Cinema : Intervista esclusiva al regista Luigi Pane

In occasione delle Giornate Internazionali del Cinema che si sono svolte a Sorrento dal 29 novembre al 2 dicembre, abbiamo incontrato il regista Luigi Pane (sorrentino, classe 1981) per parlare della sua opera prima, il film “Un mondo in più”, già presentato ad Alice nella città, il festival cinematografico internazionale dedicato alle giovani generazioni.

“Qualcuno ha definito il Tuo un film neorealista, pensi si tratti di una definizione appropriata?”
“Non esattamente, si tratta di un Film che ha un forte aggancio con la realtà, una storia contemporanea, chi lo vede ha la percezione che si stia guardando fuori dalla finestra. C’è l’uso della mascherina, non si parla del Covid, ma i giorni sono i nostri giorni. Esattamente è ambientato nell’estate del 2020, dopo la fine del primo lock-down. Il film non parla di questo. Non so perché il cinema non parli di Covid, Io l’ho fatto perché ho voluto raccontare una storia veramente attuale.

“Un Mondo in più” è un titolo particolare, da cosa nasce?”
Il titolo l’ho cercato nei dialoghi e l’ho trovato successivamente alla stesura della sceneggiatura, poi vedendo il film lo capirete”.

“I due protagonisti sono giovani. Come Ti sei trovato a lavorare con loro?”
“Benissimo. Denise Capezza è stata straordinaria, già mentre scrivevo pensavo che potesse essere lei uno dei personaggi candidati a ricoprire il ruolo di Tea. Francesco Ferrante lo abbiamo cercato con un lungo lavoro di scouting tra scuole di teatro, agenzie di cinema e dopo numerosi provini lo abbiamo scelto. Volevo che chi guardasse il film avesse la mia stessa percezione, perciò ho voluto un ragazzo alla sua prima esperienza cinematografica”.

“Altro tema portante è il tema dell’immigrazione, il rapporto con gli ultimi, vuoi parlarcene?”
“Mi sono trovato a riflettere su cos’è che definisce un migrante. Molto spesso è il caso che ci fa avere delle possibilità o ce le nega. Ho voluto raccontare la storia di Diego che a suo modo è un migrante, perché deve lasciare Napoli per trasferirsi a Roma, in un turbinio di cose a cui non è abituato. Lui resta più incuriosito dai migranti che occupano il palazzo difronte, piuttosto che dagli abitanti che lo fanno sentire un diverso. Perciò il concetto di migrante è molto relativo”.

“Parliamo del ruolo della scuola. Hai scelto un Maestro come Renato Carpentieri, un grande attore.
Parli bene della scuola perché ha avuto un peso importante nella Tua vita lavorativa”?
“Ho scelto un Maestro per interpretare il ruolo di un professore perché penso che i professori devono essere dei maestri di vita. La scuola deve essere qualcosa che ti educa, ti insegna a comprendere il mondo, a volte anche a sfidarlo, oggi più di ieri fondamentale nella formazione dei ragazzi.
Lui è un maestro in pensione che decide di fare un seminario di letteratura per stare con i ragazzi, un maestro anticonvenzionale, un po’ rivoluzionario, che poi si scopre custodire un segreto, un bellissimo segreto che gli ha forgiato questo carattere.

“Quali le Tue attese e aspettative rispetto a questo film?”
“Mi piacerebbe dire che voglio vincere un oscar. Questo è un momento non facile per il cinema, per le sale cinematografiche; c’è uno strapotere dello streaming, una crisi mostruosa delle sale. Io sono per la convivenza delle due cose, alla fine il digitale non ha soppiantato la pellicola, forse cambieranno un po’ le formule delle sale, ma l’importante è che la sala resti”.

“Quali sono stati i tuoi maestri cinematografici, citi Pasolini, hai girato il film a Roma. Cosa ci puoi dire in
merito?”
“Pasolini è stato per me una grande scoperta, cosi come lo è stato per Diego, il protagonista. Quando mi sono trasferito a Roma, a 18 anni, sono andato a vivere nei quartieri dove Pasolini girava i film ed in quello stesso periodo ho fatto come mio primo esame universitario il corso monografico su Pasolini con il professore Bruno Torri, storico, critico cinematografico, amico di Pasolini. Quel corso mi ha fatto scoprire Pasolini ed i luoghi dove aveva girato i film. Alla fine le cose non erano poi tanto cambiate. Ho voluto trasferire in Diego questa scoperta, quando le persone sono al di fuori degli eventi, della storia, alla fine si è sempre nella stessa precarietà. Pasolini citava i vinti d’Italia, oggi forse ai vinti d’Italia si sono uniti i vinti del Mondo.”

Intervista a cura di Adele Paturzo e Antonio Volpe

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

ESTATE BLU 2022 EVENTI A PIANO DI SORRENTO

A Piano di Sorrento dal 23 giugno al 23 settembre 2022 con Estate blu oltre 100 eventi tra cinema , teatro…

03 Lug 2022 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Piano di Sorrento Spettacolo Antonio Volpe

Meta

Meta, il 1 luglio in vigore le targhe alterne

Scatta l’ordinanza del sindaco, Giuseppe Tito, ed essa ha carattere sperimentale per i mesi di luglio ed agosto, il dispositivo…

30 Giu 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense: centro culturale, turistico ed enogastronomico in “Vico d’Estate…

Questo il calendario di eventi promosso dall’amministrazione comunale che partiranno ai primi di luglio con il “Social World Film Festival”,…

27 Giu 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Capri, denunciato per furto di bici elettrica

È stato scoperto grazie alla descrizione fornita dalla vittima ed alle immagini del sistema di videosorveglianza dell’isola e quelle dell’Autorità…

21 Giu 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Capri, giovani rubano zaino con 3.400 euro: individuati e denunciati

È accaduto nel pomeriggio del 31 maggio a Marina Grande quando i cinque entrano in azione mentre un uomo è…

01 Giu 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

SAS Campania: soccorsa donna 79enne inglese ferita (Video)

È accaduto lungo il sentiero degli Dei, è stata imbarellata recuperata al verricello ed elitrasportata al più vicino ospedale [caption id="attachment_154415"…

26 Giu 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Associazione cetarese ‘Amici delle Alici’: i 20 anni di attività

Presentazione alla stampa del calendario degli eventi venerdì 17 giugno, alle ore 11,00 presso la sede salernitana dell'Agenzia regionale Campania Turismo…

17 Giu 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano