Ricordando il giornalista Siani

“… sulle orme di Giancarlo Siani – Educare alla legalità e alla cittadinanza attiva ”
Convegno – Sabato 13 Maggio 2017 presso l’hotel Aequa .

L’idea è quella di istituire a Vico Equense una Giornata all’insegna della legalità e dell’impegno civile per i cittadini e soprattutto per i giovani.
La storia di Giancarlo Siani è un punto indispensabile da cui partire. Nel nome di Giancarlo Siani e di quello che egli ha rappresentato e rappresenta per tante generazioni di napoletani e europei, per tanti giovani giornalisti . La memoria ha un valore inestimabile, essa permette di non dimenticare, rimembra gli antichi eroi della Storia che spezzarono la loro vita per amore della propria terra. La memoria è un impegno etico e civile.

Da una semplice idea sta venendo fuori un qualcosa di speciale . L’entusiasmo di Paolo Siani, fratello di Giancarlo, e delle scuole che hanno aderito all’evento come il Liceo Publio Virgilio Marone e l’istituto Francesco De Gennaro in particolare nella persona della prof.ssa Anna Maria Buonocore rappresentano motivo di orgoglio per Raffaele Vanacore e “I Virgiliani”, associazione di giovani studenti, che sono gli ideatori e promotori .

Ci saranno ospiti illustri come il Procuratore Armando D’Alterio, il giornalista de “il Fatto quotidiano “Arnaldo Capezzuto , la preside Nora Rizzi, il consigliere della città metropolitana Salvatore Pace. Modera Maria Pia Rossognaud, direttrice Media 2000.

Un ruolo centrale è riservato agli studenti del Liceo Publio Virgilio Marone e dell’Istituto Alberghiero Fr. de Gennaro .
Gli alunni Mattia Miccio, Mario Guida, Maddalena Savarese e Giovanni Pane, studenti del Liceo Publio Virgilio Marone leggeranno alcuni articoli tratti dal Libro “Fatti di Camorra, una raccolta di circa settanta articoli di Giancarlo Siani “quelli che gli sono costati la vita.” scrive Paolo Siani nella postfazione.
Gli studenti dell’Istituto Alberghiero, invece, presenteranno il Progetto ASOC attraverso slide e video esplicativi, ponendo particolare attenzione al delicato ruolo che la Scuola può svolgere nella lotta alle Mafie, come il Giudice Giovanni Falcone spesso ribadiva.

Alla lettera, infine, sono state colte le parole di Roberto Saviano:
“Giancarlo Siani era stato ammazzato per aver scritto. Rileggere i suoi articoli oggi significa trattare Giancarlo Siani non come un simbolo immobile dell’anticamorra, ma come il promotore presente e attivo di un’idea, quell’idea che era diventata il suo stile di vita, fatta di ricerca, informazione, approfondimento. Giancarlo Siani aveva capito che sono queste le armi più forti che abbiamo contro le mafie, armi che le mafie temono più delle manette, più del carcere. Leggere questi articoli significa ridare al lavoro di Siani la dignità che troppo a lungo gli è stata tolta. Leggerli significa tenere in vita Giancarlo e il suo esempio, non solo il suo ricordo.”

La Cittadinanza tutta è invitata

Si ringraziano :
Hotel Aequa
Comune di Vico Equense
Associazione Leondardo

Gli organizzatori :
Claudio Volpe Presidente Associazione I Virgiliani .
Prof.ssa Anna Maria Buonocore
Raffaele Vanacore
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Un po’ di tempo fa decisi di guardare un film, si intitolava Fortapàsc. Raccontava degli ultimi 4 mesi di vita di un giovane cronista napoletano brutalmente ucciso dalla camorra il 23 settembre del 1985, a soli 26 anni. Nel corso del film va in scena un dialogo che suona quasi come una lezione di vita impartita al giovane cronista dal suo caporedattore, e che argomenta l’esistenza di due categorie di giornalisti:

<< […] esistono due categorie di giornalisti: gli uni sono i “giornalisti impiegati” e gli altri i “giornalisti-giornalisti” […] >>

Il nocciolo del dialogo si esprime nel diverso approccio che i giornalisti hanno con la realtà che li circonda. Alla prima categoria appartengono quei giornalisti che operano seduti dietro alla propria scrivania, forse in maniera anche un po’ rassegnata e nolente all’idea di poter cambiare le cose. I secondi, “i giornalisti-giornalisti”, dietro la scrivania proprio non ci vogliono stare. Sono quei giornalisti “scomodi” che concepiscono il loro mestiere non come un semplice lavoro retribuito ma come una vocazione. Sono coloro che hanno il difetto di informarsi, di scavare a fondo nei fatti e che hanno il coraggio di usare la parola per denunciare il marcio insito nella società. I giornalisti-giornalisti vivono nell’impegno di poter cambiare le cose e nel dovere di cercare sempre la verità.
Giancarlo Siani scelse di essere un “giornalista-giornalista” in un paese per “giornalisti-impiegati”. La sua storia merita di essere raccontata anche a distanza di 31 anni dalla sua morte. Chi era Giancarlo Siani e per cosa ha dovuto pagare?

Giancarlo era un giovane aspirante giornalista di origini napoletane. Iniziò la sua carriera scrivendo per alcuni periodici locali che gli permisero di occuparsi, con costanza, delle piaghe sociali che affliggevano la sua Napoli. Tuttavia la più grande passione rimaneva la cronaca nera, il giornalismo d’inchiesta era il suo pane quotidiano. Nonostante la giovane età ciò che maggiormente catturò le attenzioni di Giancarlo fu un fenomeno, in particolare, quello della criminalità organizzata.

Fu attraverso la collaborazione con il quotidiano Il Mattino di Napoli che Siani riuscì a dare una chiara immagine del paese. Come corrispondente da Torre Annunziata, sebbene da precario e abusivo, poté approfondire le dinamiche che vi erano dietro le attività della camorra, scoprire i suoi legami con la politica locale e comprendere quanto fosse radicata nel territorio.

Trenta i chilometri che il cronista percorreva ogni giorno, a bordo della sua Mèhari, per raggiungere Torre Annunziata. Per Giancarlo il mestiere del giornalista significava muoversi per le strade di quel paese, osservare ed indagare, solo in questo modo avrebbe potuto guardare con i proprio occhi l’orrenda realtà che stava vivendo la Napoli della camorra degli anni ’80.
Come ogni fenomeno “umano” la camorra ha avuto una propria nascita ed un’evoluzione. Gli anni ’80 rappresentano l’apice del suo sviluppo. Fu in quel momento storico che la camorra ricoprì un ruolo da protagonista all’interno dello scenario napoletano. Faide, lotte intestine, omicidi e sequestri erano all’ordine del giorno.

Giancarlo Siani non solo visse in prima persona tale epoca, ma fu anche il giornalista che meglio di tutti seppe smascherare e raccontare, attraverso i suoi articoli, le dinamiche di potere vigenti, tra i clan della camorra, in quei sanguinosi anni.

Ripercorrendo storicamente parte della sua fase evolutiva, si può comprendere quale sia stato il contesto all’interno del quale fu maturato l’omicidio del giornalista. Il 23 Novembre del 1980 l’Irpinia, zona a est di Napoli, fu colpita da un violento terremoto che causò la distruzione di gran parte degli edifici. Il sisma mise a nudo, chiaramente, i mali della Campania e sconvolse la natura della camorra che da quel momento in poi iniziò ad “industrializzare” le sue attività criminali. Un’ondata di speculazione edilizia e di corruzione travolse freneticamente Napoli e nella più assoluta cecità morale di chi non voleva vedere, Siani trovò terreno fertile per poter scrivere a riguardo riuscendo a portare alla luce i rapporti corrotti che intercorrevano tra noti clan locali e gli esponenti politici per l’assegnazione degli appalti pubblici finalizzati alla ricostruzione delle aree distrutte dal terremoto.

È a partire da quel momento che le inchieste portate avanti dal giovane 26enne iniziarono ad essere un fastidioso ostacolo per la camorra. Il passaggio da “scomodo giornalista” a “obiettivo da eliminare” sta nell’intuizione che Giancarlo ebbe, comprendendo che la camorra non era più solo campana bensì la mafia siciliana aveva trovato dei referenti all’interno del territorio, in particolare nel clan dei Gionta che, negli anni ’80, erano i padroni indiscussi di Torre Annunziata. Il clan si rifaceva alla persona di Valentino Gionta, il boss affiliato all’organizzazione camorristica “la nuova famiglia” insieme al clan dei Nuvoletta di Marano (alleati del clan dei corleonesi di Riina) e al clan dei Bardellino.
L’atto di condanna che decretò la morte di Giancarlo Siani fu proprio un articolo su Valentino Gionta, risalente al 10 Giugno del 1985, in cui il cronista svelava i retroscena dell’alleanza tra il clan dei Nuvoletta e quello dei Gionta. In quelle quattromila battute Giancarlo affermò che la cattura del boss era avvenuta per mano degli stessi Nuvoletta, decisi a disfarsi del loro scomodo affiliato che aveva invaso i territori dei Bardellino. Questa accusa di infamia per i Nuvoletta doveva essere pagata con il sangue.

Il 23 settembre del 1985, tre mesi dopo quell’articolo e quattro giorni dopo il suo 26esimo compleanno, Giancarlo Siani fu raggiunto da due killer in moto e fu freddato da 10 colpi di pistola alla testa, sotto casa sua al Vomero, mentre era ancora bordo della sua Mehàri. È morto lì, nella stessa auto che l’ha accompagnato per tutti il suo breve viaggio.

Giancarlo è stato strappato alla vita a soli 26 anni, colpevole della sua sete di verità e di aver scelto di essere un “giornalista–giornalista” in quel “fortapàsc” dove anche la pioggia diventava fango.

La storia di Giancarlo è una storia di speranza, di amore, di sogni. La storia di come una goccia in realtà possa scavare una pietra. Da 31 anni è divenuto simbolo della legalità ed un esempio per chi crede ancora in un giornalismo senza compromessi.

Federica Pia Mendicino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Dichiarati colpevoli amico e sua madre

Non prestarono soccorso tempestivamente per salvare Giuseppe Gargiulo    Piano di Sorrento – Sono stati dichiarati colpevoli l’amico e sua madre perché…

21 Set 2017 Campania Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

A settembre omaggio a Raffaele Lauro a Meta e a…

  A metà settembre, la Penisola Sorrentina si appresta a rendere un sentito e doveroso tributo al suo illustre concittadino Raffaele…

29 Ago 2017 Cultura Meta Sant'Agnello Spettacolo Carlo Alfaro

Vico Equense

Trekking, concerto ed arte ‘Pro Faito’

Domenica 24 si va all’avventura ed i proventi andranno a formare un fondo in favore del Ripristino del Monte Faito    Vico…

22 Set 2017 Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Via Krupp, ancora tensione tra maggioranza e opposizione

Il comitato raccoglie firme, la Primavera risponde con una diretta Facebook Capri - L'argomento via Krupp infiamma il dibattito politico a…

25 Set 2017 Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Rubati nel trasporto dall'isola orologi "Capri Watch"

Per un valore di 40mila euro, tre persone denunciate dai carabinieri per ricettazione e furto   Capri - Rubate alcune centinaia di…

21 Set 2017 Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Positano

Ospedale Costa d’Amalfi riavrà Cardiologia e Radiologia h 24

Le rassicurazioni di Andrea Reale delegato alla Sanità per la Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana   E' la notizia che tutti attendevamo…

25 Set 2017 Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Villa Guariglia, Vietri sul Mare: XII edizione della Festa dei…

Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio   Vietri sul Mare - Sabato 23 settembre, alle ore 19:00, a Raito di Vietri Sul…

22 Set 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook