Con i “tonioliani” alla scoperta della Napoli che vuol risorgere

Con gli amici della Fondazione di Studi intitolata a “Giuseppe Toniolo” visita guidata alle Catacombe di San Gennaro” al rione Sanità con la collaborazione della cooperativa “La Paranza” simbolo della rinascita civile e culturale di Napoli.

L’associazione, intitolata al Beato Giuseppe Toniolo (Treviso, 7 marzo 1845 – Pisa, 7 ottobre 1918) economista e sociologo italiano, tra i principali protagonisti del movimento cattolico italiano, che ha saputo coniugare il magistero della Chiesa alla nascente economia capitalista alla ricerca di una sintesi tra le visioni liberiste e quelle stataliste, in nome di valori come la solidarietà, ha deciso di organizzare per il prossimo anno scolastico il “Premio Giuseppe Toniolo”, riservato agli studenti del triennio delle scuole superiori per far conoscere e valorizzare le idee dell’insigne studioso. In tutte le scuole della provincia di Napoli sarà divulgato il bando del concorso e si organizzeranno dei seminari rivolti agli studenti per far conoscere il suo pensiero.
In occasione dell’incontro di sabato 17 giugno , presieduto dal giornalista Francesco Manca, responsabile per il Sud Italia dell’associazione , si è anche svolta una giornata di conoscenza della realtà culturale napoletana con una visita guidata a cura dei ragazzi della cooperativa sociale “La Paranza” che insieme ad una rete di altre realtà del terzo settore sono impegnati quotidianamente per restituire dignità e fiducia alla città di Napoli, in particolare al rione Sanità, e a quei cittadini onesti e laboriosi che lottano centro il malaffare.
La visita alle catacombe di San Gennaro e alla mostra dedicata a Totò nel rione Sanità ha rappresentato un’ occasione per conoscere il volto nuovo di questa Napoli che vuole risorgere.
Nel corso dell’incontro al quale hanno partecipato i soci della Fondazione di Studi tonioliani Campania si è analizzata la situazione sociale ed economica della realtà meridionale che ha bisogno di un rinnovato protagonismo per ridare soprattutto speranza e fiducia alle giovani generazioni che vivono una condizione di precariato ed incertezza per scelte politiche non sempre in sintonia con quel messaggio di cui si è fatto interprete lo stesso Papa Francesco.
Con la guida spirituale di Mons. Nicola Longobardo,rettore della Basilica “Incoronata Madre del Buon Consiglio” a Capodimonte, la giornata si è conclusa con un momento conviviale presso il ristorate pizzeria “Al Terrazzo, “per alimentare il laboratorio di idee”, come ha affermato il dr.Antonio Falcone. Ha preso parte all’incontro anche Luigi Ferraro, professore aggregato di Giustizia Costituzionale Comparato presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” .

Notizie su Giuseppe Toniolo

Biografia
« Grande nella scienza, visse altamente di fede; indagando le giustizie sociali, fra le cifre delle statistiche, s’alzò potente alle più sublimi idealità, a tutti noi lasciando in eredità, esempio e richiamo, una vita di bontà, di pietà, di fatiche che sfiorando la terra, fu tutta di cielo, e un’aspirazione fervida e continua a Dio. »
(Pietro Maffi)

Nacque a Treviso, nella parrocchia di Sant’Andrea, nel 1845, in una famiglia della buona borghesia veneta. La famiglia si trasferì in varie città del Veneto per seguire il padre, ingegnere. Giuseppe frequentò le scuole medie nel Collegio di Santa Caterina – poi “Marco Foscarini” – a Venezia. Proseguì gli studi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Padova, dove i suoi maestri furono Fedele Lampertico e Angelo Messedaglia. Si laureò il 21 giugno 1867. Già l’anno seguente fu nominato assistente alla cattedra giuridico-politica dell’Università di Padova; nel 1873 conseguì la libera docenza in Economia politica.

Fu dapprima insegnante presso l’Istituto tecnico di Venezia (dal 1874); dopo una breve supplenza del Messadaglia nell’Università di Padova, nel 1878 fu chiamato come professore straordinario di Economia politica nell’Università di Modena e Reggio Emilia. Rimase a Modena solo un anno: nel 1879 ottenne grazie a un concorso l’insegnamento della stessa disciplina nell’Università di Pisa. Nel 1882 fu nominato professore ordinario nell’ateneo toscano. Toniolo tenne la cattedra di Economia politica fino alla morte (1918). Nel 1883 ebbe tra i suoi allievi a Pisa Werner Sombart, che divenne successivamente una delle massime autorità internazionali di economia politica.

Fondò nel 1893 a Pisa la «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», rivista scientifica che viene pubblicata ancora oggi.

Il 4 settembre 1878 sposò Maria Schiratti di Pieve di Soligo, dalla quale ebbe sette figli.

Giuseppe Toniolo morì nel 1918. Le sue spoglie riposano presso il Duomo di Santa Maria Assunta a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso.

Pensiero economico

Studioso dell’economia della Firenze medievale, Toniolo pensò di ritrovarvi un modello ancora valido ai suoi tempi: quello di una società in cui la cooperazione tra le varie corporazioni di arti e mestieri, avrebbe prodotto sia benessere per i lavoratori sia democrazia, in un’armonica civitas cristiana.
Assertore della libertà di commercio, Toniolo invece non era fautore della libera circolazione dei capitali, convinto com’era che la finanza fosse strumentale all’economia reale e non dovesse mai ridursi a mero mezzo di arricchimento, a tutto vantaggio dei pochi percettori di rendita.

Il ruolo nel movimento cattolico

La figura di Giuseppe Toniolo occupa un posto importante nella storia del pensiero e dell’organizzazione del laicato cattolico. La sua azione risulta particolarmente importante perché fu svolta negli anni in cui – dopo la presa di Roma nel 1870 e prima del Concordato del 1929 – il Non expedit vietava ai cattolici la partecipazione diretta alla vita politica italiana, generando un vulnus democratico non indifferente. In questo senso, importante è stato anche il dialogo sempre cercato fra tutte le posizioni cattoliche, dalla meno transigente a quella più “pragmatica” di chi riteneva ormai possibile un’azione anche politica.

Nel dicembre 1889 Toniolo fondò a Padova l’«Unione cattolica di studi sociali», di cui fu il presidente; l’organismo tenne tre congressi: 1892 a Genova; 1894 a Milano e 1896 a Padova. In occasione del congresso di Milano, Toniolo formulò il primo programma sociale cristiano, chiamato Programma dei cattolici di fronte al socialismo (oggi noto come Programma di Milano, 3 gennaio 1894). Il “Programma di Milano” giunse a tre anni di distanza dall’enciclica Rerum Novarum di Leone XIII. Il Toniolo intendeva rilanciare i principii contenuti nell’enciclica: essa aveva avuto una ricezione iniziale molto favorevole, ma nei tre anni successivi gli animi si erano assopiti. Toniolo affermava la necessità di occuparsi della classe operaia per farla uscire dalla condizione di subalternità che la opprimeva. Proponeva coraggiosamente la ricostituzione degli enti morali ecclesiastici, incamerati dallo Stato, che per secoli avevano svolto una funzione essenziale nell’alleviare la miseria delle persone svantaggiate. Inoltre Toniolo suggeriva la realizzazione di una riforma agraria e sosteneva la necessità della creazione di associazioni operaie cattoliche. Per riassumere il suo programma in una frase coniò lo slogan: «Proletari di tutto il mondo unitevi in Cristo sotto il vessillo della Chiesa!».

Toniolo non fu mai propriamente impegnato nella sfera politica, ma fu tra i fondatori della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (1896). Collaborò anche con l’Opera dei Congressi, inserito nella II Sezione (Economia sociale, diretta da Stanislao Medolago Albani).

La sua azione sociale fu contrassegnata da una profonda sintonia con il magistero ecclesiale. Inoltre, la sua formulazione del concetto cristiano di democrazia fu il punto di partenza di tutto il movimento della democrazia cristiana. Dopo lo scioglimento dell’Opera dei Congressi (1904), papa Pio X promosse la nascita di un nuovo organismo unitario e ne affidò la formazione al Toniolo. Egli riorganizzò l’azione dei laici cattolici nell’«Unione popolare».

Giuseppe Toniolo fu ispiratore e promotore della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che tenne a battesimo nel 1907.

Nel 1918, prima di morire, convinse padre Agostino Gemelli a fondare un istituto cattolico di studi superiori. Gemelli fondò l’istituto nel 1920. Da esso, appena un anno dopo, prese vita l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Dichiarati colpevoli amico e sua madre

Non prestarono soccorso tempestivamente per salvare Giuseppe Gargiulo    Piano di Sorrento – Sono stati dichiarati colpevoli l’amico e sua madre perché…

21 Set 2017 Campania Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

A settembre omaggio a Raffaele Lauro a Meta e a…

  A metà settembre, la Penisola Sorrentina si appresta a rendere un sentito e doveroso tributo al suo illustre concittadino Raffaele…

29 Ago 2017 Cultura Meta Sant'Agnello Spettacolo Carlo Alfaro

Vico Equense

Trekking, concerto ed arte ‘Pro Faito’

Domenica 24 si va all’avventura ed i proventi andranno a formare un fondo in favore del Ripristino del Monte Faito    Vico…

22 Set 2017 Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Rubati nel trasporto dall'isola orologi "Capri Watch"

Per un valore di 40mila euro, tre persone denunciate dai carabinieri per ricettazione e furto   Capri - Rubate alcune centinaia di…

21 Set 2017 Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Frana a Capri: cadono pietre e terreno

Dal costone che sovrasta Marina di Caterola alle spalle del Porto Turistico Capri - Nuovo movimento franoso a Capri. Stavolta è…

19 Set 2017 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Positano

Villa Guariglia, Vietri sul Mare: XII edizione della Festa dei…

Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio   Vietri sul Mare - Sabato 23 settembre, alle ore 19:00, a Raito di Vietri Sul…

22 Set 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Maiori: sequestrato locale

Occupazione abusiva al Porto turistico   Nella giornata di ieri, l'Ufficio Locale marittimo di Maiori, con la polizia locale, ha eseguito un…

19 Set 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook