GIUDICE DI ROMA CONDANNA MEF E MIUR E IMPONE ALL’ARAN IL RICALCOLO DELEGHE SINDACALI .Vittoria dei Dirigenti scolastici che chiedono equiparazione

COMUNICATO STAMPA

RAPPRESENTATIVITA’ 2016-2018 – IL GIUDICE DI ROMA CONDANNA MEF E MIUR E IMPONE ALL’ARAN IL RICALCOLO
Con sentenza del 18/09/2017 il Giudice di Roma, Francesca Vincenzi, ha accolto il ricorso della DIRIGENTISCUOLA inerente il mancato riconoscimento e conseguente conteggio di tutte le deleghe dei soci ai fini della rappresentatività 2016/2018 e, “per le considerazioni che precedono i Ministeri convenuti (MEF e MIUR), ognuno per quanto di competenza, vanno condannati ad inserire nel sistema informatico e specificamente nell’Area riservata alla P.A., a partire dal mese di gennaio del 2015, le 10 deleghe di dirigenti a tempo indeterminato di cui al doc. 6 del fascicolo di parte ricorrente e, per l’effetto, va dichiarato il diritto della parte ricorrente a vedersi riconoscere in totale 466 deleghe nell’area della Dirigenza scolastica ed ordinato al Responsabile del Procedimento di trasmettere all’ARAN i dati corretti”.
Il fatto. Dopo tutti i tentativi di soffocare la DIRIGENTISCUOLA nella culla in modo vergognoso e squallido all’atto del riconoscimento non sono state conteggiate ben 57 deleghe. E’ iniziata una lunga ed estenuante lotta fra il segretario dell’Associazione Attilio Fratta e il MEF, il MIUR e l’ARAN che è durata ben 17 lunghi mesi, concludendosi con la condanna del MEF e del MIUR e con l’ordine all’ARAN di ricalcolare i dati della rappresentatività.
A patrocinare il ricorso gli avvocati Benedetto Paglione, del foro di Foggia, e Giuseppe Pio Torcicollo del foro di Roma.
Abbiamo posto al Dr. Fratta alcune domande.
Una bella vittoria per la DIRIGENTISCUOLA-Disconf Dr. Fratta!
“Certamente! Una grandiosa vittoria e un terremoto devastante per le amministrazioni condannate per una guerra che si poteva evitare. Che le deleghe fossero della DIRIGENTISCUOLA non c’era dubbio. Solo che con la complicità del MEF da una parte e del Responsabile del MIUR dall’altra, non tutte le deleghe erano state conteggiate nel tentativo di non far riconoscere la rappresentatività alla DIRIGENTISCUOLA nata per recuperare la dignità della categoria. La guerra parte da lontano, ossia dal verbale dell’accertamento risalente all’aprile 2015. Il MIUR ha omesso perfino di notificarlo alla DIRIGENTISCUOLA per evitare che facesse i rilievi del caso per il mancato riconoscimento di tutte le deleghe. Per mia iniziativa, dopo aver scoperto il vergognoso tentativo, l’incontro di verifica è avvenuto nell’aprile del 2015. La resistenza del MIUR e i tentativi del responsabile del procedimento di non riconoscere le deleghe hanno contorni che non ho esitato a definire mafiosi.”
Dalla lettura della sentenza si evince che dopo le sue proteste il MIUR comunque ha riconosciuto alla DIRIGENTISCUOLA 27 delle 54 deleghe non conteggiate.
“Esatto! Solo dopo proteste e diffide ordinarie e stragiudiziali salomonicamente il MIUR, pur ammettendo che le deleghe erano 54, ne ha aggiunte, per grazia ricevuta, la metà per assicurare la rappresentatività, evidentemente convinto che acquisita la rappresentatività avremmo subito l’ingiustizia”
Perché non vi hanno riconosciuto tutte le deleghe?
“ C’era il rischio che qualche altra sigla storica potesse perdere la rappresentatività. Guardacaso la sigla di appartenenza di uno dei responsabili !! All’epoca era in ballo la riduzione delle AREE da 8 a 4 e c’era il rischio che qualche sigla storica potesse saltare! Da qui la salomonica decisione: la tua rappresentatività è assicurata, quindi non creare problemi altrimenti si potrebbero rompere gli equilibri. Se questa non è mafia! La cosa grave è che è stato esplicitamente ammesso non avendo argomentazioni per negare le altre deleghe! A dare man forte al MIUR il MEF che non aveva modificato, nei tabulati associativi, il codice dei neo dirigenti riportando ancora quello di docente. L’incredibile è che l’omissione del MEF riguardava tutte le 54 deleghe non riconosciute! Il MIUR nonostante avesse verificato che le deleghe erano in capo ai dirigenti, per grazia ricevuta, ne ha riconosciute la metà. La cosa ancora più incredibile è che delle restanti 27 deleghe anche il Giudice ce ne ha riconosciute solo 10 perché la materia è complessa e non è possibile risalire ai nomi degli altri 17. Il che dispiace ma non è rilevante ai fini della vittoria e delle conseguenze politiche”
Quindi è stato costretto a ricorrere al Giudice.
“Esatto! Non potevo, non è nella mia natura e cultura, accettare una simile ingiustizia con i contorni che ho detto. Le deleghe erano della DIRIGENTISCUOLA e andavano riconosciute!”
Cosa succederà ora?.
“Quello che ha sentenziato il Giudice condannando i ministeri convenuti. Il MEF dovrà riconoscere le deleghe a partire da gennaio 2015 e il responsabile del procedimento del MIUR dovrà trasmettere all’ARAN i dati corretti. L’ARAN a sua volta sarà costretta a rifare i conti della rappresentatività dell’AREA e a ripubblicarla. Insomma un vero e proprio terremoto.”
Grande soddisfazione per la DIRIGENTISCUOLA.
“Ovviamente! Le ingiustizie vanno combattute. Nel caso che ci occupa non si tratta di una interpretazione di norme per cui bisognava rivolgersi al Giudice. E’ amaro verificare che ben due ministeri abbiamo tentato di negare un diritto evidente costringendoci a ricorrere al Giudice ben sapendo che per avere giustizia in questo Paese ci vogliono anni. L’attuale rappresentatività vale per il triennio 2016-2018. Ci hanno scippato, fino ad ora, ben 21 mesi ai quali bisognerà aggiungere quelli necessari per eseguire la condanna del giudice. Ed è prevedibile che se la prenderanno con comodo. ”
Che farà ora?
“Risposta ovvia! Questa battaglia ci è costata molto e in termini di risorse economiche e in termine di energie e non solo! Il o i responsabili devono pagare. Sarebbe troppo comodo rimanere impuniti senza risarcire i danni che DIRIGENTISCUOLA ha subito. Al danno si aggiungerebbe la beffa. Mi auguro che le amministrazioni interessate prendano i provvedimenti del caso anche per dimostrare la loro estraneità salvando, quindi, almeno le apparenze. Nessuno può dire che hanno agito in buona fede o che non sapevano. Abbiamo inviato una montagna di documenti e prove oltre alle diffide.
Mi lasci concludere con un sentito ringraziamento agli avvocati Benedetto Paglione e Giuseppe Pio Torcicollo che hanno sposato la causa impegnandosi oltre ogni limite. Ringrazio inoltre il collega Francesco Nuzzaci che mi ha aiutato a predisporre la montagna di documenti e gli atti necessari.”
Chiudiamo l’intervista con l’avvocato Paglione.
“Sia io che il collega Torcicollo abbiamo fatto solo il nostro lavoro, seppure con grande impegno trattandosi di una materia molto complicata e mai finita sui tavoli dei tribunali. Siamo ovviamente soddisfatti, seppure parzialmente, della sentenza. Anche il Giudice ha dovuto ammettere che la materia era spinosa. Era una ingiustizia troppo grossa ed evidente. Solo una persona determinata e decisa come il Dr. Fratta poteva avere tanto coraggio. Non succede tutti i giorni che Davide sfida ben due Golia, il MEF e il MIUR, e li sconfigge! Una lezione di vita che deve essere d’esempio a tutti.”

 

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Importante sentenza per il Comune Piano di Sorrento sulle multe…

Emessa dal Tribunale di Torre Annunziata è quella di ridurre il numero delle querelle giudiziarie che costringono i comuni della…

13 Set 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

A Meta un romanzo a quattro mani: “Vorrei che fosse…

Al Lido Marinella Miriam Candurro, nota e talentuosa attrice e Massimo Cacciapuoti scrittore  Redazione - Si terrà lunedì 3 settembre 2018…

31 Ago 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

“Show Cooking - Chef e Pasticcieri in Piazza” ricette preparate…

Nella frazione vicana di Arola di scena i maghi dei fornelli e maestri nell’arte dolciaria   Arola frazione…

28 Ago 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Capri vieta le slot machine: via gli apparecchi dagli esercizi…

Il regolamento approvato dal Consiglio Comunale su proposta dell'Amministrazione, l'opposizione contesta l'iter Via le slot machine e i videopoker dal territorio…

12 Set 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

L'omaggio del Premio Faraglioni all'indimenticabile Fabrizio Frizzi

"Sei e resterai per sempre il nostro quarto faraglione". Il commovente video-ricordo   L'organizzazione del Premio Faraglioni ha diffuso attraverso i social…

11 Set 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Nella Valle delle ferriere col club alpino

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA *fondata nel 1935 - ricostituita nel 2009* DOMENICA 23 SETTEMBRE 2018 La Valle delle Ferriere da…

18 Set 2018 Campania Positano / Costiera Amalfitana Antonio Volpe

Una Ztl territoriale: la proposta del sindaco Daniele Milano

Per la riduzione del traffico in Costiera Amalfitana  In una nota inviata a Prefettura di Salerno, Regione Campania, Provincia di Salerno,…

12 Set 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook