L’Avvento, il ricordo del presepe e del Natale

Ciro Ferrigno ne ‘Il racconto de lunedì’ rammenta quei giorni che mancavano per la sera della Vigilia di Natale e sua nonna

Potrebbe essere un'illustrazione

Foto tratta dal diario di Facebook di Ciro Ferrigno

Decidemmo che quell’anno, sarebbe stata la nonna a portare al presepe la statuina di Gesù Bambino. La sera della Vigilia di Natale compivamo il rito tradizionale, una breve processione con le candele accese ed il canto del Tu scendi dalle stelle di Sant’Alfonso.

Ero proprio piccolo, quando cominciai a fare il presepe a casa della nonna, sicuramente di sette otto anni; era una composizione semplice, ma nel pieno rispetto della tradizione napoletana. Il cartone pitturato con la polvere colorata marrone e verde, poi le “pelliccelle” per la pavimentazione della scena, la “restina” e “’o savino” per ornare la volta della grotta, unitamente alle bacche rosse di agrifoglio e pungitopo. Non ero bravo come i grandi maestri Ferrigno di Napoli, conosciuti oramai in tutto il mondo, ma qualcosa di grazioso ne veniva fuori. Era un manufatto semplice, dove le montagne risaltavano sullo sfondo di una carta blu notte, tutta piena di stelle, con al centro la cometa. Negli angoli brillavano le luci dei “pisellini” la serie di minuscole lampadine multicolori fatta apposta per il presepio. All’epoca i pastori di plastica non c’erano ancora o si affacciavano timidamente sulla scena; i nostri erano quelli di San Gregorio Armeno, di buona fattura, nati dalle mani di artigiani artisti e tanti ne vendeva Rachele in Via San Michele. Io li avrei voluti tutti, ma il patto era chiaro: uno nuovo all’anno. C’era anche un’altra possibilità di avere delle statuine, quando a dicembre passava per le strade il pastoraro con la cesta colma di creature di creta, una più bella dell’altra, dava la voce e ne offriva in cambio di abiti vecchi che nessuno indossava più.

L’odore delle pigne sul fuoco, le pastorali degli zampognari agli angoli delle strade, la voce del pastoraro, il profumo dei mandarini, le castagne abbrustolite, le prove della recita natalizia e dei canti per la Notte Santa in San Michele e l’allestimento del presepe scandivano il lungo, interminabile periodo dell’Avvento, una trentina di giorni che sembrava un tempo infinito. Quando per televisione, a Carosello, iniziava con discrezione qualche reclame natalizia per il panettone Motta o Alemagna, o qualche spumante, saltavamo in piedi contenti, perché era un altro segno dell’approssimarsi della grande festa.

Quel Natale la nonna doveva portare la statuina del Bambino Gesù in processione, toccava a lei, che il 21 novembre aveva compiuto ottant’anni, che a noi piccoli sembravano tanti, troppi; era un omaggio all’età, alla sua lunga vita laboriosa, degna di venerazione. Eravamo nella sua casa a Bagnulo tutti i nipoti, almeno quelli carottesi le mie sorelle ed io, Peppino, Maria e Rosellina, mentre i nomi dei napoletani, Enzuccio e Titina, facevano bella mostra in una cartolina augurale attaccata al cielo stellato del presepio. All’imbrunire iniziò la solenne processione con le candele, le stelline o fit fit ed il canto del Tu scendi dalle Stelle con un ampio giro per le stanze, la cucina ed il piccolo corridoio. Quando la nonna giunse vicino al presepe, zia Francesca si rese conto che la statuina non c’era più, era andata smarrita, nelle mani della nonna rimaneva solo un batuffolo di paglia! Cominciò l’affannosa ricerca, rifacendo più volte il percorso della processione, fino a quando il Bambinello fu trovato sotto il tavolo, dov’era caduto senza che qualcuno se ne accorgesse. Ricordo le risate a crepapelle che durarono un bel po’, poi tornarono il silenzio, la compostezza e deponemmo la statuina al suo posto nella mangiatoia, tra Maria e Giuseppe.

Conservo con cura ed amore quelle vecchie statuine che scartoccio ogni Natale, oggi che il tempo dell’Avvento dura poco più d’un battito d’ali e mesi ed anni volano via come foglie al vento. Noi siamo la nostra infanzia, i ricordi di quel tempo non ci abbandonano, neppure quando siamo grandi. Nei momenti bui con la mente torniamo sempre ai luoghi ed alle persone di quando eravamo piccoli. Per questo abbiamo il dovere di proteggere i nostri bambini, amarli e custodirli e depositare nell’anima e nel cuore di ciascuno tutto quanto serve per affrontare con forza, coraggio e gioia la vita che verrà. Forse, proprio per questo, ogni anno torna Natale!

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, gli agrumi protagonisti al Mercato della Terra

I meravigliosi frutti di alberi che fecero la fortuna dell'agricoltura della costiera sorrentina Piano di Sorrento - Gli agrumi sono i…

09 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta, buoni spesa in favore di famiglie in difficoltà economiche

Il Comune ha indetto un avviso pubblico per l’assegnazione di un contributo economico mediante per l’emergenza di Covid-19 Meta – Il Comune…

18 Nov 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Open day vaccino per bimbi Vico Equense: grande partecipazione

Una splendida giornata di sole per allontanare l’ombra del Covid-19 Una splendida giornata di sole per allontanare l’ombra del Covid-19. Una…

16 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Incidente SS 163, recuperata l'auto della tragedia sfiorata

Nel primo pomeriggio del 16 gennaio l’autogru dei Vigili del fuoco di Napoli ha tirato su la Toyota finita nella…

16 Gen 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri, pauroso incidente nel porto

La motonave della Caremar urta il pontile a causa delle forti raffiche di vento e meno male che non feriti [caption…

09 Gen 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Atrani, anziana donna cade dal balcone è muore

Tutto accade nelle prime ore del mattino, verso le 3.30 Redazione – Ad Atrani un’anziana donna cade dal balcone è…

02 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Maiori, riaperta a senso unico alternato la SS 163

Nella mattina del 18 dicembre, alle ore 10 circa, la statale è ripercorribile nella frazione di Erchie Redazione – A Maiori…

18 Dic 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano