Cinema : Intervista esclusiva al regista Luigi Pane

In occasione delle Giornate Internazionali del Cinema che si sono svolte a Sorrento dal 29 novembre al 2 dicembre, abbiamo incontrato il regista Luigi Pane (sorrentino, classe 1981) per parlare della sua opera prima, il film “Un mondo in più”, già presentato ad Alice nella città, il festival cinematografico internazionale dedicato alle giovani generazioni.

“Qualcuno ha definito il Tuo un film neorealista, pensi si tratti di una definizione appropriata?”
“Non esattamente, si tratta di un Film che ha un forte aggancio con la realtà, una storia contemporanea, chi lo vede ha la percezione che si stia guardando fuori dalla finestra. C’è l’uso della mascherina, non si parla del Covid, ma i giorni sono i nostri giorni. Esattamente è ambientato nell’estate del 2020, dopo la fine del primo lock-down. Il film non parla di questo. Non so perché il cinema non parli di Covid, Io l’ho fatto perché ho voluto raccontare una storia veramente attuale.

“Un Mondo in più” è un titolo particolare, da cosa nasce?”
Il titolo l’ho cercato nei dialoghi e l’ho trovato successivamente alla stesura della sceneggiatura, poi vedendo il film lo capirete”.

“I due protagonisti sono giovani. Come Ti sei trovato a lavorare con loro?”
“Benissimo. Denise Capezza è stata straordinaria, già mentre scrivevo pensavo che potesse essere lei uno dei personaggi candidati a ricoprire il ruolo di Tea. Francesco Ferrante lo abbiamo cercato con un lungo lavoro di scouting tra scuole di teatro, agenzie di cinema e dopo numerosi provini lo abbiamo scelto. Volevo che chi guardasse il film avesse la mia stessa percezione, perciò ho voluto un ragazzo alla sua prima esperienza cinematografica”.

“Altro tema portante è il tema dell’immigrazione, il rapporto con gli ultimi, vuoi parlarcene?”
“Mi sono trovato a riflettere su cos’è che definisce un migrante. Molto spesso è il caso che ci fa avere delle possibilità o ce le nega. Ho voluto raccontare la storia di Diego che a suo modo è un migrante, perché deve lasciare Napoli per trasferirsi a Roma, in un turbinio di cose a cui non è abituato. Lui resta più incuriosito dai migranti che occupano il palazzo difronte, piuttosto che dagli abitanti che lo fanno sentire un diverso. Perciò il concetto di migrante è molto relativo”.

“Parliamo del ruolo della scuola. Hai scelto un Maestro come Renato Carpentieri, un grande attore.
Parli bene della scuola perché ha avuto un peso importante nella Tua vita lavorativa”?
“Ho scelto un Maestro per interpretare il ruolo di un professore perché penso che i professori devono essere dei maestri di vita. La scuola deve essere qualcosa che ti educa, ti insegna a comprendere il mondo, a volte anche a sfidarlo, oggi più di ieri fondamentale nella formazione dei ragazzi.
Lui è un maestro in pensione che decide di fare un seminario di letteratura per stare con i ragazzi, un maestro anticonvenzionale, un po’ rivoluzionario, che poi si scopre custodire un segreto, un bellissimo segreto che gli ha forgiato questo carattere.

“Quali le Tue attese e aspettative rispetto a questo film?”
“Mi piacerebbe dire che voglio vincere un oscar. Questo è un momento non facile per il cinema, per le sale cinematografiche; c’è uno strapotere dello streaming, una crisi mostruosa delle sale. Io sono per la convivenza delle due cose, alla fine il digitale non ha soppiantato la pellicola, forse cambieranno un po’ le formule delle sale, ma l’importante è che la sala resti”.

“Quali sono stati i tuoi maestri cinematografici, citi Pasolini, hai girato il film a Roma. Cosa ci puoi dire in
merito?”
“Pasolini è stato per me una grande scoperta, cosi come lo è stato per Diego, il protagonista. Quando mi sono trasferito a Roma, a 18 anni, sono andato a vivere nei quartieri dove Pasolini girava i film ed in quello stesso periodo ho fatto come mio primo esame universitario il corso monografico su Pasolini con il professore Bruno Torri, storico, critico cinematografico, amico di Pasolini. Quel corso mi ha fatto scoprire Pasolini ed i luoghi dove aveva girato i film. Alla fine le cose non erano poi tanto cambiate. Ho voluto trasferire in Diego questa scoperta, quando le persone sono al di fuori degli eventi, della storia, alla fine si è sempre nella stessa precarietà. Pasolini citava i vinti d’Italia, oggi forse ai vinti d’Italia si sono uniti i vinti del Mondo.”

Intervista a cura di Adele Paturzo e Antonio Volpe

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, gli agrumi protagonisti al Mercato della Terra

I meravigliosi frutti di alberi che fecero la fortuna dell'agricoltura della costiera sorrentina Piano di Sorrento - Gli agrumi sono i…

09 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta, buoni spesa in favore di famiglie in difficoltà economiche

Il Comune ha indetto un avviso pubblico per l’assegnazione di un contributo economico mediante per l’emergenza di Covid-19 Meta – Il Comune…

18 Nov 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Open day vaccino per bimbi Vico Equense: grande partecipazione

Una splendida giornata di sole per allontanare l’ombra del Covid-19 Una splendida giornata di sole per allontanare l’ombra del Covid-19. Una…

16 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Incidente SS 163, recuperata l'auto della tragedia sfiorata

Nel primo pomeriggio del 16 gennaio l’autogru dei Vigili del fuoco di Napoli ha tirato su la Toyota finita nella…

16 Gen 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri, pauroso incidente nel porto

La motonave della Caremar urta il pontile a causa delle forti raffiche di vento e meno male che non feriti [caption…

09 Gen 2022 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Atrani, anziana donna cade dal balcone è muore

Tutto accade nelle prime ore del mattino, verso le 3.30 Redazione – Ad Atrani un’anziana donna cade dal balcone è…

02 Gen 2022 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Maiori, riaperta a senso unico alternato la SS 163

Nella mattina del 18 dicembre, alle ore 10 circa, la statale è ripercorribile nella frazione di Erchie Redazione – A Maiori…

18 Dic 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano