Trent’anni fa e…più: il ricordo del Marina d’Aequa e Tito Campanella

Le gelide acque oceaniche le inghiottirono senza scrupoli facendo vittime senza ritorno

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Foto tratta dal diario di Facebook di Naufragio “Marina D’Aequa”- Per non dimenticare

 Sant’Agnello – Il ricordo non si spegnerà mai nei familiari ed in chi conobbe quegli impavidi uomini che solcarono trent’anni fa e più, le gelide acque oceaniche che li inghiottirono senza scrupoli facendo vittime senza ritorno sul Marina d’Aequa ed il Tito Campanella.

Quando corrono quelle fatidiche date: 29 dicembre 1981 e 14 gennaio 1984, nessuno dimentica che in quel mare tempestoso al largo delle coste franco-spagnole, che non ha pietà di nessuno, quei 30 e 24 uomini con una donna, perirono senza fiatare e furono inghiotti dai flutti che non li restituirono più ai loro familiari.

Tito Campanella, storia di un naufragio: ruggine, armi e rifiuti

Tito Campanella, foto tratta da mareeonline.com

E così ogni anno si rinnova l’appuntamento sull’altare del Signore per ricordare questi marinai, specie quelli del Marina d’Aequa, ex ‘Brinnes’, avvenuto in quella data alle ore 17,55 in latitudine 45°45’ ed in longitudine 9° nel ‘maledetto’ golfo di Guascogna.

Oggi gli anni che sono passati da quel giorno, sono 36 e quasi 34, ma nessuno può dimenticare dalla propria testa quegli uomini che avevano nel loro bagaglio marinaresco una buona esperienza ma che purtroppo non servì in quei tragici momenti in cui la tempesta li sopraffece, senza che loro potessero dire o fare qualcosa. Le foto di quella nave in balia dell’oceano Atlantico con onde alte circa dieci metri e passa, che cercava di barcamenarsi per non affondare in quelle gelide acque, ricordano quei momenti in cui anche i soccorritori non poterono fare nulla, neanche gli elicotteri che si recarono sul posto.

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio al chiuso

Foto di archivio

 

Una triste ricorrenza che ritornando alla nostra mente, oggi ci ricorda che anno dopo anno si registra un continuo aumento, a varie latitudini e longitudini, di coloro che nell’adempimento del proprio dovere ed alla ricerca di un minimo di dignità, perdono la vita in quella distesa blu.

In cui poco più di un mese fa, il 17 novembre, si è inabissato il sottomarino argentino ‘Ara San Juan’ con il suo carico umano di 44 marinai, nel golfo di San Jorge a 240 miglia dalla costa, a sud- est della penisola di Valdes.

Ricordando sempre quella tragedia, i media sia televisivi che cartacei, ne furono invasi come quelli di oggi che, a ritmo incalzante, ci aggiornano di coloro che, in cerca di dignità e pace, alla mercé dei trafficanti senza scrupoli, perdono la vita nel ‘Mare Noistrum’, ossia il Mediterraneo. Un mare che in tempi antichi fu la culla della civiltà e degli scambi economici fra i popoli che lo abitavano sulle sue coste, oggi è un’enorme bara.

Ed oggi la triste ricorrenza del Marina d’Aequa si ricorderà, alle ore 18.00 il 29 dicembre, con una Messa solenne, organizzata dalla confraternita del Sacro Cuore di Maria e Giuseppe, detta dei Giuseppini, nel Santuario di San Giuseppe, officiata dall’arcivescovo diocesano, nonché vescovo promotore dell’Apostolato del mare della Conferenza episcopale italiana, monsignor Francesco Alfano. Davanti alle autorità civili delle città dei marinai periti, sarà coadiuvato da monsignor Don Pasquale Ercolano, Canonico Primicerio del Capitolo Cattedrale di Sorrento e da monsignor Fabio Savarese, Rettore del Santuario di San Giuseppe e padre spirituale della Confraternita del Sacro Cuore di Maria e di San Giuseppe.

Sarà invocata anche la ‘Stella Maris’ affinché interceda presso il Padre allo scopo che le anime di tutti i defunti del mare di ogni tempo, siano accolte nel porto sicuro della ‘Patria Celeste’ e perché gli operatori del mare e le autorità preposte siano illuminate nella promozione ed attuazione di tutto quanto occorre per scongiurare ulteriori simili avvenimenti luttuosi.

Al termine della cerimonia religiosa, le autorità civili, quelle militari e le associazioni dei capitani e marittimi della penisola sorrentina presenti e l’istituto nautico Nino Bixio, depositeranno una corona d’alloro alla lapide commemorativa con la cornice della tromba che suonerà il silenzio.

 

GISPA

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Ritorna a Piano Mercato della Terra

Il primo dell’anno che è dedicato al “fagiolo di cera di Alife”    Piano di Sorrento – Dal 2009, da quando è…

13 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Il liceo ‘Marone’ aderisce alla Notte nazionale del Liceo

Una manifestazione volta a promuovere la cultura umanistica   Meta – Il liceo ‘Marone’ aderisce alla Notte nazionale del Liceo, che arriva…

10 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

‘Allah, San Gennaro e i tre kamikaze’ a Vico Equense

La presentazione del libro di Imperatore rientra nell’ambito della kermesse “L'incanto del Natale”    Vico Equense - La presentazione del libro di…

02 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

L'archivio ci ricorda un anno fa la grande nevicata ad…

Queste immagini fecero il giro del mondo I nostri archivi ci ricordano la grande nevicata che imbiancò Anacapri esattamente un anno…

10 Gen 2018 Campania Capri Europa Italia del Sud Giuseppe Spasiano

"Casa dell'acqua": due nuovi impianti in funzione sull'isola di Capri

I punti di erogazione automatica installati a Tiberio e a Marina Grande Sono state ultimate le operazioni di installazione e…

09 Gen 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Positano

Ecco i vincitori del concorso di ceramica Mare Mota Donne…

Con questa premiazione si è conclusa la quarta edizione    Vietri sul Mare - Si è conclusa con la premiazione, lunedì scorso,…

16 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Provolone del Monaco Dop, Agerola ospita il premio “Andrea Buonocore”

Ultima tappa della undicesima edizione del “Gran Galà” dedicato al formaggio principe dei Monti Lattari e della penisola sorrentina [caption id=""…

12 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook