Interrogazione parlamentare 5stelle sul caso Meta

Legislatura 17ª – Aula – Resoconto stenografico della seduta n. 808 del 19/04/2017

PUGLIA, SANTANGELO, MORONESE, GIARRUSSO, SERRA, LEZZI, DONNO, PAGLINI, BLUNDO, ENDRIZZI, MORRA, NUGNES – Ai Ministri dell’interno e per la semplificazione e la pubblica amministrazione – Premesso che:

la signora Biancamaria Balzano, eletta consigliere il 26 maggio 2014 nel Comune di Meta (Napoli), riceveva con delibera di Consiglio comunale n. 13 dell’11 giugno 2014 l’incarico alla cultura, alle pari opportunità, al contenzioso e rapporti con gli enti. Successivamente, con decreto n. 3 del 29 gennaio 2016, veniva nominata assessore e le venivano conferite le stesse deleghe citate, cui si aggiunge quella ai servizi demografici;

il 12 marzo 2014, dopo un sopralluogo effettuato dal comando della Polizia municipale e dal tecnico comunale presso la sua proprietà sita a Meta, veniva contestata alla signora Balzano la realizzazione di un manufatto a struttura portante in muratura, con solai latero-cementizi (adibito a studio professionale), realizzato in assenza di permesso di costruire ed in assenza di autorizzazione paesaggistica in zona dove, in base agli strumenti urbanistici vigenti, c’è divieto d’edificazione;

a seguito del sopralluogo, l’ingegner Paola De Maio, in qualità di responsabile della 3ª area, contestava un abuso edilizio ed il sindaco dottor Paolo Trapani, emetteva l’ordinanza n. 29/2014 indirizzata a Biancamaria Balzano, avente per oggetto il ripristino dei luoghi per il manufatto di sua proprietà;

il 2 maggio 2014, con un’ulteriore ordinanza emessa dal sindaco (n. 30/2014) veniva ordinato alla Balzano, per motivi di sicurezza relativa alla staticità, lo sgombero da tale immobile abusivamente realizzato e in parte insistente su suolo di proprietà comunale identificato al catasto al foglio n. 3, particella n. 1029;

considerato che:

in occasione delle elezioni amministrative del 26 maggio 2014, la signora Balzano si candidava nella lista elettorale dell’attuale sindaco Giuseppe Tito e veniva eletta consigliere comunale a Meta ricevendo dal sindaco stesso le deleghe citate fra cui, quindi, quella al contenzioso;

in data 3 luglio 2014 è pervenuta al dirigente dell’ufficio urbanistica del Comune una richiesta di accertamento della conformità urbanistica del manufatto, oggetto delle ordinanze n. 29 e n. 30 del 2014, da parte della madre della Balzano. In realtà la signora non aveva alcun titolo per avanzare la citata richiesta poiché l’immobile era di proprietà esclusiva della figlia, la quale non si è mai opposta alle suddette ordinanze;

il 13 novembre 2014 veniva inoltrato ricorso al TAR Campania da parte della madre con cui venivano impugnate le citate ordinanze, in quanto la stessa era divenuta proprietaria dell’intero immobile, originariamente detenuto dalla figlia Balzano;

considerato inoltre che:

con delibera del Consiglio comunale n. 52 del 19 ottobre 2016 è stato approvato il piano di alienazione del patrimonio immobiliare per il triennio 2016-2018 per un totale generale di 11.426.846,13 euro e nell’elenco dei beni da vendere figura anche il suolo o corte di cui al foglio 3, particella n. 1029 del catasto, con una superficie di 817 metri quadrati, per un importo di 16.340 euro;

non risulta agli interroganti che il comando della Polizia municipale abbia redatto la relazione sull’avvenuta, o meno, ottemperanza delle ordinanze;

dall’ordinanza n. 30/2014 si evince che, nel caso di specie, un privato ha realizzato, in parte sul fondo di proprietà dell’ente comunale, un manufatto abusivo;

il sindaco Tito con decreto n. 1 del 3 gennaio 2017 revocava i provvedimenti di assegnazione deleghe agli assessori per procedere alla rimodulazione delle competenze e, conseguentemente, con decreto n. 10 del 22 febbraio 2017 delegava con effetto immediato all’assessore Biancamaria Balzano le seguenti materie: cultura, pari opportunità, comunicazione, servizi demografici, personale, sanità;

considerato infine che:

l’incompatibilità di un amministratore può insorgere anche in corso di mandato e, nel momento in cui essa viene sollevata, il Comune deve procedere d’ufficio alle verifiche del caso per dare avvio al procedimento e, eventualmente, pronunciare il decadimento dalla carica;

a parere degli interroganti la signora Balzano verserebbe in condizione di incompatibilità in quanto l’incarico ricoperto comporta, e certamente ha comportato, durante il periodo che va dall’assegnazione dell’incarico al contenzioso, ricevuto con delibera di Consiglio comunale n. 13 dell’11 giugno 2014, fino al trasferimento della titolarità dell’immobile alla madre, un conflitto di interessi con il Comune di Meta a causa delle vicende che la vedono coinvolta;

a norma dell’articolo 97 della Costituzione italiana la pubblica amministrazione deve agire secondo il principio del buon andamento e dell’imparzialità, e, a giudizio degli interroganti, l’imparzialità esprime una sorta di equidistanza fra diversi fattori quali interessi, idee, eccetera,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo intendano attivarsi con urgenza, presso le sedi di competenza, affinché venga appurato se il conflitto di interessi in capo all’assessore Biancamaria Balzano abbia pregiudicato la trasparenza dell’azione amministrativa e, in caso affermativo e qualora tale conflitto ad oggi sia ancora in essere, se non ritengano opportuno che le vengano revocate le deleghe assegnate secondo le procedure previste dalla legge;

se, ove accertato un pregiudizio per l’attività amministrativa, non sussistano i presupposti per l’attivazione dei soggetti istituzionalmente competenti nei casi di fatti rilevanti penalmente e fatti che hanno inciso sulla corretta gestione delle pubbliche risorse;

se, con riferimento al dovere di imparzialità, non ritengano, nell’ambito delle rispettive competenze, di applicare l’istituto della rimozione a norma dell’articolo 142 del decreto legislativo n. 267 del 2000, una volta verificato che l’operato dell’assessore Biancamaria Balzano sia in contrasto con i dettami di cui all’articolo 97 della Costituzione italiana ovvero, in riferimento al principio di tutela dell’unità dell’ordinamento, il suo operato comporti gravi e persistenti violazioni di legge;

se non ritengano, nei limiti delle proprie attribuzioni, di verificare la responsabilità anche del sindaco, che ha dato incarico al contenzioso alla Balzano fin dall’11 giugno 2014, e quindi applicare altresì a quest’ultimo, ove ne sussistano i presupposti, l’istituto della rimozione a norma dell’articolo 142.

(4-07373)

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Lutto collega Peppe Spasiano

LA REDAZIONE TUTTA È VICINA AL DOLORE DELL'AMICO E COLLEGA PEPPE SPASIANO PER LA SCOMPARSA PREMATURA DELL'AMATA SORELLA. SENTITE…

22 Lug 2017 Campania Piano di Sorrento Antonio Volpe

Meta

Meta ed Alimuri pulizia dei fondali con i volontari

Rassegna stampa Corso Italia news Il mare, bene prezioso spesso dato per scontato e sempre troppo poco curato sarà il grande…

21 Lug 2017 Campania Italia del Sud Meta Redazione

Vico Equense

Tari. L'Assessore Laura del Pezzo risponde all'ex Assessore Antonio Di…

Tari. L'Assessore Laura del Pezzo risponde all'ex Assessore Antonio Di Martino Vico Equense - Oggi è stata pubblicata su Agorà…

23 Lug 2017 Vico Equense Redazione

Capri

Golfo di Sorrento invaso da 3.000 barche, 100 società di…

Golfo di Sorrento invaso da 3.000 barche, 100 società di noleggio e capitani-novellini. La Capitaneria: «Sembra Hong Kong» Fonte: Salvatore…

23 Lug 2017 Campania Capri Redazione

Caso Capilupi, sospesi dal servizio i medici

Erano stati arrestati nel corso dell'operazione di martedì scorso   Capri - Per i medici dell'ospedale Capilupi di Capri arrestati martedì scorso,…

21 Lug 2017 Capri Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Teatri di Carta in scena con il dramma di Medea

A Villa Guariglia prima serata dedicata al teatro del cartellone "Vietri in Scena"    Vietri sul Mare - Martedì 18 luglio alle…

17 Lug 2017 Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

La costiera amalfitana in fiamme

IN DIRETTA dal nostro inviato dalla costiera amalfitana C'è vento molto forte, odore acre nell'aria anche a notevole distanza dalla costa. La…

16 Lug 2017 Positano / Costiera Amalfitana Redazione

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook