Fondazione Sorrento. Palesi incompatibilità secondo avv. Maresca

Rassegna Stampa
Fonte Politica in Penisola. DIRETTORE VINCENZO CALIFANO
Il ruolo della Fondazione Sorrento nel sistema politico-amministrativo della Città è senza dubbio rilevante anche per quanto concerne la gestione delle risorse finanziarie che provengono direttamente dalle casse municipali imponendo una riflessione su un tema che non perde mai di attualità: il conflitto di interessi e il sovrapporsi di funzioni di controllori e controllati in capo a medesimi soggetti. Sembra il caso della Fondazione Sorrento nel cui CdA siedono il Sindaco Giuseppe Cuomo e il Consigliere Luigi Di Prisco. L’argomento è stato oggetto di un approfondita disamina da parte dell’avv. Antonio Maresca che con questa intervista prova a sciogliere i dubbi su una questione che, prima ancora che politica, è amministrativamente delicata.

D: Avvocato Maresca, allora qual è il suo parere in merito a questo problema?

R: Cioè se il sindaco Cuomo ed il consigliere Di Prisco possono far parte del CdA della Fondazione “Sorrento”? Ho i miei dubbi e, quindi, la domanda è lecita. Il dubbio, sovviene prendendo spunto dall’art. 13 dello statuto della Fondazione, il quale prevede che il consiglio di amministrazione sia formato da 7 consiglieri, di cui 3 nominati dal sindaco del comune di Sorrento e dalla correlata circostanza che, con delibera n.62 del 22 luglio 2015, il Consiglio Comunale approvando i criteri cui attenersi per la nomina dei rappresentanti del Comune negli enti, nelle istituzioni ed aziende ha stabilito:
– all’ art. 5, lettera c), che non può essere nominato o designato a far parte di enti o istituzioni,colui il quale sia titolare di organo individuale o componente di un organo collegiale che eserciti poteri di controllo istituzionale sull’amministrazione del comune e/o dell’ente presso il quale dovrebbe essere nominato…..ed
– all’ art.6, che il provvedimento di nomina o designazione, perde, efficacia quando l’interessato si trovi in una delle situazioni di seguito elencate e non produca, entro 30 gg. dall’accettazione, una documentazione attestante l’avvenuta cessazione della situazione medesima:
a ) componente degli organi esecutivi di comuni, città metropolitana e regione;
b ) i componenti del consiglio comunale di Sorrento.

Orbene, non ho dubbi che il sindaco di Sorrento ed il consigliere comunale nominati facciano parte, a pieno titolo, di organi collegiali (la Giunta Municipale il primo, il Consiglio Comunale il secondo ) come non ho dubbi che tali organismi sono chiamati ad esercitare potere di controllo sull’attività della Fondazione, atteso che all’attività della stessa il Comune partecipa anche con un congruo contributo annuo (oltre 200mila euro).

D: Quindi che cosa ne deduce?

R: Pertanto, sembra che il Sindaco e d il Consigliere comunale siedano illegittimamente nel consiglio di amministrazione della Fondazione, poiché la loro nomina appare esclusa da quanto stabilito dal Consiglio comunale all’art. 5 della sua delibera n. 62/2015 ed ulteriormente, sempre per effetto della norma garantista e di trasparenza di cui si dotato il Comune, da quanto stabilito all’art. 6 in quanto la loro nomina avrebbe, ormai, perso efficacia per non aver rimosso l’impedimento alla loro nomina, ovvero la loro qualità di componenti di organi di controllo.
Quanto innanzi detto è sufficiente a giustificare il mio dubbio che appare, addirittura, rafforzato dalla circostanza del rilievo anche di un possibile profilo di inconferibilità dell’incarico da Essi assunto nel Consiglio di amministrazione della Fondazione.
Profilo che sembra trovare ingresso nel disposto del decreto legislativo n. 39 del 2013 e precisamente all’art. 7 comma 2, lettera d, che stabilisce che coloro che nei due anni precedenti siano stati componenti della giunta o del consiglio della provincia, del comune o della forma associativa tra comuni che conferisce l’incarico, ovvero a coloro che nell’anno precedente abbiano fatto parte della giunta o del consiglio di una provincia, di un comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione, nella stessa regione dell’amministrazione locale che conferisce l’incarico, nonché a coloro che siano stati presidente o amministratore delegato di enti di diritto privato in controllo pubblico da parte di province, comuni e loro forme associative della stessa regione, non possono essere conferiti:
a) gli incarichi amministrativi di vertice nelle amministrazioni di una provincia, di un comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione;
b) gli incarichi dirigenziali nelle medesime amministrazioni di cui alla lettera a);
c) gli incarichi di amministratore di ente pubblico di livello provinciale o comunale;
d) gli incarichi di amministratore di ente di diritto privato in controllo pubblico da parte di una provincia, di un comune con popolazione superiore a 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione.

D: Come pensa debba essere affrontato un problema oggettivamente delicato come questo viste le implicazioni che ne derivano?

R: Come detto si tratta di dubbi ed ho posto la questione. Compete ora alle Opposizioni in Consiglio Comunale chiedere chiarezza sulla questione, in modo che l’Amministrazione possa, nel rispetto della sempre dichiarata trasparenza della propria azione, fugare ogni dubbio di legittimità delle nomine e della validità delle decisioni assunte da un CdA che potrebbe risultare essere illegittimamente costituito. Io attendo, perché quel che comunque è certo che l’essere controllore di sé stesso, non solo non è politicamente opportuno ma è eticamente scorretto.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Ritorna a Piano Mercato della Terra

Il primo dell’anno che è dedicato al “fagiolo di cera di Alife”    Piano di Sorrento – Dal 2009, da quando è…

13 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Il liceo ‘Marone’ aderisce alla Notte nazionale del Liceo

Una manifestazione volta a promuovere la cultura umanistica   Meta – Il liceo ‘Marone’ aderisce alla Notte nazionale del Liceo, che arriva…

10 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

‘Allah, San Gennaro e i tre kamikaze’ a Vico Equense

La presentazione del libro di Imperatore rientra nell’ambito della kermesse “L'incanto del Natale”    Vico Equense - La presentazione del libro di…

02 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

L'archivio ci ricorda un anno fa la grande nevicata ad…

Queste immagini fecero il giro del mondo I nostri archivi ci ricordano la grande nevicata che imbiancò Anacapri esattamente un anno…

10 Gen 2018 Campania Capri Europa Italia del Sud Giuseppe Spasiano

"Casa dell'acqua": due nuovi impianti in funzione sull'isola di Capri

I punti di erogazione automatica installati a Tiberio e a Marina Grande Sono state ultimate le operazioni di installazione e…

09 Gen 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Positano

Provolone del Monaco Dop, Agerola ospita il premio “Andrea Buonocore”

Ultima tappa della undicesima edizione del “Gran Galà” dedicato al formaggio principe dei Monti Lattari e della penisola sorrentina [caption id=""…

12 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Colpo grosso nella notte a Furore: rubata cassaforte all'ufficio postale,…

Sottratti circa 16mila euro Colpo grosso la scorsa notte all'ufficio postale di Furore. Tra le 4 e le 6 un manipolo…

09 Gen 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook