FIORI DI SETA IL RACCONTO DEL LUNEDÌ DI CIRO FERRIGNO

FIORI DI SETA

Febbraio 2012. Sono a Scanno, in gita con gli alunni del Turistico, alla ricerca dell’artigianato artistico: filigrana, ferro battuto, lavori in legno e a tombolo e c’è neve ovunque. In un negozio, la signora dietro il banco, mentre avvolge un centrino nella carta velina, mi sorride e dice: “Complimenti, professore, lei ha scelto uno dei lavori più belli. Ne capisce di tombolo, di ricamo?” – “Un poco si”, rispondo. “Ma sarebbe troppo lungo da raccontare.”
Mi avvicino alla finestra, il panorama è scintillante, bianco immacolato ovunque e la mente torna in Via Bagnulo a Piano, nella casa dei nonni, quella della mia infanzia.
Zia Francesca ricamava le camicette destinate a Positano, per conto delle sorelle Ruocco di Via Casa Rosa. Io, bambino, trascorrevo lì interi pomeriggi e lei, senza alzare gli occhi dal telaio, raccontava tante storie: leggende, favole e fatti del paese, dei santi, delle feste. Mentre aspettavamo il Natale, facendo progetti e sogni ad occhi aperti, giorno dopo giorno, dal niente, creava campi di fiori, piccoli bouquet, farfalle e spighe con una bravura incomparabile. Le tecniche erano le più disparate punto a giorno, punto erba, catenella, retine di ogni specie, punto pieno, a croce, Assisi… Poi, a lavoro finito, mostrava qualcosa che mi sembrava un’opera d’arte e chiedeva: “Ti piace?” – Imparai a distinguere un punto dall’altro, le matassine di seta coi numeri, nel cestino, capii l’accostamento dei colori, la perfezione di un ricamo e la serenità di una vita semplice e laboriosa. In quella casa c’era un diverso profumo per ciascuna stagione: quello del fuoco nel braciere nei lunghi pomeriggi invernali, con la nonna seduta accanto, l’aroma del caffè riscaldato nella cuccuma sul fornellino, la torta profumata di liquore per le ricorrenze, quello dei confetti bruciacchiati dal ferro per le palme di confetti e l’effluvio dei gelsomini che saliva dal giardino nella camera, dalla vetrata, tutta aperta, nei pomeriggi estivi. Era stupefacente vedere una camicetta di lino bianco trasformarsi in un trionfo di colori, con tanti piccoli fiori di seta. Le sue mani erano capaci di compiere una vera magia e quelle creazioni avrebbero fatto bella mostra di sé nelle vetrine di negozi per turisti, prima di partire per qualche lontano angolo del mondo! In ogni stagione le mani della zia erano instancabili e così si guadagnava da vivere: quattro soldi per tanto lavoro. Non era ricca, anzi, ma aveva un cuore grande tanto da essere amata da tutti, in famiglia poi, il fratello, le sorelle, i nipoti, i cognati, tutti la veneravano. Ad ogni ricorrenza, il primo regalino era il suo e profumava di ricamo e di sudore, di occhi consumati per creare quei piccoli tesori di seta colorata.
A Scanno ha ripreso a nevicare ed ovunque mi giri intorno è tutto un merletto bianco. Sui tetti, sui campanili, sugli alberi spogli, si sente la presenza degli angeli che ricamano con aghi e fili, telai o fusilli per il tombolo… ogni punto è un fiocco di neve. L’aria profuma del fumo d’un antico braciere. Il pacchetto è pronto, è ora di andar via.
Il racconto del lunedì di Ciro Ferrigno

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Libro ‘L’alimentazione nella prevenzione del cancro’, presentazione a Piano di…

Si parlerà dello scottante tema del rapporto tra alimentazione e cancro    Piano di Sorrento – Nella sala consiliare del Comune sarà…

19 Apr 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

La Fedeli premia i Virgiliani a Roma

comunicato Miur – Si terrà domani, mercoledì 14 marzo, alle 12.30, la premiazione del concorso nazionale “Scuola: spazio al tuo…

14 Mar 2018 Editoriale Meta Giuseppe Volpe

Vico Equense

Riaperta la strada per Monte Faito

Ne da comunicazione l’amministrazione comunale attraverso il proprio profilo Facebook    Vico Equense - È stata riaperta dopo ben sei mesi ed…

20 Apr 2018 Campania Europa Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Illustrato il progetto relativo allo studio di fattibilità per la…

E la realizzazione del nuovo parcheggio di Piazzale Europa a Capri   E’ stato presentato presso la Casa Comunale di Capri, alla…

21 Apr 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Condannato l’autore del furto a Capodanno in un supermercato di…

In via definitiva è stato arrestato: deve scontare 1 anno e 8 mesi di reclusione Approfittando del trambusto per i festeggiamenti…

17 Apr 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Rubò due auto ad Amalfi, arrestato pregiudicato di Scafati

I Carabinieri hanno arrestato ed eseguito l’ordinanza del GIP di Salerno   La scorsa notte i Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di…

21 Apr 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Dramma ad Atrani, 67enne precipita nel vuoto. E' morto

Un uomo è precipitato da altezza considerevole   Ancora notizia drammatica dalla Costiera Amalfitana. Pochi minuti fa, poco prima delle 14, fra…

17 Apr 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook