Il bigliettino dei sogni, le ragazze e le arance

Ciro Ferrigno ne ‘Il racconto de lunedì’ parla che nella seconda metà dell’Ottocento la coltivazione degli agrumi diventò prevalente in penisola, così come diventò fiorente il commercio internazionale degli agrumi ed in particolare arance e limoni che le navi costruite nei nostri cantieri portavano anche in luoghi remoti, come la Gran Bretagna, il Nord Europa e, principalmente l’America del Nord

Potrebbe essere un'immagine in bianco e nero raffigurante 1 persona

Foto del Sign. Antonino De Angelis tratta dal diario di Facebook di Ciro Ferrigno

Nella seconda metà dell’Ottocento la coltivazione degli agrumi diventò prevalente in penisola, a discapito di tanti altri alberi ed in particolare dei gelsi, utili per la produzione della seta, che andava scemando. Diventò fiorente il commercio internazionale degli agrumi ed in particolare arance e limoni che le navi costruite nei nostri cantieri portavano anche in luoghi remoti, come la Gran Bretagna, il Nord Europa e, principalmente l’America del Nord. Le arance, selezionate per diametro, venivano avvolte ad una ad una nella carta velina dove era stampato il nome dell’esportatore con l’indirizzo e la provenienza. Spesso la carta era abbellita da un’immagine, quasi sempre con un forte richiamo al nostro paesaggio ed alla sua struggente bellezza.

Il confezionamento delle arance avveniva in appositi capannoni, dove decine e decine di ragazze lavoravano incessantemente, principalmente nei periodi di maggior produzione, quando si avvicinava il giorno stabilito per la partenza del bastimento e nei periodi dell’anno scanditi dalle grandi feste, come Natale e Pasqua. Erano magazzini dove il chiacchierio era incontenibile e si quietava solo allorquando compariva sull’uscio il datore di lavoro o un suo diretto collaboratore. Erano gli anni in cui si coltivava il sogno americano, tanti partivano verso gli Stati Uniti, la Nuova Zelanda, l’Argentina e quelle arance diventavano tante volte messaggere di baci ed abbracci, di lacrime e sospiri. Proprio in quegli anni alcune ragazze inventarono una iniziativa bizzarra, figlia dei sogni più rosa. Introducevano, furtivamente nella cassetta delle arance pronte per la spedizione, un bigliettino, destinato ad un eventuale principe azzurro, con i propri dati: nome, cognome, età, indirizzo, che avrebbe generato sogni e speranze. Non mi risulta che sia mai arrivato un innamorato dall’America, ma una manciata di dollari, questo si, un omaggio da un cuore lontano e generoso, sensibile ai sogni della gioventù.

La nostra terra era un solo, immenso giardino di agrumi e in primavera il profumo diventava incontenibile. Chiudiamo gli occhi e con la fantasia mettiamo via tutti i palazzi costruiti negli ultimi cent’anni, immaginiamo al loro posto alberi di arance e limoni ed il gioco è fatto. Cos’era? Il giardino dell’Eden, o quello di Armida, o forse quello delle favole che cominciano tutte con il c’era una volta. Un universo troppo bello per essere vero, a metà strada tra realtà e fantasia, una striscia di terra sospesa nell’azzurro intenso, ma troppo delicata per poter sopravvivere e sfidare le insidie del tempo. A maggio il profumo delle zagare si univa a quello delle rose, dei gelsomini, della glicine, dei gigli di Sant’Antonio ed era l’apoteosi della bellezza, che rendeva superflua l’idea del paradiso… Il paradiso? Noi ce l’avevamo, i nostri nonni ci vivevano dentro, senza rendersene conto, perché non facevano confronti con altre realtà e non sentivano la necessità di coniugare progresso e conservazione. Che Dio perdoni quanti hanno lasciato che il progresso stesso diventasse un anatema, la maledizione per una lenta e progressiva distruzione del nostro Eden.

Allora curiamo gli agrumeti che ci sono rimasti, teniamoli come retaggio di un tempo che non può più tornare e custodiamoli con la cura e l’amore che meritano le vecchie glorie. Solo così a maggio l’aria avrà ancora quel profumo, dono di Dio, che fa sognare, pregare, sperare, amare.

Le vecchie fotografie pubblicate sono del Sign. Antonino De Angelis che ringrazio. (Piano di Sorrento. Città, Comunità, Territorio).

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, spiaggia di Marina di Cassano off-limits

Dal 23 al 28 maggio si effettuerà l’operazione di rinascimento dell’arenile   Piano di Sorrento – La spiaggia di Marina di Cassano…

23 Mag 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta, “Pizza d’amare” sotto le stelle

Alla Marina di Meta, giovedì e venerdì, dalle ore 19 a mezzanotte, le otto pizzerie del territorio proporranno, accanto alla…

24 Mag 2022 Campania Cronache d'Italia Europa Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense, campagna di prevenzione ‘Pienz a salute’

Una giornata di prevenzione e screening gratuito della popolazione della cittadina costiera Vico Equense – Campagna di prevenzione ‘Pienz a salute’. Sabato…

23 Mag 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Gommone affonda nel mare di Capri, turisti salvati

L’imbarcazione ha urtato contro un costone di roccia che ha provocato uno squarcio, i 4 nordamericani sono stati recuperati dalla…

23 Mag 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri, addio a Guido Lembo: fondatore di ‘Anema e Core’

È deceduto all’età di 74 anni dopo che ha lottato come un leone contro una malattia che non gli dava…

19 Mag 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

SS 163 Amalfitana, incidente nei pressi di Positano

Coinvolti tre veicoli: un Suv che stava facendo inversione, due auto ed un porter Redazione – Nella serata del 20 maggio…

21 Mag 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

SAS Campania, soccorsa escursionista infortunatasi

La donna stava percorrendo il sentiero degli Dei nella frazione positanese di Nocelle, è stata immobilizzata quest’ultima è stata poi…

15 Mag 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano