Alberi sani e alberi malati, scoppia polemica

Piano di Sorrento: abbattono alberi sani e vivi e lasciano crollare quelli morti!

Quello che è accaduto al centro sportivo di via delle rose, nell’area dedicata ai giochi dei bambini, è semplicemente assurdo e da irresponsabili. E’ crollato un grosso noce e nella caduta ha distrutto una torretta con lo scivolo. Ad impedire il passaggio dei bimbi era stato allocato un nastrino bianco e rosso staccatosi da tempo. Quell’albero era già morto da anni e costituiva un serio pericolo per la pubblica e privata incolumità! Ci si chiede cosa si aspettava ad eliminarlo?

Eppure non è la prima volta che alberi vivi e sani, solo per un millantato e non meglio giustificato timore di crollo, sono stati eliminati, velocemente e senza diritto di replica o contraddittorio. Il pino di via Caposcannato, il pino di Villa Irbicella, i pini della scuola ai Colli S.Pietro, la canfora di piazza Cota e tanti altri alberi non ci sono più perchè qualcuno ha deciso che erano immediatamente pericolosi? Accade ovunque non solo a Piano di Sorrento.

A Meta con i soldi “metropolitani” ne hanno di recente abbattuti una decina dopo le perizie dell’agronomo Tullio Esposito (quattro li ha tenuti in piedi il WWF). A Sorrento è stata una falcidia di alberi, giudicati malati e pericolosi dall’agronoma Elena De Marco, e a nulla sono servite le controperizie del WWF per cercare di salvarne almeno quattro su oltre novanta condannati a morte!!! Il falso pepe del chiostro di San Francesco, i lecci del porto di Sorrento, i pini di via del Mare, i tigli di via Caruso, le tamerici di via Rota, le jacarande di piazza Vittorio Veneto, il cedro dell’Himalaya e il canforo di via Parsano, i pini di via San Renato, quelli di via Fuorimura, e tantissimi altri … sono stati condannati a morte perché giudicati pericolosi per la pubblica e privata incolumità. Tutti tranne i pini del Parco Ibsen: tre esemplari alti e slanciati di Pinus pinea, morti da diversi anni ma lasciati tranquillamente in piedi, tra l’area giochi dei bambini e la zona spettacolo. Gli scheletri arborei hanno pericolosamente dominato il parco per diverse stagioni fino a pochi mesi fa quando, finalmente, hanno finanziato l’abbattimento.

Il noce morto di Piano di Sorrento, invece, aspettava il finanziamento di 162.000 euro della città metropolitana per essere abbattuto. Eppure sarebbe bastato segarlo a tre metri d’altezza per metterlo in sicurezza, con mezz’ora di lavoro non si sarebbe messo in pericolo nessuno (!!!) e oggi, non avremmo dovuto spendere soldi per acquistare un nuovo scivolo!

Claudio d’Esposito WWF

E’ evidente che della “pubblica e privata incolumità” interessa ben poco ai nostri amministratori, se non quando tale “pericolo” serve come pretesto per eliminare alberi scomodi!!!

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

Piano, riqualificazione dell'area collinare

Nuovi spazi pubblici per il benessere Nell'ambito di una consolidata unione di intenti tra il Comune di Piano di Sorrento e…

19 Set 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Dipendenti comunali sul piede di guerra

Le Organizzazioni sindacali Cgil Cisl e Uil del Pubblico Impiego di Napoli hanno incontrato in assemblea i dipendenti del Comune…

26 Set 2020 Meta Redazione

Vico Equense

Il Premio “Capo d’Orlando” andrà al Nobel May Britt Moser

La XXII edizione del prestigioso riconoscimento scientifico sarà dedicata alle donne e sarà attribuito il prossimo 9 ottobre     …

24 Set 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Elezioni: l’affluenza alle 19. Capri: 26,13% referendum, 20,83% regionali. Anacapri:…

Continuano le operazioni di voto per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari e per l’elezione del nuovo presidente di…

20 Set 2020 Campania Capri Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Il professor Ascierto in visita al Comune di Anacapri

L’incontro con una rappresentanza dell’Amministrazione (Fonte caprinews.it) Il professor Paolo Ascierto, oncologo dell’Istituto dei tumori “Fondazione Pascale” di Napoli, “padre” del cosiddetto…

04 Set 2020 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Referendum costituzionale, in Costiera Amalfitana il "Sì" al 75,83% [TUTTI…

L'affluenza definitiva al voto è stata del 53,84% alla chiusura dei seggi. I dati si evincono dal sito del Viminale   (Fonte il vescovado.it) Il…

21 Set 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Elezioni, alle 19,00 affluenza maggiore ad Amalfi (42%). A Praiano…

Il dato di riferimento è quello relativo al referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari   (Fonte il vescovado.it) Col 42,58% sono Amalfi è il centro…

20 Set 2020 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook