Il candidato Nobel Giulio Tarro al Virgilio e poi al Ristorante la Conca

Di solito sono i campioni sportivi o le star del cinema o della musica a riempire le pagine di cronaca di questa estate oramai nel vivo. Ma questa volta è stata una celebrità mondiale nel campo della ricerca scientifica e medica, il Prof. Giulio Tarro candidato Nobel per la medicina 2015 che, a sorpresa, dopo aver incontrato gli studenti del liceo Virgilio, diretto dalla Preside Immacolata Arpino, accompagnato dal giornalista Francesco Manca e dai prof Sonia Fucito ed Antonio Volpe, ha voluto incontrare Antonio Cafiero del Ristorante La Conca a Meta .
“Un candidato Nobel al liceo Virgilio e poi da Antonio La Conca ….per conoscere una cucina da Nobel, un mare da Nobel, un’accoglienza d’eccellenza”, ha chiosato il dr. Manca (segretario regionale dell’UCSI Campania e responsabile per la stessa regione e il Sud Italia della Fondazione di studi tonoliani) che sta conducendo in un tour nelle scuole il prof. Giulio Tarro- allievo di Sabin – reduce da una serie di conferenze nei vari continenti (Asia ,Europa,America del Sud) che volentieri ha risposto alle intelligenti domande degli studenti su temi di scottante attualità come l’importanza dei vaccini(vedi sue dichiarazioni allegate al presente articolo), il diffondersi delle malattie infettive, il futuro ed il presente della ricerca medica,il valore degli studi umanistici, e classici in particolare, per acquisire una forma mentis idonea ad affrontare questi tempi dove globalizzazione e società “liquida” rendono difficile ogni orientamento etico e politico.
In mattinata il prof. Tarro ha partecipato alla manifestazione conclusiva del progetto Alternanza scuola lavoro del Liceo Virgilio di Meta che si è svolta presso il campetto del centro parrocchiale messo gentilmente a disposizione dall’Ammministratore parrocchiale Don Francesco Guadagnuolo. Erano presenti i responsabili ed i tutor delle oltre trenta Aziende che hanno collaborato ospitando i circa 350 allievi di terza e quarta insieme agli oltre venti studenti che nello scorso anno scolastico hanno conseguito un voto di eccellenza all’esame di Stato.
Determinante anche il ruolo dei tutor scolastici del liceo che hanno accompagnato in questa esperienza gli allievi guidandoli e supportandoli nel loro appredistato .
L’evento, presentato con brio dai rappresentanti d’Istituto Vittorio Gargiulo, Benedetta Tortora, Luigi Savarese e Luigi Fiorentino è stato allietato dalla esibizione musicale e canora dei ragazzi “Amaro Touch” che hanno vinto la terza edizione del talent show PVM day. Perfetta l’organizzazione tecnica affidata a Salvatore Caputo Tecno Sound. Un plauso anche al servizio d’ordine, che ha visto la perfetta sincronia di una ventina di allievi, coordinati da Giulia De Riso.Il servizio fotografico è stato curato con la consueta professionalità da Pasquale Di Nota che ha realizzato anche un book per il progetto di Alternanza al Museo Correale che vedrà presto le stampe.
Appuntamento all’anno prossimo.
Di seguito le Aziende che hanno aderito al progetto che vede come referenti i prof Giuseppina Gargiulo e Antonio Volpe
1 Azienda giornalistica Corso Italia news (tutor Antonio Fienga,Luisa Gargiulo, Salvatore Esposito)
2 Istituto comprensivo Costiero Vico Equense(Dirigente scolastica Debora Adrianopoli)
3 Istituto comprensivo Bozzaotra Massalubrense(Dirigente scolastico Raffaele Russo, referenti proff.Anna Esposito, Persico)
4 Istituto comprensivo Caulino Vico Equense (Dirigente scolastica Alberta Maresca)
5 Istituto comprensivo Gemelli Sant’Agnello(Dirigente scolastica Maria Pagano, referente prof. Angela Aiello)
6 Azienda asilo nido Mamme al centro di Roberta d’Esposito
7 Istituto comprensivo Torquato Tasso Sorrento(Dirigente scolastica Marianna Cappiello, referente prof.Raffaella Cerciello)
8 Istituto comprensivo Buonocore Fienga Meta(Dirigente scolastica Ester Miccolupi, Vice Preside Francesco Soldatini, referente prof.Rossella De Fusco)
9 Istituto comprensivo Piano di Sorrento(Dirigente scolastica Maria Rosaria Sagliocco, referenti Franca Pollio,Maria Grazia Trusio, Nicola Villani)
10 Studio commerciale Giuseppe Maresca Piano di Sorrento(referente Marilù Maresca)
11 Consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata(Presidente Avv. Gennaro Torrese, Consiglieri Avv. Daniela Palomba e Michele Gargiulo)
12 Comune di Massalubrense(Referente Vice sindaco avv. Giovanna Staiano)
13 Museo mineralogico Vico Equense (Referente Umberto Celentano)
14 Comune di Positano(Referente vice Sindaco Francesco Fusco)
15 Caseificio Terre delle sirene Meta
16 Farmacia dr. Pino De Simone Meta
17 Farmacia dr. Francesco Palagiano Piano di Sorrento (Tutor dr.ssa Vittoria Santagostino)
18 Farmacia Costabile Vico Equense
19 Parco Marino Punta Campanella(Referente dr.ssa Carmela Guidone)
20 Hotel Treville Positano
21 Hotel Le Agavi Positano
22 Hotel Pasitea Positano (Referente Gianmaria Talamo)
23 Hotel Moon valley Seiano (Referente Luigi dell’Amura)
24 Hotel Caravel Sant’Agnello
25 Studio legale avvocato Raffaele Vanacore
26 Studio ingegnere Antonio Pollio
27 Museo Correale Sorrento (Referente Laura Cuomo)
28 Studio avvocato Augusto Maresca e figlio Ivan
29 Comune di Piano di Sorrento (Referente dr. Giacomo Giuliano)
30 Hotel Eden rock Positano
31 Hotel Miramare Positano
32 Azienda informatica Multinet Angri (Referente ingegnere Luigi D’Antuono)
33 Unitre Vico Equense(Presidente prof Enzo Esposito)

Il candidato Nobel per la Medicina Giulio Tarro al Liceo Virgilio

Una riflessione sulle vaccinazioni
a cura del prof. Giulio Tarro

Tra le domande poste dagli studenti del liceo Virgilio di Meta non poteva mancare quella sul tema sempre attualissimo dei vaccini.Ecco la sua autorevole opinione a riguardo, frutto di anni di studi, ricerche ed osservazioni sul campo nei cinque continenti.

“Il dibattito sulle vaccinazioni trova oggi particolarmente attenta l’opinione pubblica, frastornata da polemiche senza fine; una specie di “guerra santa” che vede da una parte contrapposti coloro che sono stati definiti da alcuni mass-media “i crociati del fronte antivaccino” vaccinifoto(solitamente settori del movimento antivivisezionista, omeopati, associazioni di famiglie che hanno avuto i loro cari rovinati dalle complicanze delle vaccinazioni .. ) che in nome di una presunta crisi dei paradigmi scientifici arrivano a teorizzare una medicina “non farmacologica”; sull’altro “fronte” vi è una parte del mondo medico, veementemente sostenuto da alcune multinazionali farmaceutiche, che pretenderebbe di affidare all’immunoprofilassi la sconfitta di ogni malattia infettiva. Tra queste due posizioni ve n’è un’altra che, pur non negando l’efficacia delle singole vaccinazioni, contesta l’obbligatorietà stabilita dalla legge italiana per alcune di esse, richiamandosi all’esempio dei paesi anglosassoni. Ma al di là di posizioni oltranziste che, qualche volta, conquistano uno spazio sui mass media, il dibattito sulle vaccinazioni rivela profonde implicazioni etiche collegandosi con quello del diritto alla libera scelta che dovrebbe contrassegnare tutti gli interventi di tutela della salute o dell’integrità personale; un principio questo certamente giusto ma potrebbe estendersi anche al rifiuto delle leggi che puniscono come reato l’uso personale di droghe pesanti e leggere o alle norme che impongono l’uso di caschi e le cinture di sicurezza. La questione è indubbiamente avvincente. E’ certamente vero che chi si procura una malattia o una lesione, indirettamente danneggia tutta la società, sul piano economico e delle relazioni tra individui ma sarebbe, comunque, pericoloso concedere allo Stato il potere paternalistico di decidere che cosa è bene o male per tutti i cittadini. Seguendo questo principio, infatti, si finirebbe per proibire le sigarette, i superalcolici, o, addirittura, razionare le ore di televisione così come fanno i genitori con i bambini. Vi è da dire, comunque, come vedremo meglio in seguito, che l’immunoprofilassi ha una sua specificità non essendo una scelta che comporta benefici e rischi solo per chi la assume ma espone a benefici o rischi l’intera collettività. Da questo punto di vista, nel campo delle vaccinazioni solo l’obbligo può impedire che si crei una minoranza di obiettori privilegiati ai quali andrebbero tutti i vantaggi di una vaccinazione di massa, senza alcun rischio. Per di più, nel campo dell’immunoprofilassi, essendo le vaccinazioni destinate prevalentemente ai minori, la decisione non viene presa dal diretto interessato bensì dai suoi genitori, i quali, com’è noto, in uno stato di diritto, possono sempre essere esautorati, dallo Stato, della loro potestà quando non tutelano adeguatamente i loro figli. Come si evince, la controversia sull’obbligatorietà o meno delle vaccinazioni rimanda a vaste considerazioni etiche e culturali ma, in Italia, questo dibattito rischia di far passare in secondo piano il grave fenomeno delle false certificazioni che non pochi pediatri compiacenti stilano a favore dei renitenti quando non sono, addirittura, i medici stessi, che arrivano a consigliare ai genitori di non vaccinare i figli. E purtroppo non si tratta di casi sporadici se si pensa che, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, in alcune regioni del meridione la percentuale dei ritardi nelle vaccinazioni supera il 50 per cento. Del resto, va detto che le inadempienze più gravi vanno a carico dello Stato. E se da un verso la stragrande maggioranza delle ASL non ha mai messo in atto un controllo incrociato tra le liste vaccinali e quelle anagrafiche, per smascherare così gli inadempienti, d’altra parte quasi niente è stato fatto per applicare compiutamente la legge 210 del 25 febbraio 1992 che, ponendo a carico dello Stato il risarcimento in caso di danni accertati, imponeva di attuare entro sei mesi dall’approvazione della legge progetti di informazione pubblica sui possibili rischi delle vaccinazioni. Mi fa piacere riportare alcune delle conclusioni e raccomandazioni sui vaccini del CNB (Comitato Nazionale di Bioetica), di cui ho fatto parte e contribuito alla stesura del documento. I vaccini possono essere annoverati tra le grandi conquiste mediche e scientifiche dell’epoca moderna. Hanno infatti debellato il vaiolo e consentito la prevenzione di molte malattie, come la poliomielite, la difterite ed il tetano, che in precedenza uccidevano o rendevano invalidi milioni di persone ogni anno. Sono anche efficaci contro diverse infezioni degli animali domestici! Alcune delle quali trasmissibili all’uomo…….

Ciononostante, l’impegno e la ricerca dei vaccini comportano diversi inconvenienti quello maggiormente avvertito a livello dell’opinione pubblica è la possibilità di effetti collaterali, costituiti da reazioni allergiche, reazioni neurologiche ed infezioni dovute alla virulentazione di vaccini contenenti germi vivi. Questo pericolo è stato talvolta ingigantito, fino a determinare una condizione relativamente diffusa di sospetto e rifiuto, specie nei confronti della vaccinazione della popolazione infantile: è invece minimo, soprattutto con i preparati più recenti ed è ampiamente controbilanciato dal rischio concreto che, in assenza di un’estesa protezione vaccinale, alcune malattie si diffondano nuovamente e colpiscano i non vaccinati con una sequenza ben più elevata di quella attuale. In definitiva si può affermare che le malattie naturali comportano rischi ben maggiori di quelli dei vaccini…….

Il primo imperativo etico è quello di assicurare sull’argomento un’informazione approfondita aggiornata, corretta e quanto più possibile completa. In particolare, i dati riguardanti gli effetti collaterali dei vaccini vanno pubblicizzati ma dando nel contempo il dovuto rilievo agli elementi necessari per interpretarne correttamente il significato. Vanno ugualmente menzionati i pareri contrari alla vaccinazione, facendo tuttavia presente l’eventuale carenza di dati scientifici a loro sostegno.

Una caratteristica peculiare dei vaccini è di avere un elevato valore sociale, in quanto oltre a proteggere la persona vaccinata riducono il rischio di contagio a carico della restante popolazione. Pur tenendo conto dell’obiettiva difficoltà di stabilire una chiara delimitazione tra diritti individuali e diritti collettivi, questo aspetto induce a ritenere che Io Stato abbia il dovere ed il diritto di promuovere le vaccinazioni considerate essenziali dalla comunità scientifica internazionale non solo attraverso campagne di informazione ed educazione sanitaria, ma anche con altre modalità più’ incisive. Alcuni paesi adottano misure coercitive indirette, consistenti nell’obbligatorietà di esibire il certificato di vaccinazione al momento dell’iscrizione scolastica. Altri propendono per un atteggiamento più articolato, considerando il rifiuto alla vaccinazione illecito, ma non perseguibile penalmente, altri ancora ritengono che questa pratica vada imposta esplicitamente, a livello sia della popolazione infantile sia di alcune categorie professionali, pur ammettendo la possibilità di deroghe giustificate da motivi validi. Ciascuna di queste soluzioni può essere ugualmente accettabile, purché raggiunga lo scopo. I pareri contrari alla vaccinazione vanno rispettati, ma non oltre il limite al di la del quale ciò possa risultare lesivo del diritto alla tutela della propria salute da parte sia del minore sia di altri”.

Tagged under

Apologies, but no related posts were found.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Pini Villa Fondi. ..in due si salvano dalla motosega

Rassegna Stampa AGORÀ Ricorderete il provvedimento d’urgenza con cui il Sindaco Vincenzo Iaccarino ordinò all’Ingegnere Graziano Maresca il taglio di ben…

16 Giu 2017 Campania Piano di Sorrento Redazione

Meta

Meta, morto in mare ed auto in fiamme

Un uomo è colto da malore mentre nella notte va in fuoco una 500    Meta – In poche ore due avvenimenti…

21 Giu 2017 Meta Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vico Equense

Abbiamo il depuratore ma ancora c'è tanto da fare per…

di Raffaele Attardi La Grande Onda Tutte le carenze denunciate dalla nota inviata dal Comune di Vico alla regione Campania hanno…

15 Giu 2017 Vico Equense Redazione

Capri

Veronica Maya, balli e canti con Guido Lembo

Parentesi vacanziera prima del ritorno in Rai   Veronica Maya, balli e canti alla taverna Anema e Core di Capri. Prima di…

16 Giu 2017 Capri Uncategorized Giuseppe Spasiano

Capri: bagnate le scale della Piazzetta

La cittadina isolana imita Firenze per non far sedere i turisti per bivaccare   Capri – Ed anche la cittadina isolana imita…

14 Giu 2017 Capri Giuseppe Spasiano

Positano

Il Galeone di Amalfi cede in curva

Sull’Arno i costieri non tengono il ritmo dei genovesi    Redazione – Non ce l’ha fatta il Galeone amalfitano sull’Arno che cede…

18 Giu 2017 Positano / Costiera Amalfitana Giuseppe Spasiano

17 e 18 giugno Regata Repubbliche Marinare a Pisa

Ecco il programma completo   Pubblicato il programma completo della Regata delle Antiche Repubbliche Marinare che si volgerà a Pisa il 17…

16 Giu 2017 Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook