Discussioni attorno ad un Pino

Rassegna Stampa
Fonte Politica in penisola
A proposti di alberi che crollano o da abbattere… Bando ad ogni integralismo!
Pubblicato da Politica in Penisola
lunedì 13 marzo 2017 – 0:33
Sui social si sta sviluppando una “vivace” discussione sul cedimento del Pino dell’anfora ubicato lungo la statale 163 a causa del forte vento che nei gioni scorsi ha colpito l’area costiera provocando numerosi danni al patrimonio arboreo, ma non solo a quello. Nel post del WWF è spiegato l’intervento di messa in sicurezza del tronco residuo effettuato questa mattina e della decisione dell’Associazione di trasformarlo in una scultura a cura di un’artista specializzato in incisioni sul legno. Potrebbe trasformarsi in un’attrazione per quest’oasi di un centinaio di metri quadri affidata all’Associazione ambientalista dalla proprietaria del fondo. pino-caduto-ss-163Restiamo però al tema del crollo che si è verificato all’incirca alle 8.30 di mattina dell’8 marzo provocando la caduta sulla strada della chioma alberata del pino letteralmente spezzata dalla furia del vento. Altri alberi hanno ceduto e non solo a Piano di Sorrento a conferma dell’eccezionale violenza del vento. Miracolosamente in quel momento lungo la statale non transitavano auto altrimenti sarebbe stato un disastro.

Su facebook si scontrano innocentisti e colpevolisti, su tutti spicca l’intervento dell’ing. Antonio Elefante che pubblica un post molto critico, anzi chiaramente accusatorio nei confronti di Claudio d’Esposito presidente del WWF Terre del Tirreno divenuto da qualche mese a questa parte proprietario di quest’albero per cessione dello stesso e di una piccola area del fondo agricolo da parte della proprietaria, la Contessa Colonna. Una decisione che la sottrae all’incombenza con relativa ordinanza sindacale di dover mettere in sicurezza l’albero a seguito del cedimento dell’anfora che ne circondava la base. Obbligo transitato in capo al WWF e a d’Esposito che stavano predisponendosi ad effettuare l’intervento una settimana fa, poi rinviato a causa del maltempo.

Scrive Elefante commentando un articolo di stampa sul pino: “Egregio direttore perchè lei non racconta della storia di questo albero? Sarebbe bene spiegare che per questo albero il Comune di Piano di Sorrento ha emesso qualche tempo fa una specifica ordinanza di messa in sicurezza nei confronti della proprietraia, Maria Vittoria Colonna. Dopodichè il WWF ha sollevato scudi perchè riteneva che questo albero, smentendo il giudizio di qualche esperto, dovesse essere conservato escludendo la possibilità che questi rappresentasse un pericolo. Dopodichè all’alzata di scudi del WWF è subentrato un atto pubblico di donazione trasferimento mediante il quale la signora M.Vittoria Colonna ha ceduto in data 2 nov. 2016 alla associazione WWF in persona del suo presidente Claudio D’esposito, la proprietà dell’albero e di un piccolissima porzione di terreno su cui incide l’albero. In altre parole e a ben vedere, la proprietaria con il trasferimento del bene ha voluto disinnescare qualsiasi responsabilità ma anche polemica sull’eventuale mantenimento o taglio dell’albero. Dopodichè con ordinanza n.8 del 30.01.2017 il Comune di Piano di Sorrento ha reiterato l’ordinanza di messa in sicurezza nei confronti del WWF e nella persona del suo presidente Claudio D’Esposito. A questo punto mi chiedo se il crollo dell’albero non implichi una qualche ipotesi di reato giacchè il comportamento dell’attuale proprietario è da ritenersi dolosamente omissivo“.

Oggi abbiamo appreso dallo stesso WWF che l’albero aveva 149 anni. Quindi poteva anche essere giunto al termine del suo ciclo di vita naturale considerando l’età media dei Pini che potrebbe essere anche più lunga, spiegano gli esperti, ma che una malattia o le condizioni ambientali avverse possono ridurre essendosi determinato un danno irreparabile. Per questo ci sono le perizie dei tecnici e anche in questo caso il WWF certamente si premurerà di produrla. Da questa vicenda però scaturiscono alcune considerazioni che è bene per tutti tenere a mente. Inanzitutto la necessità di mettere da parte ogni visione integralista di questo tipo di problemi. Infatti se è sbagliato pensare di garantire la sicurezza pubblica tagliando tutti (o quasi) gli alberi che si presume rischino di crollare, altrettanto errato è affermare che nessun albero meriti di essere abbattuto se invece lo decretino delle perizie tecniche. Se malauguratamente l’albero avesse colpito un’auto o un pulman in transito sulla SS163, sicuramente le responsabilità dell’incidente sarebbero ricadute in primis sul proprietario della pianta, cioè il WWF e d’Esposito. Salvo poi a dimostrare in sede giudiziaria che l’albero ha ceduto non per cause legate alla compromissione del suo apparato radicale, bensì per il vento e quindi senza una causa direttamente riconducibile alla diagnosi di pericolo periziata. Questa impostazione aiuterebbe meglio a comprendere reciproche ragioni della scelta in capo a chi ha la responsabilità legale di un albero, sia esso un privato o il pubblico.

Dal reciproco riconoscimento (e rispetto) di compiti e responsabilità – quelle di un’Associazione e quelle dell’Istituzione – può solo derivarne un vantaggio alla comunità nella consapevolezza che gli alberi sono parte ingrante del paesaggio, ma anche elementi essenziali per la qualità della vita di una comunità. Non per questo debbono trasformarsi in minacce per la vita lasciando che si esplichino gli effetti devastanti di una caduta. Laddove al crollo o all’abbattimento di un albero non seguisse il reipianto della stessa specie o di una analoga (con tutte le cure del caso), allora qualche preoccupazione sarebbe legittima. Diversamente laddove si impianta un nuovo albero al posto di uno crollato e abbattuto Associazione e Istituzione dovrebbero soltanto collaborare al buon esito dell’intervento e il contributo che può venire dalla prima alla seconda è senza dubbio utile!

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Pini Villa Fondi. ..in due si salvano dalla motosega

Rassegna Stampa AGORÀ Ricorderete il provvedimento d’urgenza con cui il Sindaco Vincenzo Iaccarino ordinò all’Ingegnere Graziano Maresca il taglio di ben…

16 Giu 2017 Campania Piano di Sorrento Redazione

Meta

Meta, morto in mare ed auto in fiamme

Un uomo è colto da malore mentre nella notte va in fuoco una 500    Meta – In poche ore due avvenimenti…

21 Giu 2017 Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Abbiamo il depuratore ma ancora c'è tanto da fare per…

di Raffaele Attardi La Grande Onda Tutte le carenze denunciate dalla nota inviata dal Comune di Vico alla regione Campania hanno…

15 Giu 2017 Vico Equense Redazione

Capri

Veronica Maya, balli e canti con Guido Lembo

Parentesi vacanziera prima del ritorno in Rai   Veronica Maya, balli e canti alla taverna Anema e Core di Capri. Prima di…

16 Giu 2017 Capri Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri: bagnate le scale della Piazzetta

La cittadina isolana imita Firenze per non far sedere i turisti per bivaccare   Capri – Ed anche la cittadina isolana imita…

14 Giu 2017 Capri Giuseppe Spasiano

Positano

Il Galeone di Amalfi cede in curva

Sull’Arno i costieri non tengono il ritmo dei genovesi    Redazione – Non ce l’ha fatta il Galeone amalfitano sull’Arno che cede…

18 Giu 2017 Positano / Costiera Amalfitana Giuseppe Spasiano

17 e 18 giugno Regata Repubbliche Marinare a Pisa

Ecco il programma completo   Pubblicato il programma completo della Regata delle Antiche Repubbliche Marinare che si volgerà a Pisa il 17…

16 Giu 2017 Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook