Arriva oggi a Sorrento il metodo alimentare di Tiziana Stallone che rivoluziona il concetto di dieta

Oggi sabato 13 ottobre, ore 18 presso Hotel Conca Park via degli Aranci 13, ingresso libero, presentazione de La Dieta Persona di Tiziana Stallone.

La Dieta Persona, elaborata dalla famosa biologa nutrizionista Tiziana Stallone, rappresenta il primo, rivoluzionario e unico metodo dietetico contro sovrappeso e obesità basato sulla personalità e lo “psicotipo” del paziente. Il metodo consente di dimagrire attraverso il controllo della fame sentendosi al tempo stesso gratificati. Il programma ideato dalla scienziata permette infatti di perdere peso tenendo conto del proprio profilo psicologico e del motivo diverso e specifico per cui ciascun individuo mangia e ingrassa.

Dalla Prefazione di Andrea Ghiselli: «Qual è la dieta giusta? Viene spiegato in questo libro: è quella che, prendendo in considerazione i nostri gusti e le nostre debolezze, ci accompagna in maniera facile e adeguata. Ognuno di noi infatti mangia per motivazioni completamente diverse (oltre a nutrirsi). La dieta perciò deve adattarsi alle persone come un vestito che cambia a seconda delle occasioni e delle situazioni. Non può esistere quindi la dieta X o la dieta Y, ma la Dieta persona, sulla quale ognuno può mettere il proprio nome».

Secondo la FENS, Federazione Europea delle Società di Nutrizione, oltre l’80% delle persone che inizia una dieta non riesce a completare il percorso di dimagrimento. La maggior parte abbandona dopo pochi mesi, il resto riprende il peso perso entro cinque anni dall’inizio della dieta, alcuni arrivano a pesare addirittura di più. L’altissimo tasso di abbandono – e di fallimento – delle diete dimostra che un programma dimagrante generico non può essere adatto a chiunque.

E’ necessario tenere conto di fattori fisiologici diversi per ciascun individuo.

Molte persone vanno incontro al fenomeno di dieting ovvero di numerose diete che si susseguono dando luogo ad un pericoloso andamento del peso a yo-yo, in cui i chili si perdono e poi si riacquistano, con un notevole stress psicofisico.

Spesso ci si affida a diete avventate, non si tiene conto della naturale fisiologia del percorso di dimagrimento e si desidera, anzichè dimagrire bene, farlo in fretta.

Alimentarsi non serve solo a nutrire il corpo, ma procura anche piacere.  L’associazione cibo e piacere ha motivazioni legate alla sopravvivenza. Ma ciò comporta che gli alimenti possano divenire mitigatori di ansie, compensativi di frustrazioni e solitudine. Mangiare o non farlo, per molte persone, diventa la valvola di sfogo o modo per reagire a problemi e difficoltà. Si ipotizza anche che si possa sviluppare una la dipendenza da cibo, al pari di alcol, gioco d’azzardo o droghe. Una dieta dovrebbe tener conto del piacere. Una dieta è tanto più efficace quanto più preserva il piacere e la convivialità.. A poco vale la privazione, poiché la ricerca del godimento è insita nell’uomo. Una dieta triste terminerebbe con la ricerca spasmodica di nuova gratificazione.

Per dimagrire efficacemente bisogna “usare la testa” e ragionare su ogni singola tappa del percorso di dimagrimento. A poco vale una dieta perfetta se non è ragionata e di buonsenso.

La dieta che funziona è una palestra per il futuro. Non esiste nessun metodo di dimagrimento che garantisca, finita la dieta, di riprendere a mangiare senza regole. Quindi è bene partire già preparati al futuro con l’idea che la dieta non si lascerà mai e diverrà nel tempo uno stile di vita, anche se, quando non dovremo più perdere il grasso in eccesso, saranno concesse delle deroghe senza rischi.

La dieta che funziona è quella che si riesce a fare. Proprio perché sarà la nostra dieta, dobbiamo immaginarla non come un supplizio, ma in modo che sia pratica e compatibile con il nostro stile di vita.

La bilancia non è tutto. Non è importante solo la perdita di peso, ma la riduzione del grasso corporeo e la conservazione della massa muscolare.

Non c’è dieta senza pasto libero. Il pasto libero è funzionale al corpo, evitando flessioni del metabolismo, e alla mente, dando una boccata di respiro alla dieta. In più è molto importante allenarsi anche durante la dieta a provare le leccornie (una pizza, un gelato o una birra ad esempio) per poi trovare la forza e la costanza di riprendere il percorso.

Una buona dieta non è sempre “troppo virtuosa”. Lo diceva Ippocrate, “è preferibile un cibo anche un po’ nocivo ma gradevole, a un cibo indiscutibilmente sano ma sgradevole”.

Attenzione agli alimenti e alle situazioni scatenanti. Non è sempre valido il discorso mangia un pò di tutto, ci sono degli alimenti ai quali, alcuni di noi, non riescono a dire basta. Un pacco di biscotti aperto, una tavoletta di cioccolata, potrebbero scatenare abbuffate. Pertanto se un alimento viene riconosciuto dalla persona come scatenante, non portiamoci il “nemico” in casa, tanto vincerebbe lui (almeno agli inizi). Lo stesso vale per le situazioni scatenanti, come ad esempio quella di scegliere la via che ci conduca davanti la nostra pizzeria o gelateria preferita. Meglio cambiare strada!

Le scivolate si perdonano. Non siamo perfetti e oltre ai successi dobbiamo mettere in conto anche le defezioni. Se “scivoliamo” e cediamo ad una tentazione, perdoniamoci e andiamo avanti! Il corpo non è una calcolatrice che tiene conto in maniera millimetrica di un eccesso calorico momentaneo.

Stravolgi ogni tanto le regole. Non c’è (pseudo)regola che non possa essere stravolta con gli opportuni accorgimenti del caso. Un piatto di pasta di sera o un pezzo di cioccolata possono essere accettabili, anche quando si sta a dieta.

La dott.ssa Stallone ha individuato, con l’aiuto del marito, lo psichiatra Domenico Mazzullo, quattro diverse personalità corrispondenti ad altrettanti profili psicologici di rapporto con il cibo:

  • mangiatore malinconico: usa il cibo come conforto
  • compulsivo: lo usa per combattere ansie e paure
  • edonista: è attratto dal piacere del buon cibo
  • mangiatore sociale: cerca nel cibo l’aggregazione e affida al cibo la sua affermazione.

Ognuno di noi, oltre che per nutrirsi, mangia per motivazioni che possono essere completamente diverse da un soggetto all’altro. La dieta perciò deve adattarsi alle persone come un vestito. Non può esistere una dieta valida per tutti, ma la “dieta persona”, sulla quale ognuno può mettere il proprio nome, in grado di accompagnarci per tutta la vita e in ogni momento. E’ importante che chi si mette a dieta sia consapevole del proprio rapporto psicologico con il cibo. Siamo diversi, anche dal punto di vista caratteriale. È utile quindi analizzare i diversi profili psicologici e la personalità dei mangiatori eccessivi, per ottenere informazioni importanti su come siano ingrassati e, quindi, come possano essere aiutati a dimagrire. E’ fondamentale per dimagrire partire dal chiarire il proprio rapporto con il cibo. Il motivo per cui molte diete falliscono è che si concentrano solo su grammi e calorie, senza preoccuparsi delle ragioni che spingono verso la voglia di cibo. Non esiste un metodo per dimagrire. Esiste prendersi cura delle persone, delle loro debolezze, dei loro vuoti da riempire, delle loro gioie da assecondare. La Dieta Persona va in questa direzione. Per perdere peso in modo duraturo non serve solo mangiare di meno e muoversi di più. È necessario invece riuscire a controllare la fame e sentirsi gratificati, seguendo una dieta che prenda in considerazione i gusti e i comportamenti individuali. Ciascuna di queste categorie ha caratteristiche ben precise che determinano il modo di mangiare di chi è sovrappeso. Chiunque abbia peso in eccesso potrà riconoscersi in uno dei profili e scegliere il metodo per dimagrire più adatto a sé. La dottoressa elabora un programma dimagrante specifico per ciascuno di questi 4 tipi psicologici. Per ciascuno di essi propone quattro diversi sistemi alimentari. Per ciascuno individua gli eccessi, le fragilità e le possibili soluzioni per cambiare gradualmente e stabilmente le proprie abitudini alimentari. E sottolinea: «Le personalità dei mangiatori eccessivi non devono essere immaginate come dei compartimenti stagni: chi appartiene a un particolare psicotipo può riconoscersi, almeno in parte, anche in un altro».

Obiettivo del programma: acquisire una maggiore consapevolezza del proprio rapporto con il cibo e dei problemi che ne derivano e riuscire a controllare la fame senza però rinunciare al gusto della buona tavola.

Osservare l’atteggiamento che si ha nei confronti di ciò che si mangia permette di individuare gli errori e trovare le possibili soluzioni per cambiare gradualmente e per sempre le proprie abitudini alimentari e di conseguenza rimanere in forma.

La dieta che funziona? Quella che parte dal carattere. A ciascuno la sua dieta. Tiziana Stallone lancia il primo metodo che affronta i problemi di peso e di alimentazione sulla base del profilo psicologico.

Il metodo che scegliamo per perder peso, per essere davvero efficace, dovrebbe: essere sostenibile, procurarci entro i limiti del possibile il massimo piacere, restituirci benessere, fornirci gli strumenti per gestire la nostra alimentazione in piena autonomia, diventare uno stile di vita.

La dieta migliore, quella che funziona, è quella che si riesce a fare. Per tutta la vita. Come il vero amore.

CARLO ALFARO

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Piano di Sorrento, evento prenatalizio con Enzo Paudice

Donato Cellini presenta l’artista napoletano in ‘Simpaticissimo Tour’   Donato Cellini Piano di Sorrento – Arriva nella cittadina costiera…

17 Nov 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Geografia nascosta dell'Italia esterna - Meta portoni aperti

La quinta edizione di Geografia nascosta dell'Italia esterna - Meta portoni aperti si svolgerà sabato 10 e domenica 11 Novembre…

10 Nov 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Meta Antonio Volpe

Vico Equense

IL BUON VENTO DEI CAMALDOLI È ARRIVATO AL MINISTRO BONISOLI

IL BUON VENTO DEI CAMALDOLI È ARRIVATO AL MINISTRO BONISOLI Presentato l'esposto-denuncia da parte delle associazioni Vas e WWF circa…

16 Nov 2018 Campania Cronache d'Italia Editoriale Europa Italia del Sud Vico Equense Redazione

Capri

Calcio a cinque: squalificato fino al 2021 il giocatore dell’Olimpia…

La punizione inflitta dal giudice sportivo: il comunicato ufficiale Squalificato fino al 15 marzo 2021 il calciatore dell’Asd Olimpia Capri protagonista…

16 Nov 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Si vende a Capri la lussuosa villa che fu frequentata…

Ancora intatta la sua stanza     A un prezzo superiore ai 10 milioni di euro, è in vendita in una delle zone…

09 Nov 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Scontro frontale a Cetara: Vigili del Fuoco estraggono anziano dall'auto…

Un brutto incidente si è verificato sulla Statale 163 Amalfitana, tra Erchie e Cetara Un brutto incidente si è verificato questa…

16 Nov 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vietri sul Mare, sabato 10 novembre su Rai3 per la…

Tre eliminatorie e una grande gara finale dove una giuria di esperti eleggerà il Borgo più bello d'Italia 2018   Redazione -…

09 Nov 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook