Alla Libreria Tasso: UN RIBELLE A SCAMPIA

LUNEDI 20 marzo ore 19,00-20,00 Libreria Tasso Piazza Angelina Lauro, Carlo Alfaro presenta con Lisa Foglia, insegnante yoga e conduttrice di laboratori educativo-emozionali, il romanzo illustrato “Un ribelle a Scampia”, di Rosa Tiziana Bruno, importante autrice di fiabe didattiche e laboratori creativi. E’ un bellissimo libro sul disagio minorile e sul riscatto, attraverso la cultura, e rientra in un progetto di recupero per i ragazzi a rischio.

“Un ribelle a Scampia” di Rosa Tiziana Bruno, gennaio 2016, Edizioni Paoline, nella collana “Il parco delle storie”, diretta da Fulvia Degl’Innocenti, 128 pagine 12 euro

La trama: Nicola è l’ultimo figlio di una famiglia numerosa e povera, ultimo di quattro figli, padre disoccupato, madre casalinga, costretto a una vita di miseria e rinuncia. Abita a Napoli, nel quartiere Scampia, dentro Le Vele, i palazzoni fatiscenti e tutti uguali diventati simbolo del degrado e di destini che sembrano già scritti e spacciati, marchio di un ghetto divenuto inferno, dove la miseria e la delinquenza regnano senza opposizione. Frequenta la prima media, ma va a scuola di malavoglia, non gli va di rinchiudersi. Invece di andare in classe, se ne va in giro con gli amici. Ma sono “cattive compagnie”. Gli piacerebbe anche giocare con i bambini delle famiglie perbene, ma i genitori non vogliono che abbiano a che fare con uno di “quelli”, e Nicola non può che farsela con i ragazzi “malamente”, in un contesto di prepotenze da bulli e vandalismi. La vita di strada non fa sconti, e frequentando certi tipi di persone finisce irrimediabilmente per esserne coinvolto, fino a quando infatti viene avvicinato da ladri che lo coinvolgono prima nel furto di un motorino, poi in una rapina ad un distributore di benzina. Arrestato, finisce nel carcere minorile, a Nisida, ma non fa il nome dei complici. Si guadagna così il rispetto dei malavitosi e, una volta uscito dal carcere, viene ingaggiato come corriere della droga. La famiglia, abbagliata dall’improvviso benessere, fa finta di nulla, ma la polizia lo arresta di nuovo. La detenzione in carcere è uno shock. Uscito di nuovo, viene tolto alla famiglia, affidato a una casa-famiglia e cambia scuola. E’ questo cambiamento di luoghi e persone a salvare Nicola, a cambiargli la sorte, perché avvengono degli incontri che tirano fuori la parte buona e sana di lui, e in maniera inconscia o consapevole lo avvicinano ai libri e alla consapevolezza di sè: il cappellano, la professoressa di italiano, uno scrittore, la biblioteca. I libri lo attraggono: Nicola cerca da solo negli scaffali, un po’ a casaccio, e sceglie una graphic novel, perché si aiuta con le immagini, in mezzo a tante parole che non capisce, sembrano ostili, perché il ragazzo parla quasi solo in dialetto, e la lingua è uno scoglio. Il gioco del dizionario, proposto dalla professoressa di italiano a tutta la classe, per imparare parole nuove in modo divertente, spalanca a Nicola un altro mondo, quello della lettura. Attraverso le storie che legge, i confini della sua esistenza si dilatano, si allargano e includono altre vite, altri orizzonti, ma soprattutto nuove opportunità. Incoraggiato dalla professoressa di lettere, Nicola diventa un lettore sempre più accanito. Attraverso i libri scopre anche il rugby: sempre in biblioteca è colpito dalla copertina dedicata agli All Blacks, mitica squadra neozelandese degli inizi del Novecento, composta da gente semplice, come lui, come quelli attorno a lui, calzolai, fabbri, agricoltori, minatori. Il ragazzo si appassiona tanto alla lettura da contagiare anche gli amici di sempre, Ciro e Alessandro. Insieme organizzano i giovedì di Scampia, letture aperte al pubblico a cui, prima timidamente, poi con sempre maggiore interesse, partecipano gli abitanti del quartiere. Ogni racconto fa brillare un riflesso, una immedesimazione. Ad ogni lettura ci si specchia in una nuova narrazione e si sperimenta un altro sé: ci si identifica, confronta, riconosce nei protagonisti, ma si prendono anche le distanze da personaggi diversissimi e lontani. Insomma, nell’ambiente protetto di una storia, si sperimenta la possibilità di cambiare e di cambiarsi, venendo a contatto coi lati inediti di se stessi e degli altri attorno. Al primo incontro raccontano la storia di Ulisse: “Era come se nel destino di Ulisse fosse racchiusa la storia di ognuno. E ognuno ascoltando riconosceva qualcosa di sé. Ulisse era esattamente come tutti loro. Pieno di desiderio e coraggio, ma capace anche di perfidia e di inganno. Forte dinanzi al pericolo, ma anche pieno di fragilità. Nel suo peregrinare erano racchiuse le speranze di tutti, e le sue angosce contenevano i dolori di ognuno. Le contraddizioni, i disorientamenti, la voglia di perdersi. C’era proprio tutto. Sì, Ulisse era uno di loro, uno di Scampia”. Nicola “contava sul fatto che la vita è sorprendente come le avventure dei libri”. E per lui è proprio così. Migliora il rendimento scolastico, viene promosso agli esami di terza media con un ottimo voto e ottiene una borsa di studio per andare al liceo. Ormai adulto, girando nel suo quartiere vede un ragazzino impegnato a forzare l’accensione di uno scooter. Riconosce i gesti impacciati, i suoi, una vita prima. Il piccolo ladro lo prende per un poliziotto e scappa, ma Nicola lo raggiunge e gli parla: “Lo so come ti senti, hai la testa che scoppia, nessuno a cui chiedere aiuto e un vetro che ti separa dai tuoi sogni. C’è un solo modo per raggiungerli i sogni: imboccare la strada giusta, che è sempre alla luce del sole. Una volta trovata, ti senti in pace con tutto. Questo mondo non è perfetto, è ingiusto, spietato, a volte crudele. Ma tu puoi cambiarlo, puoi cambiare le cose. Quello che hai dentro, quello che sei, quello che vuoi essere, lo decidi tu. Pensaci, guagliò”. Dopo aver conseguito la laurea in architettura, Nicola realizza un sogno: impegnarsi per la riqualificazione del suo quartiere. Vuole restare a Scampia e risanarla. Il suo futuro è cercare di rendere il futuro migliore per tutti.

Le illustrazioni di Roberto Lauciello, con pagine di fumetti che riassumono le vicende: otto tavole, che arricchiscono con un altro linguaggio la narrazione del romanzo. La storia è sintetizzata con maestria in poche strisce e anche la quarta di copertina è affidata ai disegni, a conferma della pari dignità di ogni forma narrativa.

Il messaggio del romanzo è chiaro: anche dalla periferia più degradata si può cambiare il mondo, attraverso la cultura e lo sport, perché, dice l’autrice, “ognuno di noi è un pezzetto di cambiamento”. Il libro è rivolto ai ragazzi dai nove-dieci anni in su, ed è particolarmente adatto per un percorso di educazione alla legalità e alla cittadinanza, ma anche per un’educazione emotiva e relazionale, nella scuola primaria e secondaria di primo grado. Tematiche principali che emergono dal testo sono: Delinquenza minorile- Manovalanza adolescente della criminalità organizzata- Codici di comportamento malavitosi- Speranza e opportunità di cambiamento e riscatto.

Al libro è collegato il progetto “Il futuro attraverso le storie dei ragazzi”,  che si inserisce nell’ambito del “Festival di letteratura Scampia Storytelling”, organizzato dall’autrice per l’ICWA, “Associazione italiana scrittori per ragazzi”. I ragazzi di Scampia partecipano ad un laboratorio di lettura, con questo libro e con la graphic novel “Scampia Storytelling”, sceneggiata sempre da Rosa Tiziana Bruno, con le poesie di Roberto Piumini e le illustrazioni di Giuseppe Guida, al termine del quale sono invitati a scrivere sul tema “Immagini di futuro” le loro storie, che vengono raccolte su un blog (scampiastories.wordpress.com)

L’autrice

Rosa Tiziana Bruno

Nata a Napoli e residente a Salerno, sociologa, scrittrice e insegnante di scuola superiore, è specializzata nella formazione ai Diritti Umani, si occupa di intercultura e conduce studi sull’uso della fiaba nella didattica, organizzando laboratori di narrazione in cui utilizza i suoi libri. Autrice di saggi sull’educazione e racconti fiabeschi, ha pubblicato in Italia e all’estero. Il suo esordio come scrittrice è avvenuto con un saggio sul ruolo dei libri di testo nell’educazione. Il primo romanzo, “I ladri di favole” è stato pubblicato subito dopo aver ricevuto la menzione speciale al concorso “Una favola per la pace”, nel 2007. La protagonista è una bambina che lotta con caparbietà contro la distruzione della fantasia: con la sua forza di volontà e con l’aiuto dei libri, riesce a restituire al mondo intero qualcosa di importante che rischiava di andare perduto per sempre: le fiabe! Vincitrice del Premio Andersen–Tweet da favola nel 2013, è tra i candidati al Premio Strega Ragazzi 2016 e al Premio Bancarellino 2017. E’ anche formatrice di insegnanti presso il Comune di Roma, e organizza workshop di lettura e scrittura creativa per genitori e bambini. Ha collaborato con le riviste I nuovi orizzonti della scuola e Paesaggi Educativi, e scrive di educazione e scuola nella rubrica Education 2.0 del Corriere della Sera. Dal 2013 è membro dell’ICWA (Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi). Afferma: “Amo viaggiare, ma non solo inteso come spostamento fisico da un capo all’altro del mondo, bensì anche come esplorazione del pensiero. Adoro immaginare nuove realtà oltre i confini del visibile, scoprire le mille cose che si nascondono tra le pieghe della quotidianità e provare ad inventarne di nuove”.

 

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piano di Sorrento

Donato Cellini protagonista nel video di Manuel Auteri

Scelto da cantautore bolognese è il protagonista di una delle tre scene    Piano di Sorrento – A piccoli passi Donato Cellini…

21 Ott 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Piano di Sorrento Uncategorized Giuseppe Spasiano

Meta

GRANDE VITTORIA AVV. LUIGI ALFANO

Una grande vittoria per l'avvocato Luigi Alfano, noto legale Sorrentino ora anche cassazionista sempre dalla parte dei deboli. È di…

03 Ott 2017 Campania Meta Antonio Volpe

Vico Equense

Bloccati dai CC malintenzionati stranieri

Nelle loro auto sono stati trovati arnesi da scasso   Vico Equense – Non erano venuti in costiera sorrentina per una gita…

18 Ott 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Uncategorized Vico Equense Giuseppe Spasiano

Capri

Accoglienza calorosa a Capri per Berlusconi

Tornato sull'isola dopo 18 anni: applausi e selfie. IL VIDEO Capri - Accoglienza calorosa a Capri per il leader di Forza…

20 Ott 2017 Campania Capri Cronache d'Italia Italia del Sud Giuseppe Spasiano

Per Fabio Testi nuovo matrimonio

Dopo le nozze ad Anacapri si prepara a dire ancora una volta sì ad Antonella Capri  - Nozze bis per Fabio…

18 Ott 2017 Campania Capri Cronache d'Italia Europa Italia del Sud Uncategorized Giuseppe Spasiano

Positano

Maiori: smarrisce zaino con soldi e documenti

Lo ritrova l’autista di un bus Sita     Ancora una storia a lieto fine per una turista straniera in vacanza sulla Costiera…

20 Ott 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Giuseppe Spasiano

Vasto incendio sovrasta Praiano

Si teme per le case sottostanti   Foto tratta da positanonews.it  Redazione – Si sta sviluppando in queste ultime…

14 Ott 2017 Campania Cronache d'Italia Italia del Sud Positano / Costiera Amalfitana Uncategorized Giuseppe Spasiano

Inline

Seguici su Facebook

Inline

Seguici su Facebook