55° anniversario della morte di Elio Vittorini

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della Disciplina dei Diritti Umani in occasione del 55° anniversario della morte di Elio Vittorini, che si celebra il 12 febbraio, intende ricordare l’importante ruolo assunto dallo scrittore nella nostra società.
Di tutti gli intellettuali di cui oggi si sente particolarmente la mancanza, Elio Vittorini sicuramente è quello che più di altri si era posto il problema di una cultura autenticamente improntata ai valori dell’umanità e della giustizia. Aveva ragione lui: non basta diffondere competenze, informazioni, nozioni perché la società sia più equa, vivibile e solidale; spesso criminali, dittatori feroci, politici arroganti possiedono una qualche forma di istruzione, in alcuni casi è anche elevata. Allora cosa manca? Probabilmente la famiglia giusta e cioè autenticamente educante, a prescindere dal ceto sociale, e l’“esposizione” a principi di carattere umanitario. Forse mancano i diritti umani e per procedere in tale direzione diritti sociali e diritti civili dovrebbero essere finalmente abbinati. È difficile sconfiggere l’egoismo, l’istinto bestiale che induce ad affermare se stessi anche disprezzando il prossimo; ancora più difficile vincere la strisciante tentazione di considerare l’alterità, in quanto a noi estranea, sospetta e da respingere. Proprio per questo in una società come la nostra, per molti aspetti solo superficialmente attenta ai bisogni delle classi marginali, il vero quesito che poi dovrebbe diventare sostanza e cuore pulsante dei nuovi programmi ministeriali è che tipo di cultura proporre ai giovani? Come parlare alle loro coscienze, alla loro immaginazione? In definitiva in che modo insegnare (in + signum = lascio un segno)
“La società non è cultura perché la cultura non è società. E la cultura non è società perché ha in sé l’eterna rinuncia del «dare a Cesare» e perché i suoi princìpi sono soltanto consolatori, perché non sono tempestivamente rinnovatori ed efficacemente attuali, viventi con la società stessa come la società stessa vive. Potremo mai avere una cultura che “‘Sappia proteggere l’uomo dalle sofferenze invece di limitarsi a consolarlo? Una cultura che le impedisca, che le scongiuri, che aiuti a eliminare lo sfruttamento e la schiavitù, e a vincere il bisogno, questa è la cultura in cui occorre che si trasformi tutta la vecchia cultura.” (E. Vittorini, Il Politecnico n. 1, 29 settembre 1945)
Le parole di Vittorini sono profondamente attuali e ci inducono a riflettere come docenti, come cittadini, come educatori.
IL CNDDU invita i docenti a commemorare la figura di Vittorini anche attraverso la citazione di giovani intellettuali come Patrick Zaki e Giulio Regeni i quali hanno subito orribili soprusi soltanto perché cercavano di mettere la propria cultura al servizio dei deboli, testimoniando e raccontando quanto evidentemente l’establishment non gradiva. Umanità e cultura dovrebbero rendere un concetto molto chiaro: rifiutarsi di considerare normale o accettabile ogni atrocità che non ci riguardi direttamente. Ogni scuola, interpellando i propri studenti, potrebbe dedicare uno spazio virtuale incentrato sui suggerimenti e le proposte utili per realizzare una cultura diversa, innovativa, inclusiva. L’hashtag dell’iniziativa è: #NonBlocchiamoLaCultura
Prof. Romano Pesavento
Presidente CNDDU

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Piano di Sorrento

L’ex sindaco Gaetano Botta lascia la vita terrena

È stato anche un  esponente di spicco della Democrazia Cristiana degli anni 80/90 di cui è stato segretario cittadino Piano di…

25 Feb 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Luigi Celentano, telefonata anonima: “Sta bene, non vuole essere cercato”

Arriva alla redazione della trasmissione di Chi l’ha visto?, da parte di una donna dall’accento campano ma non si sa…

04 Mar 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense, chiusi uffici comunali e biblioteca comunale

Lo saranno fino al 6 marzo e  resta chiusa la sede centrale di piazzale Siani Vico Equense – Resteranno…

01 Mar 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Capri, i sindaci alle aziende di trasporto: con zona arancione…

Hanno scritto una nota congiunta indirizzata alla Regione Campania, all’Autorità Portuale di Napoli, alle compagnie di navigazione ed alle società…

20 Feb 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

GdF, sanzioni a Sorrento e Capri

Controlli nel fine settimana con la concomitanti festività di San Valentino e Carnevale Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di…

15 Feb 2021 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Frana Amalfi, SS 163: avviato anche terzo fronte della cantierizzazione

Relativo al ripristino del corpo stradale in corrispondenza del km 29,750, distrutto dall’evento franoso occorso nel febbraio scorso dal sovrastante…

03 Mar 2021 Positano / Costiera Amalfitana Giuseppe Spasiano

Costa d'Amalfi, piromani in azione fuori stagione [FOTO]

Un rogo è visibile dalle 17,45 circa sulle colline siprastanti l'abitato di Maiori, in zona San Lazzaro (Fonte il vescovado.it) In Costa d'Amalfi incendi…

01 Mar 2021 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano