FELLINI,LEONE E NAPOLI E QUEI FILM MAI GIRATI

Fellini e Leone, quei film mai girati a Napoli.
Articolo su il Corriere del Mezzogiorno di Ignazio Senatore

Cosa lega tra loro Federico Fellini e Sergio Leone, due tra i più grandi maestri del cinema internazionale? Non certo il loro luogo di nascita, né tantomeno le loro cifre stilistiche (Leone è il cantore del mito, Fellini di un cinema onirico e sospeso nel tempo). Eppure entrambi immaginavano di girare un film a Napoli.
Un desiderio quello di Leone, più “comprensibile”, dal momento che il padre Vincenzo, regista e attore del cinema muto, amico di Matilde Serao, Edoardo Scarfoglio e Salvatore Di Giacomo, era nato a Torella dei Lombardi, piccolo paesino irpino. Più noto con il nome d’arte Roberto Roberti, Vincenzo Leone diresse a Napoli diversi film interpretati dalla “diva” Francesca Bertini, (“La piccola fonte”, “Eugenia Grandet”, “La fanciulla di Amalfi”) ed i successivi “Napoli che canta” (1926), “Assunta Spina” (1930) e “Il folle di Marechiaro” (1952). A testimonianza del forte legame con il padre, Sergio Leone, quando diresse “Per un pugno di dollari” nel 1964, non a caso, lo firmò con lo pseudonimo Bob Robertson, ovvero “Roberto figlio di Roberto”.
Intervistato da un settimanale sportivo, alla vigilia del primo scudetto del Napoli, gli fu chiesto di immaginare come avrebbe girato un ipotetico film nel capoluogo campano e descritto quell’aria di festa che c’era allora in città, invasa di vessilli azzurri, di parrucche ed effigi “maradoniane”, tutte obbligatoriamente intinte di celeste vernice. La sua idea era quella di non seguire un preciso copione, ma di lasciare che dei piccoli episodi, ad uno ad uno, offrissero  lo spunto per una successione ininterrotta di scene-madri. Immaginava Napoli come protagonista, una Napoli bloccata, questa festa collettiva, da zone off-limits, come nel dopoguerra, “un ingorgo senza sonoro animato dallo sventolio di bandiere, un immenso telone azzurro che ricopre la città.” La sua idea era quella di non impiegare personaggi noti come interpreti, perché la coralità di stampo neorealista avrebbe dovuto avere il sopravvento. Il finale poi sarebbe stato poi fantastico: “immaginerei una città assediata dalla sua stessa passione, un popolo attonito con gli occhi rivolti verso il cielo, in attesa di una messianica rivelazione; evocato da supplici preghiere arcane, immagino il genio del destino apparire con la mitria di San Gennaro e la chioma di Maradona fra i fuochi iridati del golfo.”
Dal canto suo, Federico Fellini, di cui corre il centenario della nascita quest’anni, non ha mai celato la sua adorazione per Totò e la sua spiccata simpatia per gli attori napoletani. Non a caso diresse Peppino De Filippo nell’episodio “Le tentazioni del dottor Antonio” di “Boccaccio 70”, Nuccia Fumo e Pupella Maggio in “Amarcord”, Giacomo Furia e Dante Maggio ne “I Clown”, Antonino Iuorio in “Ginger e Fred” e Franco Giovanni Iavarone in “Prova d’orchestra” e ne “La voce della luna”.
Affascinato da Napoli, era tentato di fare un ritratto della città. “Non un film come “Roma”, episodico, frammentario, ma qualcosa di più compatto, possibilmente di più profondo.”
Un viaggio che lui stesso definì “agli inferi”, per cogliere ciò che Napoli ha “di inquietante, di pauroso e di consolatorio insieme.” Una Napoli, la sua, come avrebbe potuto vederla Kafka, “una stratificazione di civiltà, di splendori e di miserie, un labirinto della storia.” Infine un ultimo desiderio: “vorrei restituire quel tipo strano di uomo che è il napoletano; questa creatura umana, tenera e luciferina, nella quale follia e saggezza convivono in un equilibrio miracoloso.”
Due film che certamente avrebbero nutrito le pupille degli spettatori e che avrebbero ancor di più accresciuto la fama dei due registi visionari nel mondo.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Costiera sorrentina, via Lavinola: 1mln e 700mila euro in arrivo

In un incontro con il governatore Vincenzo De Luca ha assicurato lo stanziamento della cifra ed ha chiesto un progetto…

15 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Meta

Boxlandia a Meta stop grazie al WWFF

COMUNICATO STAMPA A distanza di oltre due anni, il Funzionario Responsabile del Comune di Meta ha disposto, come richiesto dal WWF, il…

12 Feb 2020 Campania Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Ancora mistero sulla scomparsa di Luigi Celentano

Ancora mistero sulla scomparsa di Luigi Celentano. Sono passati tre anni da quella notte del 12 febbraio 2017  e resta…

16 Feb 2020 Campania Vico Equense Redazione

Capri

Importante passo avanti verso i lavori di adeguamento dell’elisuperficie di…

Il Comune di Anacapri affida con procedura negoziata a una ditta di Sorrento la fornitura del sistema di illuminazione Importante passo…

11 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Elisoccorso: riunione in Regione

I trasferimenti da Capri saranno tutti classificati come “primari” e garantiti anche di notte. Dobbiamo fidarci? Emergenza elisoccorso a Capri: incontro…

04 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Vietri sul Mare, si presenta il progetto di crowdbooking per…

Venerdì 14 febbraio alle ore 18,00 verrà presentato dalla Congrega letteraria presso il circolo "Unione sportiva vietrese" Venerdì 14 febbraio alle ore 18,00 verrà presentato dalla Congrega…

13 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Morì dopo un intervento, respinta l'archiviazione

Riaperto il caso del 71enne di Maiori (Fonte ilvescovado.it) Riaperto il caso dell'uomo di Maiori morto all'ospedale di Salerno dopo un intervento. Il…

12 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook