Bassolino: il Pd guardi al nuovo sì ai Verdi e alle Sardine

Rassegna Stampa  Il Mattino

Bassolino: il Pd guardi al nuovo sì ai Verdi e alle Sardine
Per Bassolino il Pd deve aprirsi a Verdi e Sardine: «Bene Zingaretti. Contro la destra, idee moderne».
L’ex governatore: bene il percorso annunciato da Zingaretti, servono idee e progetti moderni
«Ora maggiore coesione con gli alleati di governo
Il rilancio del Mezzogiorno nodo imprescindibile

Allora: il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, annuncia la volontà di aprire una nuova fase costituente a sinistra. Congresso con una proposta politica e organizzativa di radicale innovazione, costituzione di una grande forza riformista anche cambiando simbolo e nome, intenzione di andare pure oltre la sinistra. In fondo, è quanto da tempo si augura lei, Antonio Bassolino. Soddisfatto, dunque? «Dico che da Zingaretti viene un forte segnale di consapevolezza con la volontà di reagire e assumere una iniziativa politica all’altezza dei tempi e della situazione». Cominciamo dalla consapevolezza. «Noi siamo nel mezzo di un passaggio decisivo in cui tutto si svolge in maniera convulsa. Proprio per questo è a maggior ragione importante mostrare adeguata lucidità politica. A livello internazionale siamo dentro uno scenario più largo che chiama in causa il ruolo dell’Europa rispetto alle crisi in corso in Iran e Libia e di fronte a questioni di fondo poste in un mondo dominato da tre potenze: gli Usa e la Cina, che hanno poteri economico e politico, la Russia, che dispone di quelli politico e militare. Davanti a questo quadro c’è assoluto bisogno di un diverso ruolo dell’Italia in una Europa che conti di più. Un’Europa che sappia misurarsi da un lato con gli effetti che produrrà la Brexit e dall’altro con la novità di Spagna e Portogallo dove al governo vanno forze di sinistra e progressiste.

Noi, come Italia, possiamo e dobbiamo avere anche in virtù della vocazione mediterranea una posizione più forte m una Europa che sappia guardare di più e meglio a quanto accade in Africa, dove Cina e Russia ormai contano maggiormente. Ecco, senza comprendere ciò che succede intorno al nostro Paese risulterà estremamente difficile agire sul fronte interno». Dove le complicazioni non mancano. «Beh, dal 4 marzo 2018 c’è stato un susseguirsi tumultuoso di stagioni. Dalle elezioni politiche del M5S alle Europee della Lega, due governi in pochi mesi, la nascita repentina dell’esecutivo con cinquestelle, Pd, LeU, Italia Viva che potrà avere un futuro soltanto se mostrerà di essere un insieme». Non lo è? «Non ancora o, quantomeno, non come sarebbe necessario. Guardi, l’Italia è ferma e gli indici di crescita – quando ci sono – sono a livelli minimi. La verifica per l’attività del governo si misurerà con la capacità che avrà di rispondere in termini di coesione e di sviluppo alle pressanti domande del Mezzogiorno e di farlo in termini del tutto diversi da quelli del precedente esecutivo. Gli anni della grande crisi hanno pesato sull’Italia e soprattutto sul Sud, qui è ripresa l’emigrazione su larga scala dei più giovani e dei migliori mutando letteralmente il paesaggio umano. Un primo passo potrà venire dal 34 per cento di spesa pubblica nel Meridione, a cui dovrebbe far seguito il piano per il Sud annunciato dal ministro Giuseppe Provenzano.

Un segnale incoraggiante è dato pure dalla nomina di Gaetano Manfredi a ministro dell’Università e della Ricerca: gli faccio gli auguri e spero che, al pari di quanto ha fatto per la “Federico II”, incentivi le opportunità per trattenere e sostenere le giovani intelligenze. C’è comunque urgenza di una iniziativa generale del governo». Lei crede che Zingaretti si sia mosso anche in considerazione di questo? «Sicuramente questi temi pongono questioni al Pd e alla sinistra. Il Pd ha frenato la caduta elettorale con primi passi di ripresa. Ora dovrà seguire la svolta nella conduzione politica, nel modo di essere del partito, nel rapporto con il Paese. Questa svolta reclama una rinnovata capacità di riflessione politica e culturale, che si è abbastanza smarrita in questi anni, oltre che di presenza dentro la società italiana. Competendo con la Lega che amministra ampi territori del Nord e con un centrodestra dove, se Forza Italia si ridimensiona, Fratelli d’Italia è in crescita. Dentro la società, insisto, nella vita quotidiana delle persone più che in asfittici rituali ripetitivi perché soltanto dal versante del governo la sfida non sposterà nel profondo i rapporti di forza. Ci vuole la giusta ambizione».

La vede nella proposta di Zingaretti? «Lui ha un credito di fiducia conquistato con le primarie del Pd. La giusta ambizione viene dal considerare miope e ristretta ogni visione, da parte di chiunque, intorno al campo attuale. Non conta modificare di un punto gli equilibri tra Pd, Leu, Italia Viva e Azione di Carlo Calenda: c’è un altro campo da conquistare attraverso una competizione virtuosa. Insieme».

A quale campo si riferisce? «Soprattutto a quello amplissimo abitato dal popolo enorme del non voto. È anche necessario dialogare con i nuovi ambientalisti e i giovani delle Sardine, offrire a tutti i senza casa della sinistra e del centrosinistra un tetto politico, una prospettiva, una speranza». Non teme scorciatoie di convenienza e sommatorie a freddo? «Servirà un vero congresso costituente di riflessione e discussione politica, aprire porte e finestre che finora sono rimaste chiuse per far entrare aria nuove, idee nuove. Per fare più grande il Pd e la sinistra poi si vedrà in corso d’opera se opportuno cambiare nome e simbolo. “Nomina sunt consequentia rerum”. C’è una priorità da rispettare, saper stare nella società. Questa è la sfida da raccogliere e che riguarda tutti. Una scommessa in cui ognuno, a cominciare da me, deve saper dare il suo contributo».
Generoso Picone

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

“22 DI PIANTE DI VIA DELLE ROSE SONO PERICOLOSE”: IL…

Rassegna Stampa locale PIANO DI SORRENTO/ “22 DI PIANTE DI VIA DELLE ROSE SONO PERICOLOSE”: IL REPORTAGE DI SALVATORE MARE (M5S)…

23 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Redazione

Meta

Meta, rinnovato accordo tra Comune e CP

Per un periodo di quattro anni per il comodato d’uso dei locali sede dell’Ufficio Locale Marittimo della cittadina della costiera…

21 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

L'Istituto della SS.Trinità abbandonato dai politici

Il commento del prof Enzo Esposito Dopo il terremoto del 1980, iniziò la trasformazione di tutto il territorio di Vico. Con…

23 Feb 2020 Campania Vico Equense Redazione

Capri

Nuovo collegamento Capri-Anacapri, riprende il dialogo tra le due Amministrazioni

Al via calendario di incontri monotematici. L’Ascom Anacapri: “Piena soddisfazione” (Fonte caprinews.it) Riceviamo dall’Ascom Anacapri e pubblichiamo il resoconto dell’incontro tenuto ieri…

18 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Importante passo avanti verso i lavori di adeguamento dell’elisuperficie di…

Il Comune di Anacapri affida con procedura negoziata a una ditta di Sorrento la fornitura del sistema di illuminazione Importante passo…

11 Feb 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Gran Carnevale di Maiori: sabato sera concerto di Monica Sarnelli…

La 47esima edizione anche quest'anno un programma ricco di eventi e tutti spalmati durante le due settimane (Fonte ilvescovado.it) Entra nel vivo…

22 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Sospetto Coronavirus in Costa d'Amalfi

Il nosocomio napoletano sembra essere preso d'assalto, di conseguenza verranno inviati i tamponi che al ritorno saranno immediatamente analizzati. Nella…

22 Feb 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook