Leggere è vita: evento con i Lions a Vico Equense

L’evento

Martedì 9 aprile 2019 dalle ore 17.30 presso la Sala delle Colonne dell’Istituto Santissima Trinità e Paradiso a Vico Equense ci sarà un evento di particolare valore etico e sociale: “Leggere è vita”, presentazione del progetto che ha visto l’Amministrazione comunale di Vico Equense/Assessorato alla cultura siglare, tramite i Lions della Penisola sorrentina, una convenzione con il “Libro Parlato Lions” di Verbania, associazione che da oltre 40 anni mette gratuitamente a disposizione di chi non può leggere autonomamente la  propria vastissima biblioteca di testi registrati con viva voce. Il servizio sarà attivato nella Biblioteca comunale “Gianbattista della Porta”. Dopo i saluti del Sindaco Andrea Buonocore, dell’Assessore alla cultura Lucia Vanacore e del presidente del Lions Club Penisola sorrentina Giovanni Guarracino, interverranno Giulio Gasparini, Presidente Libro Parlato Lions, Carlo Alfaro, Pediatra, componente del Direttivo Nazionale SIMA (Società Italiana Medicina dell’Adolescenza) che tra le sue mission si occupa di ragazzi e giovani con malattie croniche e disabilità, e Sergio Sbragia Referente Organizzativo Polo SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) Regione Campania. Le conclusioni saranno affidate a Paolo Gattola, Governatore Distretto 108 Ya. A introdurre e e moderare, la sensibile e colta professoressa Maria Rosaria Pirro Titomanlio, Specialist Distrettuale Libro Parlato Lions. L’importante iniziativa vuol essere un contributo a garantire il diritto di accesso alla cultura e all’informazione per tutti, incluse le persone con diversi livelli di difficoltà di lettura. Il Libro Parlato Lions è un servizio completamente gratuito; il personale della biblioteca assisterà l’utente per l’iscrizione e l’utilizzo del servizio stesso. Dopo l’iscrizione sarà possibile consultare il database degli audio libri disponibili (attualmente oltre 9000 titoli) e prenotare libri e/o richiederli su CD, scaricabili sul PC proprio o delle postazioni ubicate presso la biblioteca abilitata, o sul lettore proprio o prestato dalla biblioteca stessa.

Gli audiolibri

Un audiolibro, o libro parlato, è la registrazione audio di un libro letto ad alta voce da uno o più lettori, che possono essere attori professionisti, speaker, cantanti, gli scrittori stessi o semplici volontari “donatori di voce”. Si tratta di libri digitali, che, invece di essere letti, vanno ascoltati. Talvolta sono accompagnati nella lettura da musiche o altri effetti sonori, esempio ricostruzioni sonore (sound design) che arricchiscono l’esperienza di lettura, anche se generalmente l’audiolibro classico prevede la sola voce. Invece che da un interprete, la lettura può essere effettuata da un motore di sintesi vocale, perché si ritiene che in questo modo non ci sia interpretazione del testo da parte della voce narrante, ma semplice e asettica lettura, lasciando, a chi ascolta, lo stesso impatto della lettura, che gli permette di liberare fantasia e immaginazione mediando quanto registra con il proprio vissuto. Oggi la tecnologia ha sviluppato anche i software di sintesi vocale che, tramite opportuni algoritmi, possono analizzare in tempo reale un testo e convertirlo in linguaggio verbale.

Sono molti i potenziali utilizzatori di audiolibri:

Studenti e professionisti, che possono così ottimizzare il tempo del tragitto nei mezzi di trasporto (tram, autobus, treno, metrò) o mentre guidano l’auto, o camminano, o quando sono fermi in coda nelle file o nel traffico, nelle pause, a letto, a tavola, ecc.

Autisti durante i viaggi

Casalinghe o colf durante i lavori domestici, la cucina ecc.

Persone non vendenti o ipovedenti

Persone affette da handicap motori o disabilità psichiche (autistici, ammalati di SLA, sclerosi multipla,  Alzheimer, Parkinson)

Dislessici

Persone di lingua straniera con difficoltà di lettura del testo scritto

Pazienti ospedalizzati

Anziani e bambini. Non a caso, il 44.8% delle vendite di audiolibri deriva dall’acquisto di libri per bambini.

Vantaggi dei libri audio:

Fruibilità

Comodità

Comprensione rapida ed efficace

Agevolazione dell’apprendimento

Con l’ascolto attraverso le cuffie, maggiore concentrazione

Miglioramento della qualità della vita di persone con problemi a poter leggere

Per quanto riguarda i libri audio in formato mp3, economicità rispetto ai libri in carta stampata.

Diffusione: gli audiolibri sono molto diffusi sul mercato anglosassone, in cui tutti i libri più importanti di norma escono contemporaneamente sia in versione cartacea che in versione audio. Negli Stati Uniti, secondo l’associazione degli editori che li pubblicano, nel 2017 sono stati venduti audiolibri per un fatturato di 2,5 miliardi di dollari, il 22,7% in più rispetto al 2016.

Il Libro parlato Lions

“Libro parlato Lions” è un servizio di audiolibri a favore delle persone con gravi problemi di vista e altre forme di disabilità che non gli permettono di leggere in autonomia, per consentir loro di godere della fruizione del piacere dei libri. È nato nel 1975 a Verbania col nome di “Servizio del Libro Parlato per i ciechi d’Italia Robert Hollman” del Lions Club Verbania, a cui si sono successivamente aggiunti il Centro di Chiavari ad opera del locale Lions Club e a Milano il Centro Romolo Monti, per cui tale attività di solidarietà viene svolta attualmente dai tre centri operativi di Verbania, Milano e Chiavari. Il servizio è completamente gratuito per gli utenti. Inizialmente i testi erano disponibili sui nastri dei magnetofoni, poi via via col progresso tecnologico su cassette, CD e sugli MP3. L’intera biblioteca di audiolibri è ora fruibile mediante le Applicazioni per smartphone e tablet (iOS e Android) e on line tramite internet. L’audiobiblioteca Lions è divenuta nel tempo una vera e propria enciclopedia con circa 9300 testi e argomenti per tutte le preferenze, esigenze, età. Con apposite convenzioni il servizio Libro parlato Lions è usufruibile da 24 biblioteche statali e da un gran numero di altre istituzioni bibliotecarie, da case di riposo e di cura, strutture ospedaliere, centri di riabilitazione per disabili, per un totale complessivo di 258 convenzioni attualmente in essere. Il numero di utenti complessivo è stimato oltre le 13.000 unità. Il servizio è gestito dall’Ente Morale Associazione Amici del Libro Parlato per i Ciechi d’Italia Robert Hollman del Lions Club Verbania – ONLUS e dall’Associazione Libro Parlato Lions – Centro di Milano Romolo Monti – ONLUS, mentre le applicazioni per smartphone e tablet sono state realizzate e donate al Lions dal Comitato Libro Parlato Lions del Distretto 108TA3. Sulla pagina Facebook “Libro Parlato Lions”, ogni giorno un nuovo post presenta un volume diverso, che viene condiviso in 54 Gruppi Facebook per un totale di oltre 300.000 contatti.

L’importanza della lettura

Leggere e ascoltare può rappresentare uno squarcio di libertà che attraverso l’incontro con un mondo di parole, diventa via privilegiata per vivere un viaggio fuori dalla propria quotidianità. La lettura è conoscenza, formazione, emozione, piacere. Nutrire la propria mente di parole è altrettanto importante per il benessere personale della cura del corpo attraverso cibo, esercizio fisico, farmaci.

Vantaggi della lettura:

Stimolazione cognitiva: nei bambini e ragazzi favorisce l’aumento delle connessioni sinaptiche con sviluppo delle capacità cognitive, critiche (attivando i processi mentali di riflessione, analisi e valutazione) e analitiche (individuare le soluzioni giuste); nell’anziano aiuta a prevenire o rallentare il declino cognitivo e malattie come l’Alzheimer e la demenza senile.

Attivazione della memoria: la lettura crea nuovi ricordi e attiva quelli preesistenti.

Riduzione dello stress: immergersi nella dimensione evocata dal libro permette di evadere in un mondo parallelo, lasciando al di fuori le tensioni del presente, con positivi effetti fisiologici misurabili su frequenza cardiaca e pressione arteriosa.

Miglioramento dei livelli di attenzione e di concentrazione.

Aumento della consapevolezza e comprensione di sé: leggere consente di riflettere ed entrare in contatto col proprio mondo interiore ed elaborare il proprio vissuto, col risultato di una generale maturazione e crescita personale; rappresenta un processo educativo, nel senso di “educere”, “portare fuori”: far emergere il sé inconscio.

Aumento della capacità di fronteggiare situazioni di difficoltà e stress e superare esperienze traumatiche.

Incremento del senso di soddisfazione personale e dell’autostima

Aumento dell’empatia: esplorando la vita interiore dei personaggi, i lettori imparano a immedesimarsi  in emozioni, motivazioni, e pensieri altrui.

Acquisizione di modelli di comportamento e chiavi di interpretazione del modo.

Aumento delle abilità sociali e la capacità comunicativa, allargamento degli argomenti di conversazione, apertura verso gli altri.

Arricchimento culturale: i libri aumentano le conoscenze, accrescono il bagaglio culturale, espandono il vocabolario, arricchiscono il linguaggio, migliorano le abilità di scrittura.

Stimolazione di fantasia e creatività, ampliando la mente ad ambiti nuovi e ispirando idee e propositi.

Intrattenimento, divertimento, distrazione, antidoto a pensieri negativi e depressione.

Risveglio di aeree neuro-motorie sopite: leggendo si crea, secondo gli studiosi, il fenomeno della “cognizione incarnata”, lo stesso fenomeno per cui per esempio quando si assiste a un evento sportivo si possono attivare i motoneuroni associati ai movimenti di quello sport; similmente la lettura può, per un processo di immaginazione e immedesimazione, attivare le aree cerebrali coinvolte in quello che si sta leggendo. Questa intersezione tra lettura e aree cerebrali coinvolte dall’immaginazione è emersa dalla recente possibilità di effettuare studi di imaging cerebrale: ad esempio, in uno studio in cui è stato chiesto ad alcune persone di immaginare delle frasi mentre erano sottoposte a risonanza magnetica, si registrava l’immediata attivazione dell’ippocampo, a sottolinea il potere del testo nello stimolare la mente di chi legge.

Allungamento della vita: in base a ricerche dell’Università del Michigan, coloro che leggono almeno 30 minuti al giorno vivono in media due anni più a lungo rispetto a chi non legge. Ma i benefici sulla durata della vita dal leggere almeno per mezz’ora al giorno valgono solo se si legge narrativa, poesia o prosa letteraria, non tanto giornali o riviste o saggistica e libri tecnici.

Leggere ai bambini

La crescita di un bambino, sia fisica che mentale, è il frutto della continua interazione tra la genetica e l’ambiente, in un ininterrotto interscambio reciproco, sin dalle primissime epoche della vita. La voce ascoltata di un adulto che legge, conversa o racconta, rientra tra gli stimoli importanti per lo sviluppo cerebrale del bambino. Studi di neuroimaging hanno dimostrato come l’ascolto di una voce che legge favorisce lo sviluppo e la strutturazione dei circuiti neuronali di diverse aree cerebrali. Fattori importanti nel determinare questo processo sono precocità dell’intervento di lettura, frequenza (non meno di 5 volte alla settimana), durata e qualità dell’interazione tra il lettore e il bambino. L’attività della lettura dovrebbe rientrare tra quelle di cura primaria del piccolo (“nutrirlo di parole”).

I neonati imparano la lingua già in utero

Già dalla fase prenatale il bambino ascolta e impara a riconoscere la lingua cui viene esposto. I ricercatori hanno trovato che l’intensità del riflesso di suzione aumenta quando i neonati ascoltano una lingua che hanno già conosciuto in utero, mentre non reagiscono alle parole di una lingua ignota. Inoltre, il neonato piangendo imiterebbe già la lingua materna:  un gruppo di ricercatori, studiando con particolari programmi computerizzati il pianto di neonati tedeschi e francesi, ha trovato che il “pianto francese” presentava una curva in crescendo di ampiezza e frequenza, due qualità specifiche del suono, mentre nei neonati tedeschi la curva era in decrescendo. Insomma, il pianto dei neonati ricalca le caratteristiche melodiche della lingua di appartenenza cui sono stati esposti in utero!

Vantaggi della lettura ad alta voce ai bambini

Un adulto che legge ad alta voce a un bambino compie un atto d’amore, con risvolti importanti per lo sviluppo della personalità del piccolo sul piano relazionale, emotivo, cognitivo, linguistico, sociale e culturale. I vantaggi emersi dagli studi si possono riassumere così:

Precoce alfabetizzazione dei piccoli: il linguaggio è una competenza specifica dell’essere umano, e l’ascolto stimola lo sviluppo della parola, arricchisce il vocabolario, migliora la qualità lessicale. Una ricerca olandese ha dimostrato che rendere i bambini, già quando sono molto piccoli, partecipi delle conversazioni dei grandi, ha ripercussioni positive su precocità e complessità del linguaggio successivo.

Maturazione cognitiva: la lettura offre al bambino un canale alternativo di conoscenza, oltre all’esperienza diretta; favorisce la comprensione di sé e del mondo che lo circonda; allarga la mente alla scoperta e all’esplorazione; sviluppa l’immaginazione, la fantasia, la creatività, la curiosità; amplia la memoria; potenzia le capacità logiche e astrattive; accresce le capacità di attenzione e cooperazione.

Maturazione emotiva: ascoltare una storia consente al bambino di sperimentare ed esplorare le sue emozioni più intime in compagnia degli adulti che possono contenerlo, rassicurarlo, fornirgli spiegazioni.

Miglioramento del comportamento sociale e della salute emotiva dei bambini. Una ricerca svolta in Giappone attraverso tecniche spettrofotoscopiche ha dimostrato che l’ascolto di un racconto letto dalla propria madre è in grado di attivare il flusso cerebrale del neonato nell’area frontale, che è quella implicata nello sviluppo socio-affettivo, a conferma di quanto i benefici della lettura inizino ad operare precocemente nella mente del bambino. Diversi studi hanno evidenziato che i bambini abituati alla lettura operata dalla famiglia in età prescolare, presentano migliore rendimento scolastico, inserimento sociale, capacità di risoluzione dei problemi, cosa che acquista ancor più valore per i piccoli provenienti da famiglie con situazione di svantaggio socio-culturale. Uno studio dell’Università di Hong Kong pubblicato nel 2018 da Pediatrics, analizzando 18 ricerche precedentemente pubblicate su un totale di 3.264 famiglie di diversa provenienza, ha evidenziato che i bambini che avevano preso parte a programmi di lettura con i genitori presentavano migliori abilità sociali ed emotive, oltre che migliori comportamenti e alfabetizzazione, rispetto ai bambini che non lo facevano, mentre i genitori avevano meno stress e ansia e più fiducia nelle loro capacità genitoriali.

Valore culturale: la trasmissione di storie e racconti da adulti a bambini è stato visto come uno dei canali del passaggio di valori, messaggi etici e tradizioni da una generazione all’altra.

Abitudine alla lettura da grandi: leggere ad alta voce è il modo più efficace per appassionare un bambino ai libri e alle storie, sviluppando in lui prima il piacere e il desiderio e poi la capacità autonoma di leggere.

Aumento del legame tra genitori e figli: nell’esperienza condivisa della lettura e dell’ascolto, adulto e bambino entrano in sintonia reciproca attraverso i mondi che prendono vita tra le pagine del libro, in una comunicazione intensa e piacevole fatta di emozione, amicizia, complicità, fiducia, che rinsalda il loro legame affettivo.

Gli Italiani leggono poco: le conseguenze

Secondo i dati Istat, il 53,2% degli Italiani non ha letto neanche un libro nei 12 mesi precedenti, mentre solo il 15% degli intervistati ha letto almeno un libro al mese. La quota più alta di lettori si riscontra tra gli 11-17enni e decresce all’aumentare dell’età. Le donne leggono più degli uomini, e al Nord si legge più che al Sud (agli ultimi posti Campania e Sicilia). E’ noto che esiste una precisa correlazione tra la percentuale di lettori in un Paese e il suo grado di benessere economico, culturale e sociale. I dati Istat riferiscono anche che l’Italia è tra i Paesi europei con il più alto tasso di dispersione scolastica: nel nostro Paese abbandonano la scuola prima del tempo il 17,6% degli alunni contro la media Ue del 12,7%. La maggior incidenza di abbandono riguarda i 14-15enni nel transito dalla scuola media alla superiore. Molti dispersi finiscono per rientrare nella categoria dei Neet, Not (engaged) in education, employment or training, giovani che non lavorano e non studiano, che in Italia, secondo i dati Istat, rappresentano circa il 24% dei giovani tra i 15 e i 29 anni, una quota significativamente superiore alla media europea, pari al 15,9%. Il problema della dispersione scolastica è più sentito al Sud. In Campania ogni anno vengono perse oltre 200 classi. L’OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, l’organizzazione internazionale di studi economici per i Paesi membri, che svolge un ruolo di confronto, consulto e coordinamento delle esperienze e pratiche politiche e commerciali nella UE, nell’ultima indagine, del 2016, ha trovato che gli studenti italiani di 15 anni sono peggiorati negli ultimi 10 anni, facendo scivolare l’Italia dal 32° al 34° posto nella lista dei migliori sistemi scolastici in Europa, nonostante paradossalmente passino più ore di tutti fra i banchi di scuola (circa 50 ore a settimana, contro una media OCSE di 44 ore settimanali). Confermata anche la netta disparità che vige tra Nord e Sud Italia in materia di istruzione: se si tenessero presenti solamente i risultati ottenuti nei test dagli studenti delle regioni settentrionali infatti, l’Italia avrebbe prodotto risultati sopra la media europea. Nel Mezzogiorno la povertà educativa è fortemente connessa con la povertà economica: come ricorda l’Atlante di Save The Children, oltre 1 bambino su 7 non può permettersi di acquistare altri libri oltre a quelli scolastici. Può sembrare esagerato, ma regalare libri, cultura, voce che legge, può salvare giovani vite.  Perché “Leggere è vita”.

Carlo Alfaro

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Istituto nautico, valutazione lavori di recupero

È stato eseguito un sopralluogo per come si deve agire per il recupero di alcuni ambienti da destinare ad aule scolastiche   [caption…

16 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta, tartaruga approda sulla spiaggia in cerca di un nido

Un evento insolito, più che raro META - Un evento insolito, più che raro. Ieri notte una tartaruga Carretta carretta è…

13 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense ricorda Pasquale Paola e Antonio Ammaturo

Il 15 luglio 1982 l’agente Paola fu trucidato assieme al vicequestore Ammaturo in un agguato in piazza Nicola Amore a…

15 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Abusivismo edilizio: maxi sequestro ad Anacapri

La Polizia denuncia un 62enne Ieri l’Autorità giudiziaria partenopea ha convalidato il sequestro preventivo di un’area di 2000 mq. eseguito dal…

14 Lug 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Trasporto pubblico nel caos a Capri: bus in panne. Il…

Passeggeri costretti a scendere in via Provinciale Anacapri                       Trasporto pubblico sempre più nel caos a Capri tra bus vecchi e continui…

11 Lug 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Ecco il ricco cartellone di "Vietri in Scena"

11 spettacoli gratuiti nella Villa comunale di Vietri sul Mare   Si è tenuta questa mattina, alle ore 10,45 nella Sala Giunta…

13 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Sub morto a Cetara, difficile il recupero tra gli scogli…

  Un sub è stato trovato cadavere questa sera al porto di Cetara prima delle 18 Un sub è stato trovato cadavere…

11 Lug 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook