Schettino, diario delle mie prigioni

Schettino in cella «Pulisco il bagno come un mo
A Rebibbia la visita del senatore Di Biagio Lo sfogo: non abbandonai i passeggeri

Fonte: Cristiana Mangani da Il Mattino

Roma – La paura principale è il senso di claustrofobia, la totale mancanza di libertà. Lui che ha passato tutta la vita in mare, al sole, all’aria aperta, ora è costretto in una piccola cella con altri tre detenuti, nel reparto C6, la zona di osservazione temporanea del carcere di Rebibbia. La corte di Cassazione ha confermato la pena di 16 anni e, da due notti Francesco Schettino, comandante di grandi navi, abituato alla divisa bianca e ai capelli impomatati, deve fare i conti con la nuova realtà. «È come se fossi ritornato mozzo – prova a esorcizzare la condizione – Del resto ho cominciato dal basso e sono diventato comandante. Ma già la notte di gennaio in cui mi hanno messo in cella di sicurezza a Orbetello, dopo il naufragio, mi è sembrato di ritrovarmi proprio nella vecchia stanzetta da giovane marinaio. Così, non appena sono entrato qui, ho pulito il bagno che era sporco, e ho pensato: ok, ora bisogna reagire. Ricomincio da mozzo». Il penitenziario romano è stata una scelta personale. «Prima avevo deciso di costituirmi a Bollate, a Milano – spiega al senatore Aldo Di Biagio, membro della Commissione per i Diritti umani, che ieri è andato a trovarlo – Ma poi, visto che ero venuto nella Capitale per stare lontano dal mio paese, ho preferito Rebibbia.

C’è una ragione per tutto questo, ed è che non volevo che mia figlia dovesse fare la fila per venirmi a trovare a Poggioreale. Napoli è la sua città, magari qualcuno avrebbe potuto riconoscerla. E volevo evitarle quest’altro dolore». È un pensiero costante quello per la giovane figlia. Negli ultimi mesi, dopo aver scelto di seguire una vita molto più ritirata, l’ex comandante ha pensato a come garantirle un futuro. L’ha seguita e consigliata per una società che verrà gestita da lei, le è stato molto vicino. E venerdì scorso, quando ha lasciato Meta di Sorrento per venire nella Capitale, l’ha salutata preparandola al fatto che la decisione della Cassazione, quasi certamente, non sarebbe stata favorevole. E proprio perché voleva evitare che la ragazza potesse vederlo in manette, o prelevato dai carabinieri, è arrivato davanti al cancello di Rebibbia con larghissimo antìcipo. Ha bussato e ha chiesto al funzionario che lo guardava basito: «Per favore mi fate entrare? Lo so che la sentenza non è ancora stata emessa, ma voglio evitare di trovarmi accerchiato da telecamere». I responsabili del carcere sono stati molto gentili. «Hanno manifestato grande comprensione nei miei confronti – si commuove l’ex capitano. Mi hanno dato un panino per farmi mangiare qualcosa, mi sono sistemato su un prato all’interno e ho aspettato fino a quando è arrivata la telefonata dell’avvocato. Ma tanto lo sapevo che sarebbe finita così, già due giudici mi avevano condannato». La direzione del carcere sembra orientata a lasciarlo un po’ più a lungo nella zona temporanea, dove divide lo spazio con detenuti per reati meno gravi. Verrà trasferito più in là. Nella sua cella ci sono due letti a castello, lui ha scelto quello di sotto. E ieri, dopo aver mangiato intorno a mezzogiorno, si è messo il pigiama blu e ha provato a dormire. La visita del senatore lo ha svegliato, ma è stata anche l’occasione per ribadire quello che dice da sempre, anche se questa volta con maggiore consapevolezza: «Ho commesso tantissimi errori. I giudici mi hanno sentito per ben cinque udienze, e alla fine l’unica testimonianza della quale hanno tenuto conto è stata quella davanti al gip. Mi aspetto la decisione della giustizia – è un fiume in piena – ma non è vero che ho abbandonato i passeggeri. Io ne ho salvati più di quattromila. Quei 32 morti mi pesano sulla coscienza, ho consapevolezza della tragicità di quanto accaduto, ma sono stato usato, strumentalizzato. I miei primi avvocati (ora ha gli avvocati Michele Senese e Donato Laino) mi hanno venduto alla stampa, hanno sbagliato tutta la strategia difensiva. Mi hanno fatto fare otto mesi di domiciliari e un anno in obbligo di dimora. Se mi avessero lasciato ai domiciliari, ora dovrei scontare un anno in meno». Ma c’è qualche sassolino che l’ex comandante vuole anche togliersi, ed è nei confronti della Costa. «Avevo più volte segnalato che non c’era formazione nei marinai e negli ufficiali – dice- Gente assolutamente impreparata. Ho le mie colpe, ma la società ne ha molte di più». Per questa ragione, prima di entrare in carcere ha registrato un video, nel quale lancia le sue accuse alla compagnia. «Verrà diffuso quanto prima», chiarisce. Come passera le giornate? «Voglio leggere e lavorare nel frattempo, dopo che arriveranno le motivazioni della sentenza, insieme al mio avvocato, presenteremo ricorso alla Corte europea. Troppe regole sono state violate». Dovrà scontare con precisione 15 anni, sei mesi e sette giorni, per effetto del periodo pregresso di custodia cautelare. Tra cinque anni (dopo aver espiato un terzo di pena) potrà chiedere di essere ammesso a misure alternative rispetto alla detenzione in carcere. «Mi è sembrata una persona lucida e cosciente – dichiara il senatore Di Biagio – La speranza è che nel frattempo non lo trasferiscano in qualche reparto difficile. Ho visitato il C9, il personale è sotto organico, le condizioni sono devastate, l’impiantistica è distrutta. I detenuti stanno in sei in celle da quattro, alcuni di loro stavano imbiancando le pareti. Mi rivolgerò al ministro della Giustizia per chiedere di intervenire finché si creino condizioni di vivibilità».
Pubblicato da Vico On Line a 10:00

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Piano, slitta l’apertura anno scolastico alla Gaetano Amalfi

Dopo il distacco dell’intonaco si è corsi ai lavori che termineranno il 16 settembre    Piano di Sorrento – L’anno scolastico doveva…

12 Set 2017 Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

A settembre omaggio a Raffaele Lauro a Meta e a…

  A metà settembre, la Penisola Sorrentina si appresta a rendere un sentito e doveroso tributo al suo illustre concittadino Raffaele…

29 Ago 2017 Cultura Meta Sant'Agnello Spettacolo Carlo Alfaro

Vico Equense

Scooter in frantumi contro auto a Seiano

Incidente nel pomeriggio sulla SS145 Sorrentina e code in entrambi i sensi    Vico Equense – Siamo all’altezza del bivio di Seiano…

16 Set 2017 Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Frana a Capri: cadono pietre e terreno

Dal costone che sovrasta Marina di Caterola alle spalle del Porto Turistico Capri - Nuovo movimento franoso a Capri. Stavolta è…

19 Set 2017 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Anche a Capri e ad Anacapri arriverà la carta di…

I Comuni saranno abilitati al rilascio Capri - Con la circolare numero 8/2017 nei giorni scorsi il Ministero dell’Interno ha comunicato…

12 Set 2017 Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Maiori: sequestrato locale

Occupazione abusiva al Porto turistico   Nella giornata di ieri, l'Ufficio Locale marittimo di Maiori, con la polizia locale, ha eseguito un…

19 Set 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Bomba d'acqua in Costa d'Amalfi

Strade allagate a Ravello e Maiori, ad Amalfi casa evacuata. Atrani sotto controllo Costa d’Amalfi - La bomba d'acqua abbattutasi…

11 Set 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook