La scuola dimenticata dal Governo del cambiamento

SIAMO FORTEMENTE PREOCCUPATI
La scuola sempre più dimenticata
Commento di Alessandro Turchi, dirigente scolastico Associazione Solo Dirigenti
Siamo a nove mesi dalla nascita del Governo, a tre mesi dalla firma di una ipotesi di Contratto decisamente deludente, che vede i dirigenti scolastici sempre più relegati nei bassifondi di una scuola già di per sé poco gratificata, siamo ad un mese dalle infelici dichiarazioni antimeridionali di un Ministro che, a dire il vero, fino a quel momento non aveva fatto parlare di sé. Questa non è una pagina politica e quindi non daremo giudizi su questa compagine, ma certo salta in evidenza che il tema della scuola in questi mesi non è stato mai argomento di discussione, neanche nei dibattiti più marginali. Immigrazione, Reddito di cittadinanza, Manovra economica aggiuntiva, legittima difesa, la cattura di Battisti, gli interessi della Francia in Africa, le trivelle, TAV, TAP, ILVA, chi più ne ha più ne metta, ma della scuola non c’è traccia. Non compare mai negli articoli dei giornali, nelle dichiarazioni, nei tweet, nei commenti su Facebook o nei vari Porta a porta. Sempre più il settore istruzione, ancor più in questo governo, che pure ha un Ministro e un Sottosegretario dirigenti scolastici, è relegato in un cantuccio, lasciando gli operatori della scuola soli e senza orizzonti di significato circa il loro agire quotidiano. Possiamo andare avanti così? Ogni mattina noi dirigenti scolastici troviamo nuove “grane”, situazioni da gestire sempre nuove e sempre indefinite, ogni giorno vengono gettati sulle nostre scrivanie sacchi di materiale di risulta, con l’idea che comunque, in qualche modo, noi dirigenti ce la caveremo. Si sveglia qualcuno al mattino e, di fronte ad un problema complesso immagina subito di scaricarlo sulla scuola. Esempio recente quello dei no wax, con il Ministro dell’Interno che chiede siano comunque ammessi, anche se in deroga. Altro esempio, quello della dispersione scolastica, che d’un tratto le scuole dovrebbero risolvere con qualche bel progetto e qualche convegno di facciata, come se questo fenomeno non abbracciasse e coinvolgesse tutta la società e fosse solo legato agli alunni che frequentano o meno la scuola. Per non parlare del convitato di pietra “sicurezza”, che vede noi dirigenti intenti a tamponare, a transennare, a supplire, a segnalare strutture fatiscenti che non siamo in grado di gestire economicamente. Salvo poi essere responsabili di tutto quello che vi succede. Da una parte, quindi, si scaricano sulla scuola e su chi la dirige, milioni di problematiche, dall’altra un drammatico disinteresse sul dopo, sul come, sul perché. E in mezzo a tutto questo noi dirigenti scolastici, prima ancora che i docenti ed il personale ATA, sommersi da norme su norme, decreti su decreti, spesso con grande confusione di competenze fra organi collegiali e dirigente stesso. E poi le note ministeriali, regionali, provinciali, continue conferenze di servizio spesso inutili, precisazioni, variazioni, vessazioni burocratiche. Si può andare avanti così? E per quanto? E poi per quanti anni ancora la scuola potrà permettersi questo disinteresse generale che pregiudica l’andamento di tutto il sistema Paese? Noi siamo fortemente preoccupati di questa superficialità, di questo disinteresse imperante (spesso fra gli stessi addetti ai lavori) e sollecitiamo tutto il mondo della scuola affinché faccia sentire la propria voce, attraverso i sindacati ed i politici di riferimento. Così non si va da nessuna parte.

Alessandro Turchi SOLO DIRIGENTI

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Sant'Agostino e Santa Maria a Cerignano, escursione storico naturalistica Fai

Le passeggiate storico naturalistiche di Vincenzo Astarita Gentile amica e caro amico, a settembre scorso proposi delle passeggiate per attirare l'attenzione sulla…

19 Mar 2019 Campania Piano di Sorrento Antonio Volpe

Meta

Meta, riqualificazione delle facciate dei palazzi

Chi la effettuerà sarà esentato dal pagamento del canone di occupazione dei suoli e delle aree pubbliche (Cosap) Meta - Chi…

13 Mar 2019 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Museo Mineralogico e Istituto ‘Porta’ uniti nel segno della scienza

Nella mattinata di studi, presentata anche la nuova vetrina museale “Le  geometrie della natura”   Vico Equense - Eccellenze scientifiche vicane e…

09 Mar 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Infartuato portato da Capri a Napoli in idroambulanza

Dopo l’indisponibilità dell’elicottero: corsa contro il tempo L’anziano colpito da infarto questo pomeriggio a Capri è stato trasferito in serata a…

21 Mar 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Villa Rosa ad Anacapri, conclusa la gara per affidamento lavori

Diventerà museo di Anna Maria Boniello   CAPRI - Si è conclusa la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori di recupero architettonico e…

11 Mar 2019 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Escursione da Meta a Positano per Arola e Monte Comune

Domenica 24 Marzo 2019 Monti Lattari da Meta a Positano per Arola e Monte Comune (877m) Difficoltà: E DIRETTORE DI ESCURSIONE: MASSIMO CESARO 338…

19 Mar 2019 Campania Positano / Costiera Amalfitana Antonio Volpe

«Basta maxi bus in Costiera», sul web la sfida delle…

Una petizione per rendere vivibile la Costiera Amalfitana Di Mario Amodio   Una petizione per rendere vivibile la Costiera Amalfitana e porre un…

11 Mar 2019 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook