Intervista ad Edgar Morin,cent’anni tra scuola ed impegno politico

Il suo ultimo libro scritto nel 2014, “Enseigner à vivre. Manifeste pour changer l’éducation”  è stato tradotto in Italia nel 2015, festeggerà a breve il secolo ma è ancora un lucido punto di riferimento…

Sulle tracce di “La testa ben fatta” e “I sette saperi necessari all’educazione del futuro”, Edgar Morin in questo suo ultimo libro auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano. Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Ad inizio del nuovo anno, mentre registriamo con preoccupazione il balletto delle nomine dei Ministri della Pubblica istruzione …rileggiamo e vi riproponiamo una sua intervista di alcuni anni fa, era il 2007, ministro della Pubblica istruzione(2006-2008) era il medico Giuseppe Fioroni(PD), quello del “cacciavite”dopo Letizia Moratti(2001-2006) dell’era Berlusconi…ma torniamo a Edgar Morin,pseudonimo di Edgar Nahoum (Parigi, 8 luglio 1921), filosofo e sociologo francese.È noto per l’approccio transdisciplinare con il quale ha trattato un’ampia gamma di argomenti, fra cui l’epistemologia. Amato ed odiato, ma sempre provocatoriamente stimolante.
“Le tesi provocatorie di Edgar Morin sulla crisi dell’istruzione
A scuola senza amore”
di Laura Lilli

Roma
“E la scuola? Ci giocheremo a dadi anche la scuola, vendendola al miglior offerente, magari russo o messicano? I quali, a pensarci bene, andrebbero assai meglio di candidati acquirenti, poniamo, francesi o statunitensi. Infatti, la crisi della scuola media superiore percorre tutto l’Occidente democratico e «progredito», è violenta nella stessa intensità in tutti i Paesi, anche se poi si declina in modi diversi a seconda di nazioni e culture. Con le dovute eccezioni, una burrasca così non s’era vista nemmeno nel ’68. E le ragioni sfuggono, la realtà d’ogni giorno è entrata in un clima assurdo e surreale da Arancia meccanica.
Ragazze islamiche immigrate in Francia s’intestardiscono a sedere tra i banchi velate, ragazzi americani vanno a scuola armati e ogni tanto compiono una bella carneficina, quindicenni (anche più giovani) italiani stuprano le compagne, o fanno minacciose interviste pornografìche alle insegnanti per poi diffondere il tutto su internet. Eccetera. E’ un disastro. Come arginarlo? O meglio, come trasmettere ai giovani quel tanto che sappiamo, come ottenere il loro rispetto, come inculcargli un senso di responsabilità e dignità individuale e – perché no? – un po’ di curiosità per i fatti del mondo di ieri e di oggi, per i teoremi matematici, per la poesia, e via dicendo? Come tornare a una scuola che sia un luogo dove si va per imparare?”

«Con l’amore» risponde Edgar Morin, «e non è un’idea mia, sto solo citando Platone».

A 86 anni, Edgar Morin, parigino (il suo vero nome è Edgar Nahoum, ma probabilmente ormai l’ha dimenticato anche lui), è ancora oggi un protagonista della cultura francese, nelle cui istituzioni volta in volta occupa posti di rilievo e poi se ne stufa o ne viene escluso per la sua mancanza di convenzionalità. E’ infatti un sociologo «scomodo», noto per l’approccio interdisci-plinare che lo ha portato a ignorare i confini ufficiali tra le varie discipline in tutti i suoi trenta e passa volumi, molti dei quali sono sulla riforma del sapere, della filosofia e dell’insegnamento. Naturalmente, non ha retto nemmeno nei ranghi del Partito comunista, da cui – dopo aver fatto la Resistenza – è uscito nel ’51.
Ieri Edgar Morin è stato a Roma per «as-sistere» il ministro Fioroni nel presentare un suo progetto di riforma. Lo abbiamo intervistato. Lo accompagnava Marco Ceniti, preside della facoltà di Filosofia all’università di Bergamo, e presidente della commissione che ha elaborato i nuovi programmi. Alto, asciutto, agile, maglione sotto la giacca senza cravatta, Edgar Morin porta molto bene la sua figura di «grande vecchio». Il tavolino a cui siamo seduti, in un piccolo e prestigioso albergo del centro, gli sta chiaramente stretto. Siede di sbieco, accavallando le gambe troppo lunghe.

Sorride. «Lo so che il gioco è duro», sembra dire, «ma per come sono messe le cose, è l’unico gioco a nostra disposizione».

L’amore poteva essere possibile all’epoca di Platone. Ma oggi c’è la scuola di massa, che pone nuovi problemi. Migliaia di professori possono amare milioni di studenti?

«Certo. Se c’è la passione, questa si può trasmettere a dieci bambini o a quaranta. Insegnare è una missione. Una missione laica. Come anche altri mestieri, che so, l’infermiere, il medico, l’avvocato».

L’avvocato!?

«Perché no? L’avvocato deve aiutare gli altri a ottenere giustizia. Aiutare. Sono mestieri in cui si aiutano gli altri».

Torniamo alla scuola?

«La scuola da sola non basta. Il problema è multidimensionale. C’è un momento, tra l’infanzia e l’età adulta, in cui l’adolescente trasgredisce. E’ stato così ai miei tempi, con la Resistenza, e poi col maggio Sessantotto».

Il Sessantotto è un’altra storia. Aveva le sue ragioni, e anche valide. Lo scrisse anche lei, su Le Monde.

«Certo, la trasgressione oggi è molto più grave, specie in situazioni particolari, con famiglie disintegrate, genitori separati o disoccupati o magari che fanno uso di sonniferi o vanno dallo psicoanalista. Per i giovani non ci sono certezze sul futuro. Davanti a loro c’è la disoccupazione, e nessuno – meno che mai la scuola – risponde alle loro domande: “perché sono al mondo? Chi sono? Dove vado?”. Sembra che la violenza venga dalla scuola, ma in realtà è la scuola che la aggrava».

Addirittura!

«Ma sì. Non porta luce, non insegna come affrontare l’incertezza, non dice che viviamo in un’epoca globale. La scuola offre solo una frammentazione del sapere e uccide la curiosità. Le faccio un esempio. Tempo fa, in Francia, andava di moda la semiotica. I professori di letteratura non facevano più leggere i testi, Racine, Voltaire, o che altro, come in passato: prendevano certe pagine e le analizzavano semiologicamente. Risultato: i giovani, che prima amavano leggere, dopo questa “cura”, non volevano leggere più. La scuola è priva di anima. L’Emile di Rousseau dice: voglio imparare a vivere».

La scuola non ha mai insegnato a vivere. Specie nei paesi latini. Ha insegnato il sapere dell’epoca, e un metodo. D’altronde, insegnare a vivere non è certo facile, specie ai giorni nostri.

«Ha ragione: stiamo vivendo una crisi epocale, la società si sta disintegrando. E nei momenti di crisi, gli adolescenti sono l’anello debole della società, quello dove la crisi si avverte prima. La Resistenza e il Sessantotto sono due esempi molto pertinenti. In entrambe le situazioni c’era la crisi, e gli adolescenti, i giovani l’hanno avvertita e hanno reagito. Oggi la situazione è più difficile, c’è una generale mancanza di senso, e dunque quella degli adolescenti è una crisi nella crisi. La crisi della società occidentale non era mai stata così acuta. Le faccio un altro esempio. Dove la società è coesa, anche in modo non ortodosso, le cose vanno meglio. Una volta feci una inchiesta parallela su un quartiere “difficile” in Francia e in una “favela” brasiliana dominata dalla malavita. Ci crede? La delinquenza era molto minore nella favela. Lì c’erano dei valori distorti, ma c’erano, e tenevano insieme le cose».

Forse la nostra società non ha più niente da dire.

«E’ probabile. Ha detto e fatto cose meravigliose (anche cose orribili), ma oggi è svuotata, sembra le resti solo la decadenza. E allora, cosa vuole aspettarsi dai giovani? Soprattutto, non bisogna rispondere con la repressione. In Francia, Sarkozy dice che se sarà eletto considererà “adulti” (cioè legalmente punibili) i giovani a partire dai sedici anni. Sarebbe la cosa peggiore. La galera è una scuola di malavita. Bisogna dare ai giovani il tempo di cambiare. Cambiano perfino gli adulti. Perfino gli assassini di Moro si sono pentiti. E vuole che non cambino dei ragazzi?».

Ma se lei non vede altro che decadenza nel nostro futuro…

«E’ una delle possibilità, ma non l’unica. Siamo a un bivio. Pensiamo al Rinascimento: esso si basa sulla riscoperta umanistica dei Greci. Oggi noi potremmo prendere molto da India e Cina, e poi dall’Africa e dall’America. Per questo dico che la scuola deve essere globale, deve insegnare l’esistenza e la storia di tutti. Adatta a chi è nato a Torino, a Palermo, e anche a Kabul».
Dunque, in concreto, lei è contrario a una scuola affidata alle Regioni? Lei parla di Kabul, ma pensi alle difficoltà che esistono già all’interno dell’Europa: Napoleone studiato in Francia è l’Imperatore, ma studiato in Inghilterra è un grave elemento di squilibrio europeo. Attila studiato in ltalia è il flagello di Dio, studiato in Germania è un eroe…

«Si capisce che insieme a una storia globale ci vogliono anche le storie locali. Ma bisogna metter anima in quel che la scuola offre. I giovani sono uguali in tutto il mondo: sono giovani esseri umani, fatti di psicologia, di biologia, di curiosità intellettuale. Vogliono conoscere il mistero della vita, l’intimità psicologica che può dare loro la poesia o la letteratura, la filosofia».

E la scienza?
«Sì, ne hanno bisogno ma la scienza è già molto prepotente, non si lascia mettere da parte. Per questo dico che, con una coscienza globale, è possibile anche una rinascita dell’Occidente. Voglio chiudere con la metafora di una farfalla. E’ bella la farfalla, ma prima di diventarlo è un verme. Poi è una crisalide (i giovani), e infine la farfalla adulta nasce dalla trasformazione – che è anche una catastrofe – della crisalide. Io non so come andrà a finire, ma potrebbe capitare anche a noi, se l’Occidente saprà essere saggio».

la repubblica 4 aprile 2007
A sinistra Edgar Morin, a destra una foto di scena de “Agostino d’Ippona” di Roberto Rossellini

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Costiera sorrentina, via Lavinola: 1mln e 700mila euro in arrivo

In un incontro con il governatore Vincenzo De Luca ha assicurato lo stanziamento della cifra ed ha chiesto un progetto…

15 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Meta

Boxlandia a Meta stop grazie al WWFF

COMUNICATO STAMPA A distanza di oltre due anni, il Funzionario Responsabile del Comune di Meta ha disposto, come richiesto dal WWF, il…

12 Feb 2020 Campania Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Ancora mistero sulla scomparsa di Luigi Celentano

Ancora mistero sulla scomparsa di Luigi Celentano. Sono passati tre anni da quella notte del 12 febbraio 2017  e resta…

16 Feb 2020 Campania Vico Equense Redazione

Capri

Importante passo avanti verso i lavori di adeguamento dell’elisuperficie di…

Il Comune di Anacapri affida con procedura negoziata a una ditta di Sorrento la fornitura del sistema di illuminazione Importante passo…

11 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Elisoccorso: riunione in Regione

I trasferimenti da Capri saranno tutti classificati come “primari” e garantiti anche di notte. Dobbiamo fidarci? Emergenza elisoccorso a Capri: incontro…

04 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Vietri sul Mare, si presenta il progetto di crowdbooking per…

Venerdì 14 febbraio alle ore 18,00 verrà presentato dalla Congrega letteraria presso il circolo "Unione sportiva vietrese" Venerdì 14 febbraio alle ore 18,00 verrà presentato dalla Congrega…

13 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Morì dopo un intervento, respinta l'archiviazione

Riaperto il caso del 71enne di Maiori (Fonte ilvescovado.it) Riaperto il caso dell'uomo di Maiori morto all'ospedale di Salerno dopo un intervento. Il…

12 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook