Altolà al WWF, negato accesso agli atti sul megaprogetto dei Box sul Corso Italia

Meta, al WWF negato l’accesso agli atti sul parcheggio: “…lì solo parcheggi a rotazione, non box”
Pubblicato da Politica in Penisola
domenica 5 febbraio 2017 – 13:17


META – A muso duro…Così Diego Savarese, funzionario responsabile del Dipartimento 2 Settore 2 dell’UTC metese, ha opposto il diniego alla richiesta del WWF Terre del Tirreno di accedere agli atti comunali sulla realzizazione dei parcheggi sul Corso Italia. Un intervento con un forte impatto urbanistico che trasforma un aranceto in box, ma che sembrerebbe essere in possesso di tutti i requisiti e permessi di legge, anche se il WWF vuole vederci chiaro perchè sussistono diverse perplessità sull’intera operazione, ragion per la quale l’Associazione aveva richiesto di visionare la pratica. Con l’aggiunta che nella vicenda è direttamente coinvolto il vice sindaco Pasquale Cacace in qualità di comproprietario di uno dei fondi su cui si sta realizzando l’opera.

da Street View (1)Quello che maggiormente ha stupito Claudio d’Esposito, presidente del WWF Terre del Tirreno, è la messa nero su bianco da parte dell’arch. Savarese che “… lavori edili che, di fatto, comporteranno la distruzione di un fondo agricolo di circa 1500 mq. con la presenza di residui alberi di agrumi in ambito urbano, secondo il responsabile dell’UTC di Meta arch. Diego Savarese, non hanno alcun nesso e/o attinenza con l’ambiente, ragion per cui l’associazione del Panda non ha legittimità a visionare i progetti! Ci rendiamo conto…”, esordisce d’Esposito che non riesce a nascondere lo stupore per quanto scritto da Savarese nella lettera inviata al WWF. “E’ incredibile… a Meta siamo all’anno zero!!! Sembra di essere nel gioco dell’oca dove, quando stai per concludere il giro, all’improvviso devi tornare alla partenza. Il WWF da sempre è in prima linea nella battaglia legata alla spasmodica costruzione di parcheggi interrati in Penisola Sorrentina, che hanno comportato la violenta distruzione di interi giardini, agrumeti e fondi agricoli, con alberi di ciliegi, noci e ulivi anche plurisecolari e, con essi, dello stesso prezioso paesaggio. Dopo oltre un decennio di battaglie, diffide, ricorsi, denunce e processi, si è fatto finalmente chiarezza sulla reale applicazione della legge, che è stata troppe volte male interpretata e/o raggirata per consentire quello che è stato dalla nostra associazione definito il business Boxlandia: un giro di affari nell’ordine di diverse centinaia di milioni di euro!!!”.

Sembrava che si fosse riusciti a fermare boxlandia…

diniego pag.1“Proprio quando la distruzione dei nostri giardini sembrava frenata, a seguito di molteplici sentenze del TAR, del Consiglio di Stato e della Suprema Corte di Cassazione, oltre che di condanne in sede penale ed indagini avviate dalla Corte dei Conti, ma anche per la crisi e per la saturazione stessa del mercato, ecco che a Meta si ricomincia a tagliare alberi per costruire ennesimi box interrati. E quando il WWF, come da prassi, chiede di visionare i progetti, il Funzionario responsabile del Settore Urbanistica del C ci comunica, tramite messo comunale, che il WWF non ha diritto a vedere gli elaborati progettuali chiarendo che, ai sensi del Decreto legislativo 19 agosto 2005 n. 195 di recepimento della direttiva 2003/4CE concernente l’accesso alle informazioni in materia di ambiente e ai sensi della legge n. 108 del 2001 di recepimento della Convenzione di Aarhus sull’informazione e partecipazione del pubblico in materia di ambiente, la richiesta non può essere accolta in quanto i documenti non hanno rilievo ambientale ovvero la richiesta stessa non è individuata con riferimento alle matrici ambientali!”.

E’ certamente sconcertante questa decisione dell’UTC?

“Sono due, per la precisione, i Permessi di Costruire rilasciati a fine settembre 2016 nel comune di Meta (il n.2 rilasciato alla sig.ra Canale Concetta e sig. D’Alise Raffaele, comproprietari di un terreno di 517 mq. – e il n.3 rilasciato alla Società SO. GE. PA. s.r.l. rappresentata legalmente dal sig. Cacace Antonio, comproprietario assieme a Cacace Pasquale e Cacace Teresa di un terreno di 936 mq) per la realizzazione di autorimesse interrate, rispettivamente di 14 e 33 box auto, all’interno di fondi agricoli confinanti tra loro con accesso su via Corso Italia, un’arteria stradale ad altissima intensità di traffico veicolare trattandosi della principale via di accesso (entrata ed uscita) alla penisola sorrentina. Tale area, inoltre, è posta nelle immediate adiacenze di un’altra mega-autorimessa già realizzata a monte (in difformità dal progetto autorizzato come accertato dalla sentenza di primo grado del procedimento penale che ha visto la condanna degli imputati) e, qualora messa in essere, andrebbe a sconvolgere l’ennesimo tassello del fragile territorio agricolo del comune metese andando a costituire, senza soluzione di continuità, una conurbazione di parcheggi che unirebbe il Corso Italia al Ponte Orazio posto al confine del Vallone Lavinola, oltre ad un grave consumo di suolo.

Sul piano urbanistico come stanno le cose secondo il WWF?

“L’intervento urbanistico autorizzato appare in contrasto con la destinazione d’uso dell’area così come inquadrata nel P.R.G. del Comune di Meta. L’intervento in esame, infatti, come si deduce dal permesso rilasciato, si andrà a realizzare in zona territoriale “4” del P.U.T. dell’area Sorrentina-Amalfitana, ovvero di riqualificazione insediativa ed ambientale di 1° grado e, in ambito del P.R.G. vigente, nella zona territoriale “E” nella quale sono consentiti, (lett. f) le seguenti utilizzazioni: “infrastrutture di mobilità: percorsi pedonali, percorsi ciclabili, percorsi carrabili, parcheggi … ecc. In tale zona sono consentiti quindi anche “parcheggi”, ma nella misura in cui tali opere devono avere una valenza pubblica; ragion per cui per parcheggi è da intendersi parcheggi a rotazione e non già box auto che, come statuito oramai da diverse sentenze, sono da considerarsi a tutti gli effetti come opere di edilizia privata!!! Tra l’altro i permessi di costruire n.2 e n.3 sono stati rilasciati alla CONDIZIONE SPECIALE che vengano perfettamente osservate le disposizioni di cui alla Legge Regionale n°35/87. Alla luce di molteplici decisioni del TAR Campania e, oggi, anche del Consiglio di Stato, il rilascio dei permessi di costruire per la realizzazione di box auto in questione ci appare illegittimo, in quanto contrastanti con le norme vigenti e, per tale motivo, sarebbe saggio da parte del Funzionario comunale anziché tenere segregati gli atti, negando in modo pretestuoso e grave il diritto di accesso al WWF, in via di autotutela di revocare e/o in subordine di sospendere con immediatezza l’efficacia dei permessi di costruire rilasciati”.

A questo punto il WWF preannuncia che si rivolgerà alla Magistratura per far luce sull’intera operazione evidenziando che il diniego oppostogli dall’UTC di fatto impedisce all’Associazione di poter procedere a una scrupolosa verifica di tutta la documentazione.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Piano, rinnovato consiglio del Forum dei Giovani

Eletti 9 consiglieri su 13, gli altri saranno designati con un atto sindacale    Piano di Sorrento – Si è rinnovato consiglio…

16 Lug 2018 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

Incendio a Ponte vecchio

L'arrivo dell'autobotte per spegnete  incendio  divampato in un deposito verso le 20.30

15 Lug 2018 Meta Redazione

Vico Equense

Social World Film Festival, presentazione dell’8^ edizione

Nella conferenza stampa verranno svelati ospiti, programma completo e film in concorso Foto tratta da CinemaTographe   Redazione –…

17 Lug 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

LA FOTONOTIZIA Vip a Capri, sbarca sull'isola per le vacanze…

Il tenore visita la Grotta Azzurra e dà vita ad uno straordinario mini-concerto. IL VIDEO DELL'ESIBIZIONE                             Anche Andrea Bocelli a Capri.…

16 Lug 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Il put non si tocca, la Regione ci prova ,il…

La Regione modifica il Put Penisola Sorrentina-Amalfitana, attacco del Wwf Pubblicato il 10 luglio 2018 by Max in Sorrento Press È recentissima la bocciatura da parte della…

10 Lug 2018 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Primo Piano Redazione

Positano

Cetara, "Teatri in Blu" presenta "NIÑO"

Una storia vera, venuta alla luce soltanto pochi anni fa   Redazione - Terzo appuntamento con "Teatri in Blu", la seconda edizione…

17 Lug 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Vincenzo reagisce alle cure, martedì nuova delicata operazione

Genitori ringraziano per straordinaria manifestazione d’affetto «Il nostro Vincenzo risponde bene alle cure, vuole risvegliarsi, ma i medici hanno preferito lasciarlo…

14 Lug 2018 Campania Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook