Catechesi sui Comandamenti: 5. L’idolatria

La Nota del 8. 8. 2018
Udienza Generale di Papa Francesco dell’ 8. 8. 2018.
A cura del prof Antonio Colasanto
Catechesi sui Comandamenti: 5. L’idolatria
Continuiamo oggi a meditare il Decalogo – ha detto Papa Francesco in apertura della catechesi del 8.8.2018 – approfondendo il tema dell’idolatria, ne abbiamo parlato la settimana scorsa. Questo episodio ha un preciso contesto: il deserto, dove il popolo attende Mosè, che è salito sul monte per ricevere le istruzioni da Dio.
Che cos’è il deserto? È un luogo dove regnano la precarietà e l’insicurezza – nel deserto non c’è nulla – dove mancano acqua, manca il cibo e manca il riparo. Il deserto – ha spiegato il Papa – è un’immagine della vita umana, la cui condizione è incerta e non possiede garanzie inviolabili. Sono le ansie primarie. E il deserto provoca queste ansie.
E in quel deserto accade qualcosa che innesca l’idolatria. «Mosè tardava a scendere dal monte» (Es 32,1). Allora il popolo chiede un dio visibile – questo è il tranello nel quale cade il popolo – per potersi identificare e orientare. E dicono ad Aronne: «Fa’ per noi un dio che cammini alla nostra testa!», “Facci un capo, facci un leader”. La natura umana, per sfuggire alla precarietà – la precarietà è il deserto – cerca una religione “fai-da-te”: se Dio non si fa vedere, ci facciamo un dio su misura. Capiamo allora che l’idolo è un pretesto per porre se stessi al centro della realtà, nell’adorazione dell’opera delle proprie mani» (Enc. Lumen fidei, 13).
Aronne non sa opporsi alla richiesta della gente e crea un vitello d’oro. Il vitello aveva un senso duplice nel vicino oriente antico: da una parte rappresentava fecondità e abbondanza, e dall’altra energia e forza. Ma anzitutto è d’oro, perciò è simbolo di ricchezza, successo, potere e denaro. Quel fascino del serpente, che guarda l’uccellino e l’uccellino rimane senza potersi muovere e il serpente lo prende. Il riferimento a Dio ci fa forti nella debolezza, nell’incertezza e anche nella precarietà. Senza primato di Dio si cade facilmente nell’idolatria e ci si accontenta di misere rassicurazioni. Quando si accoglie il Dio di Gesù Cristo, che da ricco si è fatto povero per noi (cfr 2 Cor 8,9), si scopre allora che riconoscere la propria debolezza non è la disgrazia della vita umana, ma è la condizione per aprirsi a colui che è veramente forte. Allora, per la porta della debolezza entra la salvezza di Dio (cfr 2 Cor 12,10); è in forza della propria insufficienza che l’uomo si apre alla paternità di Dio. La libertà dell’uomo nasce dal lasciare che il vero Dio sia l’unico Signore. E questo permette di accettare la propria fragilità e rifiutare gli idoli del nostro cuore.
Siamo stati guariti proprio dalla debolezza di un uomo che era Dio, dalle sue piaghe. E dalle nostre debolezze possiamo aprirci alla salvezza di Dio.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

“Colli in Festa” a Piano di Sorrento

 La mostra-mercato dei prodotti agricoli in quattro giorni   Foto tratta dal diario di Facebook di Nello Iorio Piano…

14 Giu 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Meta: assoluzione per Quintero

Meta: Si è chiusa con assoluzione per insufficienza di prove la lunga odissea di Quintero di Meta , difeso dal…

11 Giu 2019 Meta Adele

Vico Equense

Vico Equense, 23mln per riqualificare sei hotel

sul territorio  Vico Equense – Un investimento di 23mln per riqualificare sei hotel che hanno deciso di agire in “rete” per…

23 Mag 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Notte magica di inizio estate a Capri. Le foto

Con i fuochi d’artificio al largo dei Faraglioni Emozionanti foto sono state scattate ieri notte da Mario Coppola. I Faraglioni illuminati…

09 Giu 2019 Campania Capri Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Incontro ravvicinato con capodoglio e tartaruga. Il video

Il mare di Capri continua a regalare emozioni Emozioni a non finire. E’ ciò che continua a regalare il mare di…

05 Giu 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

È morto Franco Zeffirelli, il maestro del cinema italiano col…

All'età di 96 anni, nella sua casa di Roma, sull'Appia Antica Addio a Franco Zeffirelli. Il grande regista fiorentino, all'anagrafe Gian Franco Corsi Zeffirelli,…

16 Giu 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Amalfi affonda in laguna, trionfa Venezia

Débâcle dell'equipaggio azzurro Amalfi affonda in laguna e chiude clamorosamente all'ultimo posto la 64esima edizione della Regata Storica delle Antiche Repubbliche Marinare.…

05 Giu 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook