Il Vallo di Diano trema forte nella notte

La scossa di magnitudo 3.8 è stata sentita in una vasta zona ed anche in Basilicata

 

Redazione – Non c’è pace per il territorio italiano e nella notte trema il Vallo di Diano, nel quale è stata registrata una scossa di magnitudo 3.8 alle ore 00.38 che è stata sentita in una vasta zona ed anche in Basilicata e Puglia.

L’epicentro è stato individuato a 4 chilometri da Padula, con una profondità di 11 chilometri ed ha interessato molto di più i comuni che erano vicini all’epicentro: Padula, Montesano sulla Marcellana, Buonabitacolo, Sassano, Casalbuono, Monte San Giacomo, Sala Consilina, Sanza, Teggiano, Casaletto Spartano, Atena Lucana, Caselle in Pittari, Tortorella. Ma anche più lontano ha fatto sentire la sua voce: nella zona potentina a Paterno, Tramutola, Marsico nuovo, Marsicovetere, Molinterno, Grumento Nova, Sarconi, Viggiano, Brienza e Sasso di Castalda. Ma non solo, e secondo alcune notizie, anche nella vicina Puglia, nelle città di Corato e Trani.

Molto spavento e tanta paura hanno fatto si che la gente si riversasse nelle strade tanto che con il panico di una scossa di magnitudo più pesante, qualcuno ha dormito in auto, anche perché lo sciame sismico è durato tutta la notte e con quello che è accaduto qualche giorno fa tra Capaccio ed Albanella c’è paura.

“Erano decenni che non avvertivamo una scossa di questa entità, ero appena andata a letto quando tutto intorno a me ha iniziato a tremare”, racconta una cittadina di Polla. “Sono sceso di casa in pigiama, ho avuto il tempo solo di prendere un cappotto”, dice invece un residente di Padula. “Il terremoto – è invece il commento di un abitante di Novi Velia – lo abbiamo avvertito chiaramente, siamo rimasti svegli tutta la notte”.

Continue scosse, piccole o di lieve entità che preoccupano molto le persone, che pensano a qualcosa di grave dopo ben 37 anni, da quel disastroso terremoto dell’Irpinia che sconvolse un vasto territorio della Campania e della Basilicata, provocando circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti. Ma per ora non si registrano danni per nessuno, ne per persone ed edifici, solo che per precauzione nella giornata di venerdì 27 ottobre le scuole di Sala Consilina, Montesano sulla Marcellana, Buonabitacolo e Sanza, sono restate chiuse per delle verifiche. Per il resto le cittadine stanno tornado alla normalità di tutti i giorni anche se ora con questo avvertimento c’è più allerta.

Ma questa scossa ha fatto mettere qualche pulce nell’orecchio del professore Franco Ortolani, ordinario di Geologia dell’Università Federico II di Napoli, che invita a riflettere soprattutto sulla natura dell’evento che è in relazione alle faglie che hanno sollevato i Monti della Maddalena e contemporaneamente individuato la depressione strutturale del Vallo di Diano e della Val d’Agri. Ma soprattutto mette l’accento su quello che è l’istanza di permesso di ricerca di idrocarburi Monte Cavallo che è assolutamente incompatibile con la tutela delle risorse idropotabili alimentate dai Monti della Maddalena compresi nell’istanza.

Comunque sono proseguiti nella giornata di venerdì 27 ottobre le ricognizioni sul territorio anche attraverso squadre di volontari.

 

GISPA

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Per chi è ‘na bona furchetta, cannelloni al ragù

Il primo prototipo di cannellone forse lo si fa risalire all’Ottocento    Costiera sorrentina – Non è molto sicura l’origine di questo…

20 Feb 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Con banconota falsa azzardano a comprare gratta e vinci

Tre 16enni lo provano nella tabaccheria della stazione ricalcando il film di Totò ma poi sono denunciati    Meta - Tre 16enni…

22 Feb 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Vico Equense, momenti concitati su treno della Circum

Un cittadino dell’Est Europa rifiuta di acquistare un biglietto ed è stato portato in caserma   Vico Equense – Ci sono stati…

22 Feb 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Ennesimo incidente stradale sulla via che collega il Porto con…

Auto esce fuori strada e finisce in un fondo sottostante, per fortuna nulla di grave per la donna alla guida Poteva…

22 Feb 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Abusivismo, a Capri i vertici dei carabinieri

Per fare il punto sulle attività di indagine di Anna Maria Boniello   CAPRI - Carabinieri in prima linea nella lotta all'abusivismo edilizio…

16 Feb 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Nuova destinazione per il convento San Domenico di Maiori

Una scuola di alta formazione turistica Una scuola di alta formazione professionale di management turistico. È quanto immaginato dall'Amministrazione comunale di…

22 Feb 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Una nuova mappa turistica per Amalfi

Il Consorzio degli albergatori premia le strutture di qualità Sette percorsi di visita che, oltre agli itinerari classici, propongono esperienze insolite…

17 Feb 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook