità: ecco ”Sapori d’Autunno” per i ragazzi…

Nel menù, tante sane delizie per il palato, squisitezze tipiche, cucinate in maniera casalinga, accompagnate da generoso vino Nel menù, tante…

11 Ott 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook