ALL’ARTIS DOMUS BURATTINI CONTRO LA TERRA DEI FUOCHI

Pulcinella e Zampalesta nella terra dei fuochigaspare-nasuto-150x150Nell’incanto dell’accoglienza del giardino dell’Artis Domus a Sorrento, in via Fuoro, venerdi 15 luglio dalle 20,30 si terrà una indimenticabile cena-spettacolo con le specialità della casa e lo spettacolo di rara bellezza dei burattini tradizionali napoletani e calabresi: “Pulcinella e Zampalesta nella Terra dei Fuochi”, scritto, diretto ed interpretato a quattro mani da Gaspare Nasuto e Angelo Gallo. In questo spettacolo, adatto ad un pubblico di tutte le età, attraverso l’uso del codice tradizionale e degli archetipi del teatro dei burattini, i due artisti affrontano uno dei temi più inquietanti della nostra storia contemporanea, quello dello sversamento dei rifiuti tossici nelle terre del Sud Italia, venuti alla luce attraverso i rapporti sulle ecomafie e le centinaia di inchieste che in questi anni si sono susseguite. Nasuto e Gallo hanno il merito di utilizzare il più antico e tradizionale strumento teatrale, i burattini, come mezzo di riflessione e denuncia sociale. Il loro lavoro è un inno alla potenza della natura ed al tempo stesso un invito al risveglio delle coscienze contro i soprusi subiti dalle nostre terre, che riesce a far arrivare forte e chiaro il messaggio tanto agli adulti quanto ai bambini.

Parte del ricavato della serata tolte le spese sarà devoluto dall’Artis Domus all’Associazione “Noi Genitori di Tutti”, formata dai genitori dei bambini e ragazzi vittime di tumori nella Terra dei Fuochi, che si adopera per tutelare l’ambiente e il diritto alla vita nei territori martoriati dallo scempio dell’inquinamento abusivo al motto di “il bambino prima di tutto”, prima di interessi, di profitti, di individualismi e egoismi di ogni tipo. La Onlus collabora con l’Ambulatorio di medicina solidale San Ludovico da Casoria, una struttura sanitaria di volontariato che offre consulenze mediche gratuite, farmaci, sostegno a persone bisognose. Il costo della serata è 20 euro per gli adulti e 10 per i piccoli.

 

Note tecniche dello spettacolo

Spettacolo di burattini tradizionali napoletani e calabresi.

Scritto, diretto ed interpretato a quattro mani da Gaspare Nasuto e Angelo Gallo. Scene e burattini  Gaspare Nasuto e Angelo Gallo.

Durata: 50’

 

Gli autori

Lo spettacolo nasce dalla collaborazione artistica di Angelo Gallo, calabrese, proveniente dal Teatro della Maruca a Crotone, con Gaspare Nasuto, maestro burattinaio stabiese che, portando in giro per il mondo il messaggio ed il fascino di Pulcinella e dei burattini tradizionali napoletani, da anni è impegnato in un percorso di ricerca sul personaggio di Pulcinella in nuove strade drammaturgiche di gusto contemporaneo. Dall’incontro di Gaspare Nasuto ed Angelo Gallo, per la prima volta nella storia si fondono sul palco due tradizioni storiche di teatro dei burattini, quello napoletano con Pulcinella e quello calabrese con Zampalesta.

 

Il teatro dei burattini

Il teatro dei burattini o delle guarattelle napoletane nasce a Napoli nel ‘500 e da questa città si è poi sviluppato e contaminato con altre culture modificandosi e rigenerandosi. Il burattino tradizionale è composto da testa e mani di legno fissate ad un camiciotto sopra il quale viene posto il vestito vero e proprio, l’animatore per muoverlo lo inguanta dandogli vita. Lo spettacolo dei burattini è rappresentato all’interno di un teatrino di legno, detto castelletto o baracca. La parola burattino deriva da “buratto”, una stoffa grezza e resistente, usata per la veste dei personaggi. Verso la fine del ‘700 nascono vere e proprie compagnie di teatro dei burattini e dalle semplici farse si passa a rappresentazioni drammatiche o melodrammatiche. Nel XIX secolo i burattini diventano un fenomeno comune nelle piazze delle città, e rappresentano un’attrazione in grado di coinvolgere un gran numero di persone di ogni età.

 

La trama dello spettacolo

In paese fervono i preparativi per l’imminente matrimonio di Pulcinella e Teresina, tutti sono invitati. Le specialità del banchetto nuziale sono i prodotti tipici della cucina delle terre del Sud Italia, primi, secondi, contorni, dolci, e per preparare il ricco buffet per gli invitati servono tante uova freschissime, ma quando Pulcinella si rivolge al contadino napoletano Ciccillo, questo costernato gli risponde che la sua gallina Serafina, un tempo famosa per le sue uova, non depone più. Ciccillo interpella allora il contadino calabrese Rusaru, suo amico per la pelle e socio, da cui ha avuto in regalo la gallina, e questi intuisce che abbia mangiato della spazzatura: la gallina risulta “intasata” infatti da un barattolo di latta che espelle tra le risate di grandi e piccini. Le risate cessano però quando si riflette che qualcosa non va nel verso giusto, è da un pò di tempo che la terra dei campi di Ciccillo è maleodorante, le  piante che vi sono coltivate muoiono e gli animali si ammalano. Allora si scopre che cosa stanno combinando sui terreni di Ciccillo Gaetano, Franco ed un manipolo di scellerati che, nottetempo, sotterrano scalda-bagni e copertoni ma sono pronti a fare il grande salto accogliendo un carico di diverse tonnellate di rifiuti tossici. A questo punto lo spettacolo cambia tono e dal teatrino spuntano due mani umane – quasi a non voler

‘sporcare’ i burattini con un gesto tanto vile e basso- che guidano un escavatore e poi sversano quasi addosso al pubblico barili

di materiale tossico. La terra ribolle, gli alberi vanno a fuoco ed il teatrino stesso sembra poter bruciare da un momento all’altro. A questo terribile spettacolo assistono anche i due contadini ed è quasi possibile vedere le lacrime scorrere sul viso di legno di Ciccillo, che vede il suo campo così violentato. Saranno proprio Pulcinella e Zampalesta a scoprire e a portare alla luce le malefatte dei camorristi. Segue una rissa tra i buoni e i malavitosi ed ancora una volta Nasuto e Gallo sembrano non voler contaminare i burattini con la violenza di cui gli uomini sono capaci: la rissa si svolge in slow-motion per tenere ben distinto questo genere di violenza dalle botte e bastonate che in genere Pulcinella dà e riceve solo per far ridere il pubblico. Il bene avrà la meglio sul male, anche grazie all’intervento di Pulcinella e Zampalesta: sulla terra di Ciccillo ricominceranno a crescere piante ed alberi e nell’aia le galline torneranno a fare le uova, ma per una terra salva, tante altre sono in pericolo o nelle mani di altri Gaetano e Franco, anche per colpa dell’incuria della gente. Lo ricorda Teresina, a cui Gallo e Nasuto affidano la morale della storia.

 

 

La Terra dei fuochi

La Terra dei Fuochi è una vasta aerea della Campania, tra Napoli e Caserta, caratterizzata dalla forte presenza nel territorio di rifiuti industriali, come copertoni o scarti di abbigliamento, o cavi elettrici, e da materiali chimici e nucleari, altamente tossici, sversati illegalmente da parte della camorra e, in particolare, dal clan dei Casalesi, e provenienti soprattutto dal Nord Italia. Inoltre nella zona si sono susseguiti numerosi roghi di rifiuti, donde l’appellativo di terra dei fuochi, poiché in molti casi, i cumuli di rifiuti, accumulati nelle campagne, o ai margini delle strade, venivano incendiati dando luogo a roghi i cui fumi hanno diffuso nell’atmosfera e nelle terre circostanti sostanze tossiche, tra cui diossina. I roghi divennero più frequenti quando potevano essere confusi tra i numerosi roghi appiccati ai cumuli di immondizia durante la crisi dei rifiuti in Campania, tra il 2007 e il 2008. I carabinieri accertarono che solo tra il gennaio e il marzo del 2007 furono bruciati 30 000 kg di rifiuti in terreni agricoli. L’inquinamento da diossina dei terreni è estremamente pericoloso perché introduce sostanze tossiche nella catena alimentare degli animali da allevamento e può raggiungere anche l’uomo. Le dichiarazioni del pentito di camorra, Carmine Schiavone, hanno evidenziato come la Campania fosse diventata una discarica a cielo aperto, soprattutto di materiali tossici tra cui piombo, scorie nucleari e materiale acido, che hanno inquinato le falde acquifere campane e le coste di mare. Il boss Gaetano Vassallo, legato al clan dei Casalesi, confessò che per vent’anni ha lavorato per sversare sistematicamente in Campania rifiuti tossici corrompendo politici e funzionari del Governo.

La definizione “Terra dei fuochi” venne utilizzata per la prima volta nel 2003 nel Rapporto Ecomafie 2003 curato da Legambiente, e successivamente da Roberto Saviano nel libro Gomorra, come titolo dell’XI ed ultimo capitolo. Geograficamente, si identifica con un territorio di 1076 km², nel quale sono situati 57 comuni, nei quali risiedono circa 2 milioni e mezzo di abitanti: 33 comuni situati nella provincia di Napoli e 24 comuni situati nella provincia di Caserta. Da molti decenni, in queste zone della Campania l’accumulo di sversamenti di rifiuti industriali e di rifiuti tossici e nucleari, e i loro roghi, hanno creato un disastro ambientale responsabile di un’impennata di casi di tumori e morti, soprattutto in  giovani e bambini.

 

Il triangolo della morte

Per “triangolo della morte” si intende un’area della provincia di Napoli, compresa tra i comuni di Acerra, Nola e Marigliano, in cui più sensibilmente si è avvertito l’aumento della mortalità per cancro della popolazione locale, principalmente dovuto allo smaltimento illegale di rifiuti tossici da parte della camorra. La definizione venne utilizzata nell’agosto 2004 dalla prestigiosa rivista scientifica internazionale The Lancet Oncology, che ha pubblicato uno studio di Kathryn Senior e Alfredo Mazza, quest’ultimo ricercatore del CNR di Pisa, dal titolo: “Il Triangolo della morte in Italia collegato alla crisi dei rifiuti”, sottolineando la paurosa impennata di casi di cancro in questi territori. Un ulteriore studio del 2007 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Istituto Superiore di Sanità, Consiglio Nazionale delle Ricerche e Regione Campania ha monitorato in 196 comuni campani la mortalità per tumori e le malformazioni congenite nel periodo dal 1994 al 2002. Lo studio ha evidenziato che «la mortalità per tumori e le malformazioni congenite sono risultate significativamente aumentate nelle zone con presenza di discariche e siti di abbandono incontrollato di rifiuti.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, tra eventi natalizi e cultura

Una sinergia tra Comune, Museo Geroge Vallet, Ascom e territorio per valorizzare la cittadina costiera Foto…

07 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Consiglio di Stato ha accolto le tesi di Comune ed…

Rassegna stampa.Fonte Positano news Consiglio di Stato ha accolto le tesi di Comune ed Italia Nostra negando permesso a costruire parcheggio…

05 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Vico Equense, convegno sulla famiglia e genitori

Si terra nella sede dell’associazione Help aps nelle giornate del 13 e 14 dicembre e 20 e 21 dicembre 2019  Vico…

07 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Anacapri, stop ai rapporti con Capri dopo il no alla…

L'annuncio del sindaco Scoppa: "Rottura istituzionale nell'Isola azzurra"   Lo stop al progetto per una funicolare sotterranea tra Capri ed Anacapri ha…

02 Dic 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

No alla violenza sulle donne: la Piazzetta di Capri illuminata…

Nell’ambito delle iniziative promosse dall’Assessorato alle Pari Opportunità La Piazzetta di Capri illuminata di rosso per una sera, nell’ambito delle iniziative…

26 Nov 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Vietri sul Mare, presentazione libro "Negritudine della ceramica vietrese. Da…

Si terrà Presso il Centro Culturale C.a.T. mercoledì 4 dicembre alle ore 18,00 Presso il Centro Culturale C.a.T., in Via Ospizio 3 a…

04 Dic 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Piovono pietre sulla Salerno-Vietri

Restringimento strada provoca rallentamenti e disagi   Il distacco di pietre dal costone roccioso sovrastante Via Benedetto Croce, al confine tra Salerno e Vietri sul…

26 Nov 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook